Novità fiscali del 30 luglio 2012: nuovi minimi, oggi ultimo giorno per le comunicazioni

 

 

Indice:

1) Modello 770/2012: si presenta entro il 20 settembre 2012

2) Lettera congiunta delle associazioni sull’applicazione degli IAS alle PMI

3) La riforma del lavoro limita i progetti

4) Extraue, innovazioni su sanzioni, PDS a chi denuncia sfruttamento e nuova regolarizzazione

5) Nuovo regime dei minimi: ultimo giorno per la comunicazione alle entrate

6) Nuove modalità di presentazione della domanda di mobilità in deroga

7) Indennità di disoccupazione agricola: al via la verifica per i titolari di partita Iva

8) Approvato il parere della Camera sul DPR professioni: CNDCEC soddisfatto

9) Tirocinio: indicazioni del Ministero della Giustizia

10) Consulenti lavoro: obbligo assicurazione professionale, stipulata la convenzione

 

 

1) Modello 770/2012: si presenta entro il 20 settembre 2012

E’ stato pubblicato nella tarda serata del 26 luglio 2012 il comunicato stampa del Ministero dell’Economia e delle Finanze che ha reso noto la stesura e firma del  Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 26 luglio 2012, con il quale si stabilisce l’avvenuta proroga per i modelli di dichiarazione 770/2012.

La presentazione del Modello 770/2012 fissata al 31 luglio 2012 è stata, dunque, spostata al 20 settembre 2012.

Come è stato riportato nel citati comunicato stampa n. 106 del 26 luglio 2012 del ministero dell’Economia e delle Finanze “il differimento dei termini di presentazione dei modelli 770/2012 semplificato e 770/2012 ordinario è stato accordato per tenere conto delle esigenze rappresentate dalle categorie professionali in relazione ai numerosi adempimenti fiscali da porre in essere per conto dei contribuenti e dei sostituti d’imposta.

Il provvedimento, sebbene molto atteso soprattutto dagli intermediari fiscali autorizzati, è avvenuto in notevole ritardo.

La decisione ufficializzata a quattro giorni dalla scadenza, presumibilmente verrà fruita da pochi.

La situazione di quest’anno è stata resa, poi, ancor più difficoltosa dai numerosi provvedimenti che si sono susseguiti nel corso del 2011 e che hanno modificato alcune procedure proprio con effetto a partire dalle dichiarazioni dei redditi del 2012.

Cui è scaturito l’invito più volte fatto dal Consiglio Nazionale dai Consulenti del lavoro di avere più tempo a disposizione.

Peraltro, la nuova data del 20 settembre 2012 è stata scelta per evitare il successivo sovrapporsi con la scadenza del 1° ottobre 2012, fissata per la trasmissione telematica del Modello Unico 2012.

(Ministero dell’Economia e delle Finanze, comunicato n. 106 del 26 luglio 2012)

 

2) Lettera congiunta delle associazioni tra le società quotate all’International Accounting Standards Board sull’applicazione degli IAS alle PMI

Assonime, insieme alla Quoted Companies Alliance inglese, Deutsches Aktieninstitut tedesca e MiddleNext francese ha inviato a Michel Prada, Presidente dell’IFRS Foundation Trustees (che promuove i lavori dell’International Accounting Standards Board – IASB), una lettera in cui si evidenziano le difficoltà nell’applicazione dei principi contabili internazionali (IFRS), in particolare per le PMI.

Le quattro Associazioni invitano lo IASB a compiere una review dei costi e dei benefici dell’applicazione degli IFRS alle piccole e medie imprese e a riflettere su come questi standard possano essere modificati.

La questione si rivela di particolare importanza in un momento storico in cui sono sempre più evidenti il ruolo svolto dalle PMI nell’economia europea e il loro contributo fondamentale alla crescita economica.

(Assonime, nota del 26 luglio 2012)

 

3) La riforma del lavoro limita i progetti

Le modifiche della riforma del lavoro sulle collaborazioni coordinate e continuative portano a una notevole stretta su questa fattispecie contrattuale: La norma recepisce infatti gran parte degli orientamenti giurisprudenziali intervenuti negli ultimi anni, introducendo una serie di presunzioni di subordinazione.

Lo affermano i Consulenti…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it