S’intensificano i controlli sul no profit

di Roberta De Marchi

Pubblicato il 14 giugno 2012

l'area del terzo settore ha presentato aspetti molto critici per quanto riguarda l'evasione fiscale, per il 2012 l'Agenzia intende combattere il fenomeno con controlli sempre più severi

La circolare n. 18/E del 31 maggio 2011 ha delineato l’attività di prevenzione e contrasto dell’evasione per il corrente anno.

Particolare attenzione viene dedicata all’intercettazione delle norme agevolative, in termini sia di recupero dell’evasione pregressa, sia dissuasivi, per la fuoriuscita dei soggetti privi degli specifici requisiti previsti dai settori agevolati.

Focalizziamo la nostra attenzione su questi aspetti.

 

ENTI NON COMMERCIALI, ONLUS E ALTRI SOGGETTI CHE FRUISCONO DI REGIMI AGEVOLATIVI (SOCIETÁ COOPERATIVE E SETTORE AGRICOLO)

La circolare appena diramata prende atto, innanzitutto, che l’attività di controllo sul comparto degli enti non commerciali, delle ONLUS e degli altri soggetti che fruiscono di regimi agevolativi, solo recentemente pianificata in modo distinto ed organico, sta dando risultati molto positivi e, nel 2011, ha registrato un importante salto di qualità.

Nel corso del 2012 occorre pertanto consolidare il detto trend positivo seguendo gli indirizzi operativi nel tempo forniti (in specie quelli contenuti nella circolare n. 21/E del 2011) tenendo conto di quanto di seguito specificato con riguardo alle varie tipologie di soggetti compresi nella platea in questione.

 

Enti non commerciali

Con riferimento all’utilizzo abusivo delle agevolazioni riservate agli enti non commercial