Novità fiscali del 28 maggio 2012: i codici F24 per i nuovi minimi

Pubblicato il 28 maggio 2012

nuovo regime dei minimi: istituiti i codici tributo per pagare l’imposta sostitutiva del 5%; IMU: poste e banche devono accettare anche le deleghe di pagamento senza indicazione del numero di rate scelte; ditte e professionisti: pronto il software per comunicare le variazioni Iva; Gerico 2012: resa disponibile soltanto la versione beta; Modello 730/2012: pubblicata la circolare delle Entrate; approvato il modello F24 semplificato utile per l’IMU; pubblicati gli elenchi definitivi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille 2012 aggiornati al 25.05.2012

Novità fiscali del 28 maggio 2012

 

 

Indice:

 

1) Nuovo regime dei minimi: istituiti i codici tributo per pagare l’imposta sostitutiva del 5%

 

2) IMU: poste e banche devono accettare anche le deleghe di pagamento senza indicazione del numero di rate scelte

 

3) Ditte e professionisti: pronto il software per comunicare le variazioni Iva

 

4) Gerico 2012: resa disponibile soltanto la versione beta

 

5) Modello 730/2012: pubblicata la circolare delle Entrate

 

6) Approvato il modello F24 semplificato utile per l’IMU

 

7) Pubblicati gli elenchi definitivi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille 2012 aggiornati al 25.05.2012

 

 

1) Nuovo regime dei minimi: istituiti i codici tributo per pagare l’imposta sostitutiva del 5%

Fisco leggero per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità: Pronti i codici tributo per versare l’imposta del 5%

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 52/E del 25.05.2012, ha istituito i seguenti codici tributo, da indicare nel Modello F24, per il versamento dell’imposta sostitutiva prevista in favore degli under 35 e dei lavoratori in mobilità che usufruiscono del regime fiscale di vantaggio che prevede un prelievo del 5% in sostituzione dell’Irpef e relative addizionali (art. 27, D.L. n. 98/2011):

- codice 1793 - per il versamento dell’acconto dell’imposta sostitutiva, prima rata;

- codice 1794  - per il versamento dell’acconto, seconda rata;

- codice 1795 - per il versamento del saldo.

Il regime dura 5 anni (per il primo anno di attività e per i quattro successivi), ma questo limite non vale per i più giovani che possono usufruirne fino ai 35 anni.

Possono accedere sia i contribuenti che aprono un’attività ex novo sia coloro che l’hanno intrapresa dopo il 31.12.2007.

Tutte le istruzioni per usufruire dell’imposta agevolata, prevista dall’art. 27 del D.L. n. 98/2011, sono contenute nel provvedimento del 22.12.2011 del direttore dell’Agenzia delle Entrate, pubblicato sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it.

 

2) IMU: poste e banche devono accettare anche le deleghe di pagamento senza indicazione del numero di rate scelte

Le deleghe di pagamento già compilate senza l’indicazione della scelta all’interno del riquadro “rateazione/mese rif.” sono comunque considerate corrette e devono essere accettate dagli intermediari della riscossione (banche, Poste Italiane Spa e Agenti della riscossione).

Con l’entrata in vigore dell’art. 4, comma 5 lettera i) del Decreto Legge n. 16/2012 (introdotto in sede di conversione dalla Legge n. 44 del 26.04.2012) i contribuenti hanno la possibilità di versare l’acconto dell’IMU dovuta per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in due rate (scadenza il 18.06.2012 e il 17.09.2012), mentre il versamento del saldo è previsto in unica soluzione (scadenza il 17.12.2012).

Ai fini della corretta esecuzione dei versamenti relativi all’IMU, l’Agenzia ha precisato, quindi, che è ora necessario indicare nella delega di pagamento F24 il numero di rate scelto dal contribuente per il pagamento di giugno (1 o 2 per l’acconto nel formato rispettivamente 0101 e 0102).

Le deleghe di pagamento già compilate senza l’indicazione della scelta all’interno del riquadro “rateazione/mese rif.” sono comunque considerate corrette e devono essere accettate dagli intermediari della riscossione (banche, Poste Italiane Spa e Agenti della riscossione).

(Agenzia delle Entrate, comunicato del 24.05.2012)

 

3) Ditte e professionisti: pronto il software per comunicare le variazioni Iva 

Dal 25.05.2012, sul sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile il software di compilazione del modello di comunicazione Iva AA9/11.

L’Agenzia delle Entrate ha predisposto il software per la compilazione delle Dichiarazioni di Inizio Attività, Variazione Dati e Cessazione Attività Iva, per le imprese individuali e lavoratori autonomi (mod. AA9/11).

Il prodotto può essere utilizzato sia da chi intende trasmettere direttamente la propria dichiarazione (Fisconline) sia dagli intermediari che la trasmettono per conto di altri (Entratel).

Aggiornamenti

Software del 22.05.2012 adeguato al nuovo modello AA9/11:

E’ consentita la compilazione, nella dichiarazione di inizio attività e variazione dati, della casella Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanil