Novità fiscali del 29 agosto 2012: ai nastri di partenza la S.r.l. semplificata

 

 

Indice:

1) Sponsorizzazione sportiva: per l’azienda che sponsorizza la spesa è deducibile come pubblicità

2) Territorialità IVA: dal 2013 cambia nuovamente la disciplina

3) Ai nastri di partenza la S.r.l. semplificata

4) Rafforzamento del patrimonio delle banche: è decaduto il D.L. n. 87/2012

5) Uniemens: con il nuovo sistema emergono ulteriori problematiche

 

 

1) Sponsorizzazione sportiva: per l’azienda che sponsorizza la spesa è deducibile come pubblicità

Le aziende possono dedurre le spese di sponsorizzazioni interamente, ciò sulla base della sentenza n. 53/02/12 della Commissione Tributaria Provinciale di Lecce depositata lo scorso 21 febbraio 2012 (a tal fine, si veda il documento integrale pubblicato su Il Commercialista Telematico ieri).

Non è, dunque, una spesa di rappresentanza, ma si qualifica come spesa di pubblicità deducibile il costo sostenuto da un azienda per sponsorizzare un’attività sportiva.

Anche se in contrasto con la sentenza della Corte di Cassazione n. 8679/2011, i primi giudici pugliesi hanno dato ragione alla società sponsorizzatrice.

La C.T.P. ha spiegato  che, in relazione regime tributario delle sponsorizzazioni, per i soggetti esercenti l’attività di impresa che sostengono le relative spese, queste sono di regola riconducibili tra le “spese di pubblicità” e quindi integralmente deducibili secondo le modalità previste per queste ultime.

Sul punto viene richiamato l’orientamento enunciato dalla R.M. n. 2/1016 del 5/11/1974, secondo cui “le somme corrisposte a società sportive possono essere considerate di natura pubblicitaria – e come tali inerenti alla produzione di reddito – solo se abbiano come scopo unico quello di reclamizzare il prodotto commerciale per incrementare i ricavi e sempre che ai contributi faccia riscontro, in tal senso, una somma di obblighi contrattuali, anche in fatto osservati”.

A tal fine, anche in Dottrina é stato osservato che le spese di sponsorizzazione sono interamente deducibili anche se sostenute per promuovere la diffusione del nome o del marchio dell’impresa, considerato che esse sono correlate alle prestazioni effettuate nei confronti dello sponsor, in adempimento degli obblighi assunti con il contratto di sponsorizzazione e, pertanto, non suscettibili di essere inquadrate tra quelle di rappresentanza (si veda la risoluzione n. 356/E del 14/11/2002, e in giurisprudenza, Cassazione n. 9567/2007, per la quale “le spese di pubblicità, tra le quali rientrano quelle di sponsorizzazioni, sono costituite da costi sostenuti per pubblicizzare prodotti, marchi, o, comunque, l’attività svolta dall’impresa”.

Pertanto, ai fini della deducibilità delle spese di sponsorizzazione va ricercato quel legame logico (tra l’attività dell’azienda sponsorizzante e la promozione dedotta) che costituisce la linea di confine tra sponsorizzazioni deducibili e mera erogazione liberale, come tale estranea all’attività di impresa.

 

2) Territorialità Iva: dal 2013 cambia nuovamente la disciplina

Dal prossimo anno cambierà di nuovo la disciplina della territorialità dell’Iva.

Ciò sulla base della bozza del D.Lgs. di recepimento della Direttiva n. 2010/45/UE, cui viene prevista la rilevanza nel calcolo del volume d’affari.

La nuova disciplina in materia di fatturazione, modificata dalla citata Direttiva n. 2010/45/UE, è stata recepita da uno schema di Decreto Legislativo applicabile, dunque, alle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2013.

Tra le novità principali, viene prevista l’estensione dell’obbligo di emissione della fattura per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, territorialmente non rilevanti in Italia ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies) del DPR n. 633/1972, poste in essere nei confronti di soggetti passivi debitori d’imposta in altri Paesi Ue, ovvero di soggetti passivi stabiliti al di fuori della Ue.

Nel primo caso (committente comunitario), il documento emesso riporterà l’annotazione “inversione contabile”, mentre nel…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it