Al via il piano liberalizzazioni: le novità per professionisti ed imprese

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nella seduta del 20.01.2012, le misure finalizzate alla concorrenza ed alla crescita del paese.

Tra le novità contenute nel cd. piano liberalizzazioni emergono quelle dei professionisti, con l’obbligo di redigere con i clienti il preventivo della tariffa da applicare (non vincolante ma solo indicativa tra le parti), in cui indicare, per obbligo, gli estremi della polizza assicurativa dei rischi professionali.

Previste novità anche per i tirocinanti degli studi professionali.

Poi l’istituzione del tribunale per le imprese, la possibilità di istituire, con scrittura privata (quindi, senza notaio), le Srl semplificate composte da giovani con età non superiore a 35 anni e con capitale sociale anche di € 1,00.

In particolare, queste di seguito sono novità più rilevanti:

Tariffa professionale non più obbligatoria

La Tariffa professionale diventa solo un punto di riferimento per i professionisti, la cui applicazione non è più vincolante tra le parti.

Quello che più conta è il preventivo iniziale da stabilire tra il professionista ed il committente, nel quale dovrà essere reso noto al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni riguardanti i possibili oneri conoscibili dal momento del conferimento fino alla conclusione del medesimo incarico (il preventivo dovrebbe, infatti, essere comprensivo di tutto, oneri e spese conoscibili).

Peraltro, la misura del compenso andrà pattuita tenuto conto della complessità dell’incarico.

Come premesso, nel preventivo andranno indicati anche i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio dell’attività professionale. L’inottemperanza a tale adempimento costituirà illecito disciplinare.

Assicurazione professionale

Debutta l’obbligo di dotarsi di una polizza assicurativa. Gli estremi di quest’ultima andranno, infatti, comunicati nel preventivo.

Notai

– L’attuale pianta organica dei notai è aumentata di 500 posti.

– Entro il 31/12/2012 vanno concluse le procedure relative ai concorsi ancora aperti per un totale di 550 posti.

– Entro il 31/12/2013 sarà bandito un nuovo concorso per 500 posti.

– Entro il 31/12/2014 sarà bandito un nuovo concorso per 470 posti.

Confidi

Estesa ai professionisti la possibilità di partecipare al patrimonio dei Confidi.

Tirocinio

La durata non potrà essere superiore a 18 mesi. I primi sei mesi, in presenza di apposita convenzione con l’università, potrà essere svolto in concomitanza del corso di laurea.

Tribunale per le imprese

Nascono le sezioni specializzate in materia d’impresa (Tribunale delle imprese). Non si tratta di un nuovo tribunale, ma dell’ampliamento delle funzioni delle sezioni specializzate già esistenti.

Viene, infatti, ampliata la competenza delle sezioni che si occupano di proprietà industriale e intellettuale che saranno trasformate in “sezioni specializzate in materia di impresa” e si occuperanno anche di diritto d’autore, class action, cause tra soci e controversie per concorrenza sleale. Al nuovo tribunale potranno rivolgersi anche le SpA.

Le sezioni specializzate avranno competenza, relativamente alle società dì cui al libro V, titolo V) cap V e VI del codice civile (società per azioni e in accomandita per azioni) e alle società da queste controllate o che le controllano, per le cause: tra soci delle società, inclusi coloro la cui qualità di socio e oggetto di controversia; cause relative al trasferimento delle partecipazioni sociali o ad ogni altro negozio avente ad oggetto le partecipazioni sociali o i diritti inerenti; di impugnazione di deliberazioni e decisioni di organi sociali; tra soci e società; in materia di patti parasociali; contro i componenti degli organi amministrativi o di controllo, il liquidatore, il direttore generale ovvero il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari; cause ad oggetto azioni di responsabilità promosse dai creditori delle società controllate contro le società che le…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it