Novità fiscali del 27 gennaio 2012: il Milleproroghe convertito in Legge

 

 
Indice:
 
1) Immobili: Niente rettifica basata sui valori OMI e mutuo
 
2) Accertamento sintetico basato su presunzione semplice
 
3) Per le Srl semplificate non basta il versamento minimo
 
4) Pesca locale: Resta l’Iva agevolata
 
5) Per la bancarotta documentale non ne risponde il Commercialista
 
6) Sicurezza sul lavoro: Attrezzature, controlli rinviati
 
7) Buoni pasto esclusi dalla base imponibile
 
8) Nuova formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro
 
9) Tracciabilità a 999,99 euro: Comunicazione ai clienti
 
10) Milleproroghe: Camera conferma
 
11) Linee generali per l’integrazione di Inpdap ed Enpals
 
12) La presenza del tecnico anche occasionale determina l’obbligo del pagamento Irap
 
13) Entrate: Pubblicate istruzioni generali studi di settore in bozza e specifiche tecniche per presentazione dichiarazione IVA/2012
 
14) Reato penale per le scritture contabili ricostruite dalla GdF
 

 
1) Immobili: Niente rettifica basata sui valori OMI e mutuo
Sulla base di quanto stabilito, per ultimo, dalla Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia, sentenza n. 488/01/11, non si può determinare il maggiore valore di un immobile basandosi solamente sui valori OMI e sul mutuo erogato all’acquirente ma servono anche altri riscontri.
Si tratta di una problematica molto diffusa, poiché il fisco tende ad emettere avvisi di accertamento dopo la vendita di immobili sulla base dei valori determinati dall’OMI (osservatorio del mercato immobiliare) e di un mutuo di importo superiore al prezzo di acquisto.
In tale contesto, il contribuente si difende sostenendo che le valutazioni dell’OMI siano prive di valore, tranne che non siano supportate da altri riscontri. La circostanza che il mutuo sia stato stipulato per un importo superiore all’immobile acquistato non costituisce un ulteriore riscontro.
La tesi viene così accettata dalle Commissioni tributarie, come nel caso della suddetta sentenza, anche perché gli stessi uffici dell’Amministrazione finanziaria consigliano ai propri verificatori di non avvalersi solo di tali riscontri (valutazioni OMI ed importo del mutuo stipulato).
 
 
2) Accertamento sintetico basato su presunzione semplice
Secondo quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate a Telefisco 2012, il Legislatore, con la manovra di ferragosto, ha disposto che si possa procedere all’effettuazione dell’accertamento sintetico a condizione che il reddito accertabile ecceda di almeno 1/5 quello dichiarato.
Invece, prima delle modifiche del 2010, la norma stabiliva che la rettifica era possibile se il reddito accertabile si discostasse per almeno 1/4 da quello dichiarato.
Adesso, a Telefisco 2012, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che lo scostamento di 1/5 va calcolato sul reddito dichiarato.
Ciò va a vantaggio dell’Amministrazione finanziaria, perché una cosa è calcolare 1/5 sul reddito accertabile, un’altra farlo sul reddito dichiarato.
Inoltre, dovendo le spese effettuate dal contribuente essere personalizzate sulla sua effettiva capacità di spesa, l’eventuale accertamento sarà, quindi, fondato su una presunzione semplice.
Infine, è stato precisato che la norma sugli studi di settore che richiede maggiori “garanzie” per la copertura dai successivi accertamenti, introdotta dalla manovra di Ferragosto 2011, sia retroattiva.
Beni assegnati in godimento ai soci o ai familiari
Anche riguardo i beni assegnati in godimento ai soci o ai familiari dell’impresa l’Agenzia delle Entrate, in occasione di Telefisco, tenutosi il 25.12.2012, ha fornito alcune risposte sui finanziamenti e sui versamenti che vengono effettuati dai soci delle società, per i …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it