Indagini finanziarie: i versamenti non giustificati sono reddito imponibile

un riassunto della casistica delle presunzioni fiscali relative ai versamenti bancari non giustificati dal contribuente

In materia di indagini finanziarie le presunzioni sui versamenti non subiscono alcuna limitazione. Sono imputabili a reddito imponibile i versamenti non giustificati non solo dei professionisti e degli autonomi ma anche dei collaboratori e di qualunque altro contribuente.
Il termine dei trenta giorni della durata della verifica deve essere riferito alla permanenza dei verificatori nell’impresa e non alla durata del controllo.
Sono questi i principi espressi dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 19692, del 27 settembre 2011.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it