Novità fiscali dell'11 aprile 2012 - riforma del mercato del lavoro: ecco tutti i progetti in cantiere

 

 
Indice:
 
1) Riforma del lavoro: contratto a tempo determinato
 
2) Riforma del lavoro: apprendistato
 
3) Riforma del lavoro: contratto di lavoro a tempo parziale
 
4) Riforma del lavoro: contratto di lavoro intermittente
 
5) Riforma del lavoro: lavoro a progetto
 
6) Riforma del lavoro: associazione in partecipazione con apporto di lavoro
 
7) Riforma del lavoro: lavoro accessorio
 
8) Riforma del lavoro: prima circolare della fondazione studi CDL
 
9) Decreto semplificazioni e sviluppo in G.U.
 
10) Diritto societario: mancata nomina dell’organo di controllo
 
11) Pubblicato il nuovo Modello F24 accise
 
12) MEF – Dipartimento delle Finanze – Osservatorio sulle partite IVA: sintesi dei dati di Febbraio 2012
 

  
1) Riforma del lavoro: contratto a tempo determinato
Revisionati gli istituti contrattuali esistenti: Tra gli interventi più significativi della riforma del lavoro, approvata dal governo il 04.04.2012 con disegno di legge trasmesso al Parlamento per la discussione e la conversione in legge, vi rientra il contratto a tempo determinato
Si stabilisce, intanto, che il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro.
Non occorre tale requisito nel caso del primo rapporto a tempo determinato di durata non superiore a sei mesi, concluso tra un datore di lavoro o utilizzatore e un lavoratore, per lo svolgimento di qualunque tipo di mansione, sia nella forma del contratto a tempo determinato, sia nel caso di prima missione di un lavoratore nell’ambito di un contratto di somministrazione a tempo determinato (co. 4, art. 20 del D.Lgs. n. 276/2003).
Non vengono più richieste le ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo. Inoltre, rispetto a tale primo contratto non trova applicazione l’istituto della proroga.
Il contrasto all’utilizzo eccessivo e reiterato del contratto a termine è attuato anche mediante:
– Il prolungamento del periodo entro il quale il rapporto può proseguire oltre la scadenza, è passato da 20 a 30 giorni se la durata è inferiore a 6 mesi, e da 30 a 50 giorni per contratti di durata superiore a 6 mesi. In tali ipotesi il datore di lavoro deve comunicare al Centro per l’impiego territorialmente competente, entro la scadenza del termine inizialmente fissato, la continuazione del rapporto;
– l’aumento dell’intervallo di tempo necessario alla stipula di un nuovo contratto a tempo determinato con lo stesso soggetto, a 60 giorni nel caso di contratto di durata fino a 6 mesi, e a 90 giorni se la durata è superiore.
Inoltre, viene stabilito che ai fini del computo dei 36 mesi di durata massima comprensivi di proroghe e rinnovi, devono essere considerati anche i periodi di missione aventi ad oggetto mansioni equivalenti, svolti tra i medesimi soggetti,
nell’ambito del contratto di somministrazione.
La disciplina in tema di licenziamenti individuali, così come modificata dal collegato lavoro (art. 32, Legge n. 183/2010), si applica rispetto ai licenziamenti che presuppongono la risoluzione di questioni relative:
– Alla qualificazione del rapporto di lavoro, ovvero;
– alla nullità del termine apposto al contratto (ex artt. 1, 2 e 4 del D.Lgs n. 368/2001).
In quest’ultimo caso, il termine per l’impugnazione del licenziamento, (decorrente dalla cessazione del contratto, è fissato in 120 giorni, mentre il successivo termine per il deposito del ricorso o la comunicazione della richiesta di tentativo di conciliazione o arbitrato è stabilito in 180 giorni.
Tali novità si applicano per le cessazioni di contratti a tempo determinato verificatesi a partire dal 01.01.2013.
Infine, viene chiarito che la disposizione di cui al comma 5 dell’art. 32 della …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it