Modello Unico SP 2012 e Unico PF 2012: scelta per il regime premiale

Come optare per il regime premiale per favorire la trasparenza

L’art. 10 del D.L. n. 201 del 06.12.2011, convertito dalla Legge n. 214 del 22.12.2011, ha introdotto, a decorrere dal 01.01.2013, un regime premiale per promuovere la trasparenza e favorire l’emersione di base imponibile, destinato ai soggetti che svolgono attività artistica o professionale ovvero attività di impresa in forma individuale o con le forme associative di cui all’art. 5 del TUIR.

Il comma 6 di tale articolo ha previsto che il citato regime è applicabile previa opzione da esercitare nella dichiarazione dei redditi presentata nel periodo d’imposta precedente a quello di applicazione dello stesso.

Quindi, la scelta da parte dei contribuenti interessati, dovrà essere effettuata nel Modello Unico 2012, sia pure relativo al 2011, la cui presentazione è prevista entro il mese di settembre 2012 (cioè l’anno prima a quello di inizio decorrenza del regime premiale: 2013).

Opzione nel Modello Unico SP 2012

I contribuenti, soggetti alla presentazione del Modello Unico SP 2012 (S.n.c., S.a.s., ecc.) che decideranno di avvalersi di tale regime, poiché in possesso dei previsti requisiti normativi (peraltro, ancora in attesa dei relativi provvedimenti di attuazione), dovranno barrare l’apposita casella, introdotta nel Modello Unico Società di Persone, nel rigo RS44 del quadro RS relativo ai prospetti comuni.

Opzione nel Modello Unico PF 2012

Le persone fisiche  che si vorranno avvalere del regime premiale per promuovere la trasparenza e favorire l’emersione di base imponibile, dovranno, invece, barrare l’apposita casella posta nel rigo RS36 del Modello Unico PF 2012.

Trasparenza fiscale

Il regime della trasparenza fiscale si caratterizza, oltre che per l’invio telematico all’Amministrazione finanziaria dei corrispettivi, delle fatture emesse e ricevute e delle risultanze degli acquisti e delle cessioni fuori campo Iva, anche per lo stretto e continuo controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate delle movimentazioni finanziarie riportate nel conto corrente appositamente dedicato all’esercizio dell’impresa, arte o professione.

A fronte di tali incombenze, il Legislatore, con il Decreto cd. Salva Italia, ha introdotto una serie di agevolazioni e semplificazioni nei confronti di coloro che decidano di accettare un regime di trasparenza totale nei confronti del Fisco.

Il nuovo regime è facoltativo ed è riservato unicamente ai contribuenti persone fisiche e società di persone che, come visto sopra, procederanno ad esercitare l’opzione nella dichiarazione dei redditi presentata nel 2012 (periodo d’imposta precedente a quello in cui troveranno applicazione le nuove disposizioni).

Come premesso, le nuove disposizioni sono riservate soltanto ai soggetti Irpef e non, quindi, ai soggetti Ires.

I benefici variano in funzione del tipo di contabilità adottato (contabilità ordinaria/semplificata) e dell’applicazione o meno della disciplina degli  studi di settore. Ecco di seguito tutti i particolari.

Le condizioni comuni

Vale per tutti la circostanza che il contribuente dovrà provvedere a:

– inviare in via telematica (direttamente o tramite intermediario abilitato) all’Amministrazione finanziaria i corrispettivi, le fatture emesse e ricevute e le risultanze degli acquisti e delle cessioni non soggetti a fattura;

– istituire un conto corrente dedicato ai movimenti finanziari relativi all’attività artistica, professionale o di impresa esercitata;

– non violare la normativa antiriciclaggio di cui al D.Lgs. n. 231 del 21.11.2007.

Attenzione: Ad un minimo errore si decade dai benefici e si è soggetti alla sanzione amministrativa che va da € 1.500,00 a € 4.000,00.

E’ ammesso l’invio telematico con un ritardo non superiore a 90 giorni, non si decade, quindi, dai benefici, ma occorre pagare la sanzione, con la possibilità di utilizzare la disciplina del ravvedimento operoso (art. 13 del D.Lgs. n. 472 del 18.12.1997).

Contribuenti in contabilità ordinaria non soggetti…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it