Sempre più ampio il raggio d’applicazione del reato di occultamento dei documenti contabili

di Roberta De Marchi

Pubblicato il 16 febbraio 2012

vediamo quale può essere il campo di applicazione delle norme penali in tema di occultamento o distruzione dei documenti contabili e quali sono le implicazioni per i contribuenti dopo la nota sentenza della Corte Costituzionale sul raddoppio dei termini di accertamento

Con sentenza n. 1377 del 17 gennaio 2012 (ud. 1 dicembre 2011) della Corte di Cassazione è stato ampliato il raggio d’azione dell’occultamento delle scritture contabili, di cui all’art. 10, del D.Lgs. n. 74/2000.

 

Il processo

Il G.U.P. del Tribunale di Pistoia, con sentenza del 5 novembre 2010, dichiarava non luogo a procedere, ai sensi dell'art. 425 c.p.p., nei confronti di G.F. in ordine al reato di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 per avere occultato, a fine di evasione, tre contratti preliminari di compravendita riguardanti altrettante unità immobiliari in ordine alle quali il prezzo effettivamente corrisposto era stato poi ridotto nei successivi rogiti.

Avverso tale decisione proponeva ricorso il Procuratore della Repubblica di Pistoia, il quale affermava di non condividere la lettura del D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 offerta dal giudice escludendo che il contratto preliminare potesse annoverarsi tra i documenti dei quali è obbligatoria la conservazione.

Osservava, a tale proposito, che detto documento andava collocato, facendo riferimento al disposto dell'art. 2214 c.c., nella generica elencazione descrittiva di cui al comma 2 e ciò in considerazione della attività svolta dalla società dell'imputato nel campo immobiliare e della prassi corrente che prevede il versamento, da parte dell'acquirente, di una caparra della quale viene data quietanza con la sottoscrizione dell'atto, tanto da poter definire il contratto quale pezza d'appoggio documentale dell'operazione di riscossione della quale deve essere curata la custodia.

 

Motivi della decisione

La Corte ha dichiarato fondato il ricorso.

Il D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10, la cui violazione è stata contestata all'imputato, sanziona, salvo che il fatto costituisca più grave reato, l'occultamento o la distruzione totale o parziale, al fine di evadere le imposte s