Dichiarazione congiunta: responsabilità solidale dei coniugi

Quando i coniugi non legalmente ed effettivamente separati presentano su un unico modello la dichiarazione dei redditi di ciascuno di essi, a norma della L. 13 aprile 1977, n. 114, art. 17, i relativi accertamenti in rettifica, aventi a oggetto perciò i redditi di ciascuno di essi, sono effettuati a nome di entrambi i coniugi e notificati nei confronti del marito, cui è notificata la cartella dei pagamenti dell’imposta sul reddito delle persone fisiche iscritta nei ruoli; “per il pagamento dell’imposta, soprattasse, pene pecuniarie e interessi iscritti a ruolo a nome del marito”. All’esito dei detti accertamenti in rettifica, i coniugi sono responsabili in solido.
Lo ha sostenuto la Corte di Cassazione, con la sentenza numero 3526, pubblicata il 7 marzo 2012.
In applicazione del suddetto principio di diritto, una donna è stata riconosciuta debitrice della maggiore Irpef che il Fisco ha accertato induttivamente a carico del marito imprenditore…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it