Regime dei minimi e partita IVA inattiva, coefficienti di ammortamento, contributo ACE permanente, cessazione attività e riporto delle perdite, agevolazione del 36% e spese condominiali

QUESITO N. 1: Partita Iva inattiva e accesso al regime dei minimi
Un contribuente ha aperto la Partita Iva nel 2009 per poi cessarla nel 2010. Nell’arco di questo periodo non ha emesso alcuna fattura e nemmeno ha ricevuto fatture. Adesso nel 2012 è possibile accedere al regime dei minimi?
 
RISPOSTA
Secondo quanto disposto dall’art. 27 del D.L. 98/2011 “il regime di cui all’articolo 1, commi da 96 a 117, della legge 24 dicembre 2007, n. 244” (regime dei minimi), è applicabile a decorrere dal 2012 esclusivamente alle persone fisiche che intraprendono un’attività d’impresa o di lavoro autonomo o hanno intrapreso un’attività d’impresa o di lavoro autonomo dal 2008.
Tra i requisiti richiesti per l’applicazione del nuovo regime in esame figura anche il fatto che il contribuente non deve aver …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it