Il modello Unico mini

di Federico Gavioli

Pubblicato il 16 maggio 2012

dedichiamo questo articolo alla compilazione del modello semplificato Unico mini per le persone fisiche: in quali casi si utilizza? Di quali quadri si compone?

Il modello Unico Persone fisiche "Mini" è una versione semplificata, ideata per agevolare i contribuenti che si trovano nelle situazioni meno complesse; con il presente commento vediamo di analizzare la sua composizione e la struttura.

 

I soggetti che possono utilizzare UNICO PF MINI

Possono utilizzare Unico PF Mini i contribuenti residenti in Italia che:

  • non hanno cambiato il domicilio fiscale dal 1° novembre dell’anno precedente a quello di presentazione della dichiarazione (i.e. dal 1° novembre 2010 per Unico 2012);

  • non sono titolari di partita Iva;

hanno percepito uno o più dei seguenti redditi:

  • redditi di terreni e di fabbricati ;

  • redditi di lavoro dipendente o assimilati (i.e. compensi percepiti da soci di cooperative di produzione e lavoro, remunerazioni dei sacerdoti, assegni periodici corrisposti al coniuge) e di pensione ;

  • redditi derivanti da attività commerciali e di lavoro autonomo non esercitate abitualmente e quelli derivanti dall’assunzione di obblighi di fare, non fare e permettere;

  • vogliono fruire delle detrazioni (i.e. spese sanitarie, interessi passivi su mutui...), e delle deduzioni (i.e. contributi previdenziali e assistenziali, spese sanitarie sostenute dai disabili...) per le spese sostenute, nonché delle detrazioni per carichi di famiglia e lavoro (i.e. per coniuge e/o figli a carico, per lavoro dipendente...);

  • non devono presentare la dichiarazione per conto di altri (i.e. erede, tutore);

  • non devono indicare un domicilio per la notificazione degli atti diverso dalla propria residenza anagrafica;

  • non devono presentare una