Novità fiscali del 12 luglio 2012: studi di settere e Gerico, tutti gli aggiornamenti

Pubblicato il 12 luglio 2012

studi di settore e versamenti da Unico 2012: dietrofront delle entrate; riqualificazione energetica degli edifici: detrazione fiscale del 55% per tutti; incentivi per impianti fotovoltaici in Gazzetta Ufficiale; il sequestro dei documenti contabili dell’imprenditore deve sempre essere motivato; MEF: presentate le linee guida sull’IMU e le proposte di modifica per l’esenzione degli enti non commerciali; lavoratori domestici: pagamenti a rate dei contributi; somme da restituire al datore di lavoro da parte del lavoratore; GERICO 2012: l’Agenzia delle Entrate ha finalmente pubblicato la circolare n. 30 del 11.07.2012 relativa agli studi di settore 2011; studi di settore 2012: è inaccettabile il comportamento dell’Amministrazione Finanziaria

 

Indice:

1) Studi di settore e versamenti da Unico 2012: dietrofront delle entrate

2) Riqualificazione energetica degli edifici: detrazione fiscale del 55% per tutti

3) Incentivi per impianti fotovoltaici in Gazzetta Ufficiale

4) Il sequestro dei documenti contabili dell’imprenditore deve sempre essere motivato

5) MEF: presentate le linee guida sull’IMU e le proposte di modifica per l’esenzione degli enti non commerciali

6) Lavoratori domestici: pagamenti a rate dei contributi

7) Somme da restituire al datore di lavoro da parte del lavoratore

8) GERICO 2012: l’Agenzia delle Entrate ha finalmente pubblicato la circolare n. 30 del 11.07.2012 relativa agli studi di settore 2011

9) Studi di settore 2012: è inaccettabile il comportamento dell’Amministrazione Finanziaria

 

 

1) Studi di settore e versamenti da Unico 2012: dietrofront delle entrate

Nessuna maggiorazione per versamenti tardivi. L’Agenzia delle entrate, dopo le vibrate proteste del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro è intervenuta tempestivamente.

Il direttore Befera, con una lettera indirizzata alla presidente Calderone, ha comunicato che i contribuenti soggetti agli studi di settore che intendano adeguarsi a ricavi e compensi in base alla nuova versione del software, potranno farlo versando le maggiori imposte dovute al Fisco entro il 20 agosto, senza il pagamento della maggiorazione dello 0,40%.

E’ un gesto di grande civiltà giuridica di cui diamo atto al direttore Befera”, ha commentato la presidente del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro nella nota del 11.07.2012.

Ecco di seguito il comunicato stampa dell’Agenzia delle entrate del 10.07.2012:

Ultima versione di Gerico con maggiori ricavi o compensi rispetto alla precedente: Versamento senza sanzioni per chi si adegua agli studi entro il 20 agosto

I soggetti che applicano gli studi di settore e che ritengono opportuno adeguarsi ai ricavi o ai compensi stimati sulla base della versione 1.0.2 di GERICO (sempre che gli stessi siano diversi da quelli calcolati con la versione 1.0.1) potranno farlo versando le maggiori imposte dovute per adeguamento entro il termine del 20 agosto 2012 senza il pagamento della maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo.

Questa possibilità, già evidenziata con il comunicato stampa del 13 luglio 2010 in relazione a una situazione analoga, è ammessa sulla base dei principi di collaborazione e di buona fede previsti dallo Statuto dei diritti del contribuente.

Sono stati, infatti, individuati malfunzionamenti del software che hanno reso necessaria la sua ripubblicazione in data 5 luglio (versione 1.0.2) 2012.

Al riguardo, i diversi e rilevanti interventi modificativi degli studi di settore, in particolare la “revisione congiunturale speciale” approvata con decreto ministeriale 13 giugno 2012, pubblicato in Gazzetta Ufficiale due giorni dopo, hanno comportato effetti di rilievo sul software GERICO.

In merito, nonostante una intensa attività di test effettuata sia dal partner tecnologico dell'Agenzia, anche sulla base di specifiche banche dati random appositamente elaborate dalla SO.SE., sia dall'Agenzia stessa, si sono rese necessarie le modifiche al software dettagliatamente elencate sul sito delle Entrate.

 

2) Riqualificazione energetica degli edifici: detrazione fiscale del 55% per tutti

Secondo il parere dell’Associazione Italiana Dottori Commercialisti – AIDC – (Norma di comportamento n. 184 del 2012), la detrazione del 55%, fruibile sulle spese destinate alla riqualificazione energetica degli edifici, spetta a qualsiasi tipologia di contribuente (persona fisica o società) a prescindere dalla categoria catastale della costruzione, dal tipo di attività svolta e dalla natura del reddito.

 

3) Incentivi per impianti fotovoltaici in Gazzetta Ufficiale

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale (n. 159 del 10.07.2012) due decreti, in particolare, si tratta del Decreto 05.07.2012, emanato in attuazione dell’art. 25 del Decreto Legislativo n. 28/2011, recante incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici (c.d. Quinto Conto Energia), nonché del Decreto 06.07.2012 recante incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici, in attuazione dell’art. 24 del medesimo Decreto Legislativo n. 28/2011.

 

4) Il sequestro dei documenti contabili dell’imprenditore deve sempre essere motivato

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27296 del 10.07.2012, ha accolto il ricorso di un piccolo imprenditore, sospettato di frode fiscale, al quale la Guardia di Finanza, durante un’ispezione, aveva sequestrato file e documenti, senza una ben precisa motivazione, avvalendosi soltanto di frasi generiche, del tipo: “si decide di procedere a perquisizione al fine di avvalorare, o meno, l’ipotesi investigativa”.

In particolare, nel corso di una perquisizione, erano stati trovati documenti che attestavano vendite intracomunitarie di telefoni cellulari.

Insomma secondo la Suprema Corte tali affermazioni generiche non sono sufficienti a costituire un valido sostegno motivazionale “circa la strumentalità probatoria delle cose sequestrate rispetto ai reati fiscali”.

Verifiche, dati della GdF con meno formalismo

Invece, la Corte di Cassazione, stavolta, con la sentenza n. 11607 del 10.07.2012, ha stabilito che è legittimo l’accertamento fiscale basato sui dati raccolti dalla Guardia di Finanza anche se trasmessi agli uffici delle Entrate senza autorizzazione della Procura.

 

5) MEF: presentate le linee guida sull’IMU e le proposte di modifica per l’esenzione degli enti non commerciali

Linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti di applicazione dell’Imposta Municipale Propria (IMU).

Il progetto “Sviluppo della capacità di monitorare l’andamento dei costi di servizi e funzioni pubbliche nella prospettiva del federalismo fiscale” è finalizzato all’analisi e all’a pprofondimento dei temi inerenti al federalismo fiscale e al supporto alle amministrazioni regionali e locali delle Regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) nel processo di adeguamento ai cambiamenti auspicati dalla riforma. Il progetto è promosso dal Dipartimento delle Finanze, nell’ambito del PON GAS 2007-2013, ed è attuato da Studiare Sviluppo quale struttura in house del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF).

Tra le altre azioni del progetto, una linea di attività specifica è finalizzata all’a pprofondimento degli aspetti metodologici, normativi e regolamentari in materia di decentramento fiscale e all’elaborazione di modelli e strumenti che ne possano supportare l’attuazione.

Negli ultimi mesi, un gruppo di esperti di settore incarica