Spesometro 2011 ed operazioni sotto soglia


Il calvario per l’invio dello spesometro relativo alle operazioni rilevanti effettuate nel 2011 sta continuando a produrre nuovi documenti di prassi da parte dell’Agenzia delle Entrate. Ieri 5 aprile, con apposito comunicato stampa (n. 46 del 2012), l’Agenzia ha specificato che il software d’invio è stato aggiornato e che sarà possibile inviare i dati relativi ad operazioni di importo inferiore alla soglia stabilita.

In pratica, si permette ai contribuenti di anticipare l’invio dei dati come avverrà col futuro elenco clienti-fornitori già per il periodo d’imposta 2011.

 

Pertanto, in vista della vicina scadenza del 30.04.2012, possiamo così riassumere gli obblighi e le nuove possibilità per i contribuenti:

  1. dovranno comunicare le operazioni soggette all’obbligo di fatturazione di importo pari o superiore ad € 3.000 al netto dell’Iva (effettuate dallo 01.01.2011 al 31.12.2011);

  2. dovranno comunicare le operazioni non soggette all’obbligo di fatturazione di importo pari o superiore ad 3.600 al lordo dell’Iva (effettuate dallo 01.04.2011 al 31.12.2011);

  3. potranno comunicare anche le operazioni sotto soglia. L’Agenzia delle Entrate, infatti, modificando il software in previsione dell’entrata in vigore del nuovo spesometro (c.d. elenco clienti-fornitori) previsto dal D.l. 16/2012, ha di fatto concesso la possibilità al contribuente di scegliere se inserire o meno, nella comunicazione in scadenza il 30 aprile, le operazioni sotto soglia.

 

Crediamo che sarebbe opportuno chiarire, da parte dell’Amministrazione, che l’invio di dati sotto soglia, ammesso dal programma, non generi successive sanzioni a carico del contribuente che li invia.

 

Abbiamo predisposto un’utilissima circolare informativa già pronta sullo spesometro, clicca qui per approfondire…

 

6 aprile 2012

Commercialista telematico


Partecipa alla discussione sul forum.