Le massime delle sentenze tributarie (luglio 2011 – parte 2)


CTR Roma, Sez. n. 4, Sent. n. 255/4/2011, dep. Il 15/6/2011, Presidente Falascina, Relatore Terrinoni

IRAP – Invio telematico dichiarazione – Compilazione Quadro IRAP – Necessità – Imposta non versata perché non dovuta – Legittimità.

E’ consolidato orientamento secondo cui il contribuente, costretto a compilare il quadro IRAP ai fini dell’invio telematico della sua dichiarazione, non sia tuttavia costretto a versare l’imposta quando la stessa, in effetti, non è dovuta.

 

CTR Roma, Sez. n. 4, Sent. n. 246/4/2011, dep. Il 15/6/2011, Presidente Liotta, Relatore Terrinoni

Sanzioni – Costi operazioni con Paesi a fiscalità privilegiata – Devono essere disgiunti.

Nel caso di operazioni commerciali poste in essere con Paesi a fiscalità privilegiata, l’omissione della dichiarazione disgiunta tra i costi complessivi e quelli sostenuti in questi Paesi,pur non impedendo l’effettiva deducibilità, non costituisce un errore formale, ma costituisce l’inadempimento di norme sostanziali poste dal legislatore per agevolare il controllo sulla determinazione della base imponibile.

Riferimenti normativi: L. n. 296/2006, art. 110, cc. 301, 302, 303; DPR n. 917/1986, art. 110, cc. da 10 a 12 bis.

 

CTR Roma, Sez. n. 6, Sent. n. 140/6/2011, dep. Il 13/6/2011, Presidente Lauro, Relatore Taglienti

Processo tributario – Cartella di pagamento ex art. 36bis – Deposito copia alla CT prima del termine di 6 mesi del ricorso presentato al centro servizi – Improcedibilità.

Il termine disposto dall’art. 10 del DPR n. 787/1980 per la proposizione del ricorso che prevede che il suo deposito non possa avvenire prima di sei mesi e non oltre due anni dalla data dell’invio dell’originale al Centro servizi deve essere rispettato, altrimenti è legittima la dichiarazione di improcedibilità dello stesso.

Riferimenti normativi: DPR n. 787/1980, art. 10.

 

CTR Roma, Sez. n. 6, Sent. n. 138/6/2011, dep. Il 13/6/2011, Presidente Lauro, Relatore Taglienti

Processo tributario – Appello – Notifica domicilio difensore trasferito – Criteri da adottare.

L’obbligo del difensore di comunicare nell’ambito del giudizio il cambio di domicilio del proprio studio incombe ai professionisti nel caso di svolgimento di attività al di fuori della circoscrizione di assegnazione.

Negli altri casi incombe al notificante l’onere di verificare l’esatto domicilio dello studio consultando l’albo professionale.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. SS.UU. n. 3960/2009.

 

CTR Roma, Sez. n. 14, Sent. n. 400/14/2011, dep. Il 24/5/2011, Presidente Cellitti, Relatore Pennacchia

Accertamento liquidazione controlli – IVA – IRES – IRAP – Transazioni con Paesi comunitari – Richiesta all’ufficio competente della validità del numero di identificazione del cessionario – Necessità.

L’art. 50, c. 2, del DL n. 331/1993 stabilisce che ai fini della non applicazione dell’imposta, il cedente deve chiedere conferma all’ufficio competente della validità del numero di identificazione attribuito al cessionario, così eliminando le relative controversie circa l’esistenza della titolarità dei cessionari.

Nella specie, i cinque cessionari che avevano emesso fattura erano titolari di partite IVA cessate.

 

CTR Roma, Sez. n. 14, Sent. n. 396/14/2011, dep. Il 24/5/2011,Presidente Cellitti, Relatore Pennacchia

Accertamento liquidazione controlli – IRES – IRAP – Antieconomicità di un’operazione – Deve essere esaminata nel contesto complessivo.

Non è sufficiente un “sintomo” di un comportamento illegittimo a provare l’esistenza di tale comportamento.

E’, invece, necessaria l’esistenza di un complesso di circostanze che, tutte, univocamente portino a una determinata conclusione.

Nella specie l’ufficio si era limitato a valutare l’antieconomicità di un’operazione senza considerare il contesto nel quale l’operazione contestata si era svolta.

Riferimenti normativi:DPR n. 917/1986, art. 109.

 

CTR Roma, Sez. n. 3, Sent. n. 96/3/2011, dep. Il 24/5/2011, Presidente Patrizi, Relatore Leccisi

Tributi erariali indiretti-Registro – Interessi moratori – Imposta proporzionale.

Gli interessi moratori non concorrono a formare la base imponibile dell’Iva, per cui nei loro confronti non applicandosi il principio dell’alternatività, devono essere assoggettati all’imposta proporzionale di registro.

Riferimenti normativi:DPR n. 131/1986, art. 40; DPR n. 633/1972, art. 15.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 2906/2007, 4748/2006, 2696/2003, 1402/2009.

 

CTR Roma, Sez. n. 20, Sent. n. 69/20/2011, dep. Il 18/5/2011, Presidente Scopigno, Relatore Tamilia

Processo tributario – Appello ufficio senza data autorizzazione – Inammissibilità – Sussiste.

L’appello dell’ufficio che non indica la data dell’autorizzazione a proporlo è inammissibile.

Riferimenti normativi:D.Lgs. n. 546/1992, artt. 52 e 53.

 

CTR Roma, Sez. n. 14, Sent. n. 441/14/2011, dep. Il 14/6/2011, Presidente Cellitti, Relatore Tozzi

Processo tributario – Omessa dichiarazione importazione – Giurisdizione tributaria – Esclusione.

Il ricorso avverso il decreto del Ministero dell’economia e finanze che contesta la violazione per omessa dichiarazione d’importazione non è di competenza della giurisdizione tributaria.

Riferimenti normativi: DL n. 167/1990, art. 3, c. 1, come sostituito dal D.Lgs. n.124/1997.

 

CTR Roma, Sez. n. 14, Sent. n. 432/14/2011, dep. il 13/6/2011, Presidente Cellitti, Relatore Pennacchia.

Tributi erariali indiretti – Registro-Benefici prima casa – Riacquisto per donazione o successione – Esclusione.

Non rileva ai fini dell’impedimento del verificarsi della decadenza dei benefici fiscali l’acquisto prima casa iure successionis, perché questa è impedita soltanto dal riacquisto ex contracto.

Riferimenti normativi: DPR n. 131/1986, art.1, Tar. Parte prima, art. 1, c. 4.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 17866/2010.

Prassi: RM n. 33/E del 15/3/2011, n.125 del 3/4/2008.

 

CTR Roma, Sez. n. 14, Sent. n. 471/14/2011, dep. Il 14/6/2011, Presidente Cellitti, Relatore Pennacchia

Tributi erariali indiretti – Registro-Immobile costruito nel 1920 – Agevolazione prima casa – Carattere di lusso – Criterio applicabile – DM 04/12/1961.

Per un immobile costruito nel 1920 non esisteva l’obbligo della licenza di costruzione, con la conseguenza che nella fattispecie devono essere applicati i criteri di cui al DM 04/12/1961.

Riferimenti normativi:DM 02/08/1969, art. 5; DM 04/12/1961.

 

CTR Roma, Sez. n. 29, Sent. n. 186/29/2011, dep. Il 31/5/2011, Presidente Gargani, Relatore Moroni

Accertamento liquidazione controlli – IVA – IRPEG – IRAP – Attività di supporto psicologico convenzionato – Esenzione IVA – Esclusione.

L’attività di supporto psicologico a minori e soggetti considerati socialmente deboli da parte di un’associazione per prestazioni derivanti da convenzioni stipulate con scuole non è esente dall’IVA.

Riferimenti normativi: DPR n. 633/1972, art. 10, n. 18; RD n. 1265/1934; L. n. 833/1978.

 

25 agosto 2011

Commercialista telematico


Partecipa alla discussione sul forum.