Novità fiscali del 30 aprile 2012: la Corte Costituzionale ammette la possibilità di sospendere le sentenze tributarie

Pubblicato il 30 aprile 2012

Consulta: sentenze tributarie della C.T.P. e della C.T.R. sospendibili; modello 730 e denuncia dell’imposta sulle assicurazioni: prorogati i termini di presentazione; entro il 30.04.2012 le strutture private devono inviare al Fisco la comunicazione delle somme riscosse per i medici; apprendistato a regime dal 26 aprile: perplessità dai Consulenti del lavoro; F24: anticipazione oneri indennità di mobilità; premi Inail: riduzione per le imprese di autotrasporto; aggiornato il Modello Unico PF 2012 - Fascicolo 3 e gli studi di settore (bozze non definitive); Documento di Economia e Finanza (DEF) 2012; transazione intracomunitaria: le conseguenze per la mancata iscrizione al VIES

 

 

Indice:

 

1) Consulta: sentenze tributarie della C.T.P. e della C.T.R. sospendibili

 

2) Modello 730 e denuncia dell’imposta sulle assicurazioni: prorogati i termini di presentazione

 

3) Entro il 30.04.2012 le strutture private devono inviare al fisco la comunicazione delle somme riscosse per i medici

 

4) Apprendistato a regime dal 26 aprile: perplessità dai Consulenti del lavoro

 

5) Modello F24: anticipazione oneri indennità di mobilità

 

6) Premi Inail: riduzione per le imprese di autotrasporto

 

7) Aggiornato il Modello Unico PF 2012 - Fascicolo 3 e gli studi di settore (bozze non definitive)

 

8) Documento di Economia e Finanza (DEF) 2012

 

9) Transazione intracomunitaria: le conseguenze per la mancata iscrizione al VIES

 

 

1) Consulta: sentenze tributarie della C.T.P. e della C.T.R. sospendibili

Anche nell’ambito del contenzioso fiscale possono essere sospese le sentenze delle Commissioni tributarie (Provinciale e Regionale).

Lo ha confermato la Corte Costituzionale, con la sentenza n. 109 del 2012.

La Consulta ha, quindi, confermato l’applicabilità, nel processo tributario:

- dell’art. 373 c.p.c., relativo alla possibilità, per il giudice di appello, di sospendere la sentenza dallo stesso emessa e impugnata mediante ricorso per Cassazione;

- dell’art. 283 c.p.c., relativo alla possibilità, per il giudice di appello, di sospendere la sentenza di primo grado.

 

 

2) Modello 730 e denuncia dell’imposta sulle assicurazioni: prorogati i termini di presentazione

Chi presenta il modello 730 per dichiarare i redditi 2011, ha tempo fino al prossimo 16 maggio, se lo consegna al sostituto d’imposta, oppure fino al 20 giugno, se lo presenta a un Caf o a un professionista abilitato.

Lo stabilisce un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri firmato il 26.04.2012, che ha, inoltre, previsto la proroga dei termini per inviare la denuncia dell’imposta sulle assicurazioni dovuta sui premi e sugli accessori incassati nel periodo d’imposta precedente, che slitta dal 31 maggio al 2 luglio.

Lo scadenzario per i Caf e i sostituti d’imposta

Entro il 15 giugno i sostituti d’imposta devono consegnare al contribuente la copia della dichiarazione elaborata e il relativo prospetto di liquidazione, mentre i Caf o i professionisti abilitati hanno tempo fino al 2 luglio.

Per comunicare, invece, il risultato finale delle dichiarazioni ed effettuare la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni presentate, i Caf e i professionisti abilitati hanno tempo fino al 12 luglio.

Nuovo calendario fiscale

Scadrà il 16.05.2012 (dal 30 aprile) la presentazione del modello 730/2012 (redditi 2011) e del 730-1 (5 e 8 per mille) per chi consegna al sostituto d’imposta;

- è adesso fissato al 20.06.2012 (anziché al 31 maggio) il termine per consegnare il 730/2012 al Caf o a un professionista abilitato;

- sono passati al 02.07.2012 (anziché al 31 maggio) i termini per inviare la denuncia dell’imposta sulle assicurazioni dovuta sui premi e sugli accessori incassati nel periodo d’imposta precedente;

- la consegna al contribuente della copia della dichiarazione elaborata e del relativo prospetto di liquidazione (730-3), adesso dovrà avvenire entro il 15.06.2012 (anziché il 31 maggio) da parte dei sostituti d’imposta ed entro il 02.07.2012 (anziché il 15 giugno) da parte dei Caf o i professionisti abilitati;

- la comunicazione del risultato finale delle dichiarazioni e la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni presentate, potranno essere effettuate dai Caf e dai professionisti abilitati fino al 12.07.2012 (anziché al 30 giugno).

(Agenzia delle Entrate, comunicato del 26.04.2012)

 

 

3) Entro il 30.04.2012 le strutture private devono inviare al fisco la comunicazione delle somme riscosse per i medici

La comunicazione telematica riguarda le somme incassate, nel corso del 2011, in nome e per conto dei professionisti sanitari che hanno effettuato prestazioni in loco.

In particolare, le strutture sanitarie private, organizzate in qualsiasi forma, sono tenute a:

- riscuotere, in nome e per conto dei professionisti, i compensi corrisposti dai pazienti per le prestazioni mediche e paramediche di lavoro autonomo ricevute nei locali della struttura;

- registrare i compensi riscossi. Quindi annotare, distintamente per ciascuna operazione di riscossione, la data di pagamento e gli estremi della fattura emessa dal professionista, le generalità e il codice fiscale del destinatario del compenso, l’ammontare del corrispettivo riscosso e la modalità di pagamento;

- riversare a ciascun medico o paramedico gli importi riscossi, in caso di pagamento in contanti; oppure consegnare i documenti ritirati o emessi, in caso di pagamenti alternativi al contante (per es., assegni, carte di credito);

- comunicare telematicamente all’Agenzia delle Entrate l’ammontare dei compensi complessivamente riscossi per ogni medico e paramedico in ciascun anno solare.

Questa comunicazione deve essere effettuata entro il 30 aprile di ciascun anno relativamente ai compensi complessivamente riscossi in nome e per conto di ciascun medico e paramedico dal 1° gennaio al 31 dicembre dell’anno precedente.

Le strutture sanitarie private devono utilizzare il servizio Entratel e verificare la coerenza dei dati comunicati con le istruzioni dell’Agenzia (specifiche tecniche allegate al provvedimento del 13.12.2007).

 

 

4) Apprendistato a regime dal 26 aprile: perplessità dai Consulenti del lavoro

Apprendistato a regime dal 26 aprile, ma la riforma bloccherà le assunzioni. Le misure contenute nella riforma del mercato del lavoro sono insufficienti per lo sviluppo dell’apprendistato, anzi pongono dei vincoli per i datori di lavoro tali da scoraggiare l’avvio del rapporto con questo contratto individuato, invece, da tutti come la principale modalità d’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Lo affermano i Consulenti del lavoro (nota del 27.04.2012), i quali ricordano che in materia di apprendistato l’intera riforma è già raccolta nel recentissimo Testo Unico (D.Lgs. n. 167/2011 in vigore dal 25.10.2011) entrato a regime il 26 aprile, al termine del periodo transitorio che consentiva di avviare al lavoro con la precedente normativa.

A parere dei Consulenti del lavoro, la nuova norma avrebbe dovuto far ripartire i c