Al via il piano liberalizzazioni: le novità per professionisti ed imprese

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 24 gennaio 2012



ecco le novità più rilevanti del Decreto appena approvato dal Governo Monti in tema di liberalizzazioni ed incentivi alle attività economiche

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nella seduta del 20.01.2012, le misure finalizzate alla concorrenza ed alla crescita del paese.

Tra le novità contenute nel cd. piano liberalizzazioni emergono quelle dei professionisti, con l’obbligo di redigere con i clienti il preventivo della tariffa da applicare (non vincolante ma solo indicativa tra le parti), in cui indicare, per obbligo, gli estremi della polizza assicurativa dei rischi professionali.

Previste novità anche per i tirocinanti degli studi professionali.

Poi l’istituzione del tribunale per le imprese, la possibilità di istituire, con scrittura privata (quindi, senza notaio), le Srl semplificate composte da giovani con età non superiore a 35 anni e con capitale sociale anche di € 1,00.

In particolare, queste di seguito sono novità più rilevanti:

Tariffa professionale non più obbligatoria

La Tariffa professionale diventa solo un punto di riferimento per i professionisti, la cui applicazione non è più vincolante tra le parti.

Quello che più conta è il preventivo iniziale da stabilire tra il professionista ed il committente, nel quale dovrà essere reso noto al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni riguardanti i possibili oneri conoscibili dal momento del conferimento fino alla conclusione del medesimo incarico (il preventivo dovrebbe, infatti, essere comprensivo di tutto, oneri e spese conoscibili).

Peraltro, la misura del compenso andrà pattuita tenuto conto della complessità dell’incarico.

Come premesso, nel preventivo andranno indicati anche i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio dell’attività professionale. L’inottemperanza a tale adempimento costituirà illecito disciplinare.

Assicurazione professionale

Debutta l’obbligo di dotarsi di una polizza assicurativa. Gli estremi di quest’ultima andranno, infatti, comunicati nel preventivo.

Notai

- L’attuale pianta organica dei notai è aumentata di 500 posti.

- Entro il 31/12/2012 vanno concluse le procedure relative ai concorsi ancora aperti per un totale di 550 posti.

- Entro il 31/12/2013 sarà bandito un nuovo concorso per 500 posti.

- Entro il 31/12/2014 sarà bandito un nuovo concorso per 470 posti.

Confidi

Estesa ai professionisti la possibilità di partecipare al patrimonio dei Confidi.

Tirocinio

La durata non potrà essere superiore a 18 mesi. I primi sei mesi, in presenza di apposita convenzione con l’università, potrà essere svolto in concomitanza del corso di laurea.

Tribunale per le imprese

Nascono le sezioni specializzate in materia d’impresa (Tribunale delle imprese). Non si tratta di un nuovo tribunale, ma dell’ampliamento delle funzioni delle sezioni specializzate già esistenti.

Viene, infatti, ampliata la competenza delle sezioni che si occupano di proprietà industriale e intellettuale che saranno trasformate in “sezioni specializzate in materia di impresa” e si occuperanno anche di diritto d’autore, class action, cause tra soci e controversie per concorrenza sleale. Al nuovo tribunale potranno rivolgersi anche le SpA.

Le sezioni specializzate avranno competenza, relativamente alle società dì cui al libro V, titolo V) cap V e VI del codice civile (società per azioni e in accomandita per azioni) e alle società da queste controllate o che le controllano, per le cause: tra soci delle società, inclusi coloro la cui qualità di socio e oggetto di controversia; cause relative al trasferimento delle partecipazioni sociali o ad ogni altro negozio avente ad oggetto le partecipazioni sociali o i diritti inerenti; di impugnazione di deliberazioni e decisioni di organi sociali; tra soci e società; in materia di patti parasociali; contro i componenti degli organi amministrativi o di controllo, il liquidatore, il direttore generale ovvero il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari; cause ad oggetto azioni di responsabilità promosse dai creditori delle società controllate contro le società che le controllano; cause relative a rapporti di controllo, coordinamento gruppo cooperativo paritetico (artt. 2359, comma 1, n. 3, 2497- septies e 2545-septies codice civile).

Per ultimo, il tribunale delle imprese sarà assegnatario anche delle cause relative ai contratti pubblici di appalto di lavori, servizi o forniture di rilevanza comunitaria, in cui sia parte una società per azioni o in accomandita per azioni, quando sussiste la giurisdizione del giudice ordinario.

Iva accertata recuperabile

Il decreto sulle liberalizzazioni contiene novità anche sul fronte fiscale.

L’impresa raggiunta da un avviso di accertamento potrà esercitare la rivalsa nei confronti degli acquirenti o committenti.

Ma questo solo se avrà effettuato il pagamento del tributo, della maggiorazione dello stesso, delle sanzioni e degli interessi.

Ciò avviene con la sostituzione del comma 7, dell’art. 60 del D.P.R. n. 633/1972 che inverte totalmente la precedente previsione consentendo la possibilità del contribuente di effettuare la rivalsa dell’Iva e/o della maggiore imposta dovuta per effetto dell’emissione di avvisi di accertamento o rettifica, nei confronti dei cessionari dei beni o dei committenti dei servizi.

Interessi passivi

Deducibilità ordinaria degli interessi passivi, di cui all’art. 96 del Tuir, per le società con prevalente capitale pubblico, esercenti le attività di fornitura acqua, energia, teleriscaldamento e di servizi di smaltimento.

In particolare, sul tema della deducibilità limitata degli interessi passivi, di cui al comma 1, dell’art. 96 del Tuir, viene disposta l’estensione della disciplina ordinaria (deducibilità degli interessi passivi nei limiti del 30% del Rol) alle società con capitale detenuto in prevalenza da enti pubblici, operanti nei comparti delle forniture dell’acqua, dell’energia e del teleriscaldamento e dei servizi di smaltimento e depurazione.

Sostegno alle nuove imprese

Fondi comuni nel capitale di rischio delle nuove società, ma solo se aventi sede operativa sul territorio nazionale e con quote possedute direttamente e in via prevalente da persone fisiche.

Trasferimento della sede all’estero

Chi trasferisce l’attività d’impresa nella Ue o nei Paesi aderenti allo Spazio economico europeo potrà chiedere la sospensione degli effetti realizzativi di cui all’art. 166 del Tuir.

Niente esclusiva sulle polizze-mutui

Banche e intermediari che chiedono ai propri clienti di sottoscrivere una polizza vita per l’erogazione di un mutuo sono tenuti a sottoporre al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi.

La norma contenuta nel decreto liberalizzazioni cerca di arginare la prassi dell’abbinata in automatico fra mutuo casa e polizza dello stesso gruppo creditizio assicurativo.

Sui conti correnti a basso costo e sulle commissioni per le carte di credito le parti dovranno arrivare ad un accordo.

Si abbandona la logica della fissazione di un tetto massimo per le commissioni; con il nuovo provvedimento si torna a scegliere la logica del confronto tra i diretti interessati.

Viene, inoltre, stabilito che le disposizioni che introducono la commissione veloce sullo sconfinamento dovranno essere applicate ai conti correnti e alle aperture di credito in essere entro 90 giorni.

La sua introduzione effettiva non è immediata, avverrà tra tre mesi.

Dogane

L’operatore che ha subito rilievi anche in sede di accessi, ispezioni e verifiche potrà presentare le proprie osservazioni entro 30 giorni dalla data di notifica degli atti anche se si tratta di materia doganale.

Si potrà adire alle Commissioni tributarie competenti anche contro i provvedimenti relativi ai dazi doganali per contrastare i provvedimenti di diniego dei rimborsi, di sgravio o di non contabilizzazione dei dazi doganali applicati dalle autorità doganali.

Farmacie

Apertura di nuove farmacie anche presso le stazioni gli aeroporti e le aree di servizio. Ma resterà nell’esclusiva competenza di questi esercizi la possibilità di vendere medicinali di fascia C e gli esercenti avranno la possibilità di allungare gli orari e praticare sconti sui prodotti.

Nelle ricette il medico dovrà poi avvisare che potranno anche sempre essere acquistati farmaci equivalenti.

Confermato l’aumento del numero delle licenze. Secondo la nuova previsione di legge il numero delle autorizzazioni verrà stabilito in modo che vi possa essere una farmacia ogni 3 mila abitanti, al posto degli attuali 5 mila (4 mila nei comuni più grandi).

Niente più licenze ed autorizzazioni per esercitare l’attività economica

Vengono abrogate le norme che prevedono limiti numerici, autorizzazioni, licenze, nulla osta o atti di assenso dell’Amministrazione per l’avvio dell’attività economica, non giustificati da un interesse generale.

Saltano anche le norme che impongono divieti e restrizioni alle attività economiche.

Società semplificata a responsabilità limitata

Alla data della costituzione i soci non devono avere superato i 35 anni.

L’atto costitutivo (con capitale non inferiore ad € 1,00), che deve essere redatto per scrittura privata, dovrà essere depositato dagli amministratori nel Registro delle Imprese entro 15 giorni (basta una sola comunicazione).

E’ prevista l’esenzione da diritti di segreteria e da imposta di bollo.

A sua volta, l’ufficiale del Registro delle Imprese dodrà procedere all’iscrizione entro 15 giorni.

Nel momento in cui si perdono i requisiti di Legge  (superamento dell’età) è necessario procedere alla trasformazione della società.

Rendite finanziarie

Ritenuta ordinaria del 20% o ridotta del 12,5% sui proventi realizzati per riporti, pronti contro termine e mutui di titoli garantiti.

Il sostituto d’imposta potrà applicare la ritenuta del 20% o del 12,50% sui proventi realizzati pronti c/termine e titoli garantiti.

Ripristino Iva per cessione e locazione di abitazione di nuova costruzione, nonché housing sociale

Verrebbe ad essere ripristinata l’Iva sulle cessioni anche oltre i 5 anni, consentendo, quindi, ai costruttori di potere detrarre l’Iva sulle operazioni di acquisto dei vari materiali edili.

Assicurazioni auto

Per reprimere le truffe assicurative si viene a premiare l’automobilista che accetta la perizia sull’auto (prima di stipulare la polizza) o di mettere la scatola nera sul proprio veicolo.

Viene, infatti, previsto che le tariffe saranno ridotte se l’automobilista accetta un’ispezione preventiva del veicolo o se acconsente a che l’assicurazione inserisca una scatola nera sul veicolo.

Contro la falsificazione dei tagliandi assicurativi il provvedimento si prescrive la dematerializzazione e la loro sostituzione con congegni elettronici o telematici, che consentano un controllo a distanza.

La violazione della circolazione con mezzo non assicurato potrà essere rilevata anche con strumenti telematici.

In questo caso la violazione sarà contestata, senza obbligo immediatezza (come avviene con l’autovelox).

Si aggravano le sanzioni per i periti medici, le quali scattano anche per la falsa attestazione di uno stato di invalidità conseguente ad incidente stradale.

Inoltre, si prevede una estensione del trattamento sanzionatorio anche per i periti assicurativi che accertano e stimano falsamente danni a cose e conseguenti a sinistri con obbligo di risarcimento per l’assicurazione.

Cambierà anche la procedura per ottenere il risarcimento. L’automobilista dovrà tenere a disposizione l’auto per la visita del perito (in caso di danni alle cose) per cinque giorni lavorativi consecutivi. Solo dopo l’auto può essere riparata. Entro quella data la compagnia deve mandare il perito.

Se, invece, la riparazione viene fatta prima del termine, l’assicurazione pagherà i danni solo se documentati da fattura.

Infine, resta fermo il diritto risarcimento anche quando l’interessato non intende procedere alla riparazione.

 

Vincenzo D’Andò

24 gennaio 2012