Prorogati i versamenti da Unico 2012

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 11 giugno 2012



finalmente ufficializzata la proroga (anche se il decreto sarà pubblicato domani) dei versamenti relativi ad Unico 2012; attenzione, la proroga non interessa gli enti non profit ed i versamenti IMU

La proroga al 9.7.2012 dei versamenti relativi a UNICO 2012 interessa tutte le persone fisiche nonché i soggetti diversi dalle persone fisiche che svolgono attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.

Rientrano nel nuovo termine i soci delle società trasparenti di persone e/o di capitali.

Il D.P.C.M. con la proroga dei versamenti è in attesa la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, probabilmente domani, martedì 12.6.2012.

A tal fine, venerdì scorso (8.6.2012), il Ministero dell’economia e delle finanze ha diramato una nota in cui si precisa che per i contribuenti soggetti agli studi di settore sono state differite le scadenze di versamento previste dalle dichiarazioni fiscali.

Confermato, invece, entro il 18 giugno il pagamento della prima rata IMU.

E’ disponibile sul sito www.finanze.gov.it il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che, in analogia a quanto disposto per l’anno scorso, dispone il differimento dei termini di effettuazione dei versamenti risultanti dalle dichiarazioni fiscali anche per l’anno 2012.

Il provvedimento stabilisce che le persone fisiche ed i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore, tenuti ad effettuare, entro il 18 giugno 2012, i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, da quelle in materia di imposta regionale sulle attività produttive e dalla dichiarazione unificata annuale (che comprende anche i versamenti previsti per la cedolare secca sugli affitti) possono effettuare i predetti versamenti:

a) entro il 9 luglio, senza alcuna maggiorazione;

b) dal 10 luglio 2012 al 20 agosto 2012, maggiorando le somme da versare dello 0,40 per cento a titolo di interesse corrispettivo.

Il differimento dei termini di effettuazione dei versamenti è stato introdotto al fine di consentire il corretto svolgimento degli adempimenti connessi alla predisposizione delle dichiarazioni e alla definizione dei versamenti nonché il superamento di talune criticità operative riscontrate da parte dei soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.

Per quanto riguarda gli altri adempimenti fiscali, sono confermate le scadenze ordinarie:

In particolare, è confermata per il 18 giugno la scadenza del pagamento della prima rata IMU.

In tale contesto, da ricordare che il Ministero dello Sviluppo economico, con la circolare n. 103161 del 2011, ebbe a precisare che la proroga è applicabile anche al diritto camerale, ciò poiché il termine per il versamento del diritto
annuale è “ancorato” al termine di versamento del primo acconto delle imposte sui redditi, ovviamente il differimento riguarda solo il diritto annuale dovuto dai contribuenti soggetti agli studi di settore, compresi i soggetti REA eventualmente rientranti in tale fattispecie.

Alla luce di ciò non sono interessate dalla proroga gli enti non commerciali (come nel caso delle associazioni sportive dilettantistiche), poiché, in atto, non sono ancora sottoposti agli obblighi degli studi di settore, per l’esercizio della propria attività commerciale sussidiaria.

 

11 giugno 2012

 

Vincenzo D’Andò