Per il nuovo redditometro conta il reddito reale finanziario

di Alessandro Borgoglio

Pubblicato il 19 marzo 2012

ecco un'interessante valutazione sul nuovo redditometro: il reddito che viene considerato dall’Ufficio ai fini dell'accertamento basato sul nuovo redditometro è la reale disponibilità finanziaria del contribuente, a prescindere da quanto fiscalmente dichiarato

Per l’accertamento fondato sull’applicazione del redditometro di cui al nuovo articolo 38 del DPR 600/19731 (come riformato dall’articolo 22 del DL 78/2010), l’Agenzia delle Entrate terrà conto non soltanto del reddito fiscale dichiarato dal contribuente, ma, se diverso, di quello effettivamente pervenuto nella disponibilità finanziaria di questi. È quanto emerso nel corso di Telefisco 2012.

In attesa dell’emanazione della consueta circolare da parte dell’Agenzia delle Entrate, si pongono all’attenzione taluni aspetti rilevanti emersi circa il nuovo strumento redditometrico nel corso dell’edizione 2012 del predetto evento. Ai funzionari della Direzione Centrale Accertamento sono stati posti i tre seguenti quesiti, invero piuttosto ricorrenti tra gli addetti ai lavori.

Con il primo, è stata focalizzata l’attenzione sulla tipica situazione di un contribuente percettore di solo reddito d’impresa: in tal caso, come noto, il risultato fiscale dell’attività d’impresa non coincide con quanto effettivamente “incassato” dal contribuente, atteso che in sede di dichiarazione vengono apportate tut