Le massime di luglio – parte prima


CTR Roma; Sez. n. 21; Sent. n. 90/21/2011; dep. Il 16/5/2011; Presidente Cappelli; Relatore De Sena

Riscossione; Ipoteca su immobile conferito fondo patrimoniale; Esclusione.

L’immobile conferito nel fondo patrimoniale, costituito con atto pubblico, in epoca anteriore all’inizio della procedura di esecuzione forzata, non può essere oggetto di iscrizione ipotecaria da parte del Concessionario.

Riferimenti normativi: art. 170 c.c.

 

CTR Roma; Sez. n. 21; Sent. n. 85/21/2011; dep.il 16/5/2011; Presidente Cappelli; Relatore Di Maio

Tributi locali; TARSU; Parcheggio scoperto; Quantità di rifiuti prodotti assimilati a quelli di stazioni ferroviarie; Esclusione.

Non è possibile paragonare la quantità di rifiuti prodotti nell’ambito di un parcheggio scoperto a quelli di una stazione ferroviaria, di un’autorimessa.

 

CTR Roma; Sez. n. 4; Sent. n. 208/4/2011; dep. Il 12/5/2011; Presidente Falascina; Relatore Lunerti

Imposizione diretta; IRPEF; Rimborso-Termini.

La legge può disporre solo per il futuro e, non essendo previsto alcun effetto retroattivo, l’allungamento dei termini a 48 mesi per il rimborso IRPEF deve ritenersi applicabile solo alle situazioni non ancora definite ai sensi delle disposizioni previgenti.

Riferimenti normativi: DPR n. 602/1973, artt. 37 e 38; L. n.133/1999.

 

CTR di Roma; Sez. n. 28; Sent. n. 101/28/2011; dep. Il 9/6/2011; Presidente Tersigni; Relatore Moroni

Condono Tombale; Recupero imposta da dichiarazione; Legittimità.

Il condono tombale comporta la rinuncia ad ogni pretesa derivante dai fatti dedotti in dichiarazione, per cui è legittimo il recupero dell’imposta dovuta sulla base della stessa.

Riferimenti normativi: L. n. 289/2002, art.9.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. n.5586/2010.

 

CTR Roma; Sez. n. 1; Sent. n. 413/1/2011; dep. Il 30/5/2011; Presidente Varrone; Relatore Gizzi

Tributi locali; TARSU; Omessa dichiarazione; Sanzione; Regolamento comunale non prevede minimo e massimo; Determinazione da parte del giudice; Possibilità.

Nel caso in cui un Comune non preveda nel caso di omessa dichiarazione un minimo ed un massimo per la sanzione, il giudice può rideterminarla.

Riferimenti normativi: D.Lgs. n. 507/1993, art.76; D.Lgs. n. 472/1997; D.Lgs. n. 473/1997, art. 16, c. 5.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 2823/2005.

 

CTR Roma; Sez. n. 1; Sent. n. 392/1/2011; dep. Il 30/5/2011; Presidente Varrone; Relatore Zaccardi

Riscossione – Cartella di pagamento – Recupero credito utilizzato indebitamente – Procedura da seguire.

Ritenere che la contribuente avrebbe dovuto prima pagare e poi attivare la procedura di rimborso è contrario allo spirito di leale collaborazione ed affidamento che deve ispirare i rapporti tra AF e contribuente, specie se i dati si trovino in documenti in suo possesso.

Riferimenti normativi: L. n. 212/2000.

 

CTR Roma; Sez. n. 1; Sent. n. 395/1/2011; dep. Il 30/5/2011; Presidente Varrone; Relatore Zaccardi

Processo tributario – Notifica – Relata mancante dell’ufficio postale e sottoscrizione – Inesistenza-sussiste.

E’ inesistente la notifica dell’atto quando l’ufficio non dimostri che l’incaricato abbia redatto la relata indicando l’ufficio postale da cui l’atto è stato spedito e riportando la sottoscrizione sulla relata stessa ai sensi dell’art.148 c.p.c. .

Riferimenti normativi: artt. 148 e 156 c.p.c.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 5305/1999.

 

CTR Roma; Sez. n. 38; Sent. n. 224/38/2011; dep. Il 6/6/2011; Presidente Favaro; Relatore Terrinoni

Riscossione – Cartella recante iscrizione ipotecaria con omessa sottoscrizione e indicazione responsabile – Nullità – Esclusione.

La cartella contenente un’iscrizione ipotecaria non può essere dichiarata nulla per l’omessa sottoscrizione e per l’omessa indicazione del responsabile, perché non esiste una norma cogente che sancisca tale nullità.

Riferimenti giurisprudenziali: Corte Cost. n. 377/2007.

 

CTR Roma; Sez. n. 2; Sent. n. 136/2/2011; dep. Il 26/5/2011; Presidente De Salvo; Relatore Ferrazzani

Riscossione – Cartella di pagamento – Notifica – Cambio residenza – Immediata operatività – L. n. 248/2006 – Retroattività – Esclusione.

Il cambio di residenza effettuato dal contribuente è immediatamente operativo, non potendosi applicare retroattivamente il termine di 30 giorni introdotto dalla legge di conversione n. 248/2006 che riguarda solo notifiche eseguite dopo la sua entrata in vigore.

Riferimenti normativi: DPR n. 600/1973, art. 60, c. 3; L. n. 248/2006.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 8684/2011; Corte Cost. n. 360/2003.

 

CTR Roma; Sez. n. 14; Sent. n. 453/14/2011; dep. Il 14/6/2011; Presidente Cellitti; Relatore Tarantino

Tributi locali – TARSU – Fattura – Impugnabilità – Esclusione – Decorrenza termine ricorso ex art.21 D.Lgs. n. 546/1992 – Non idoneità.

La fattura dell’AMA, azienda per la raccolta di rifiuti, non è un atto autonomamente impugnabile e, in ogni caso, inidoneo a far decorrere il termine di cui all’art. 21 del D.Lgs. n. 546/1992.

Riferimenti normativi: D.Lgs. n. 546/1992, art. 21.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 1823/2010, 17526/2007, 20634/2008.

 

CTR Roma; Sez. n. 3; Sent. n. 109/3/2011; dep. Il 26/5/2011; Presidente De Santis; Relatore Leccisi.

Tributi erariali indiretti – Registro – Agevolazioni prima casa – Residenza – Necessità – Situazioni di fatto provate – Irrilevanti.

I benefici delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa competono unicamente a chi possa dimostrare di risiedere anagraficamente nel Comune, senza che a tal fine possano essere prese in considerazione situazioni di fatto idoneamente provate.

Riferimenti normativi: DL n. 155, art. 16, conv. L. n. 243/1993.

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 1173 e 9949/2008, 24926/2009, 22528/2007, 18077/2002.

 

CTR Roma; Sez. n. 3; Sent. n. 116/3/2011; dep. Il 26/5/2011; Presidente De Santis; Relatore Leccisi

Tributi erariali indiretti – Registro – Avviso di liquidazione – Relazione di notifica apposta in prima pagina anziché in calce – Vizio della notifica – Sussiste.

Sussiste il vizio di notifica per violazione dell’art. 148 c.p.c., quando la relata di notifica è stata apposta nella prima pagina, invece che in calce dell’atto amministrativo notificato.

Riferimenti normativi: art. 148 c.p.c..

 

CTR Roma; Sez. n. 4; Sent. n. 218/4/2011; dep.il 17/5/2011; Presidente Liotta; Relatore Lunerti

Accertamento liquidazione controlli – IVA – IRES – IRAP – Relazione di notifica apposta in prima pagina anziché in calce – Vizio della notifica – Non sussiste.

Conti bancari – Presunzione – Prova liberatoria contribuente deve essere analitica.

Nessuna norma commina la declaratoria di nullità per la circostanza che la relata venga compilata sul frontespizio dell’atto da notificare piuttosto che in calce allo stesso.

La presunzione di cui all’art. 32, c. 1, n. 2, non necessita dei requisiti di gravità, precisione e concordanza richiesti dall’art. 2729 c.c. per le presunzioni semplici.

La prova liberatoria deve essere specifica, rectius analitica, della riferibilità di ogni movimentazione bancaria alla sua attività.

Riferimenti normativi: DPR n. 600/1973, art. 32, c. 1, n. 2; art. 2729 c.c..

Riferimenti giurisprudenziali: Cass. n. 18013/2007.

 

CTR Roma; Sez. n. 38; Sent. n. 249/38/2011; dep. il 8/6/2011; Presidente Favaro; Relatore De Santi

Accertamento liquidazione controlli – IRPEG – ILOR – Interessi ex art.1 L. n. 313/1993 – Tassazione più favorevole ex art. 31 DPR n.6001/1973 – Esclusione.

Agli interessi derivanti dall’art. 1 della L. n.313/1993 non si applica la tassazione più favorevole di cui all’art. 31 del DPR n. 601/1973, in forza del divieto di estensione analogica della disciplina tributaria in tema di agevolazioni ed esenzioni fiscali.

Riferimenti normativi: DPR n. 601/1973, art. 31; L. n. 313/1993, art. 1.

 

CTR Roma; Sez. n. 1; Sent. n. 377/1/2011; dep. Il 17/5/2011; Presidente Varrone;Relatore Lunerti.

Imposizione diretta – IRPEF – Avviso di mora a coniuge divorziato – Solidarietà – Sussiste se non c’è stata domanda per applicazione separata imposta.

Ai fini dell’IRPEF ciascuno dei coniugi può chiedere che l’imposta sia applicata separatamente nei propri confronti, mancando, le circostanze relative all’intervenuta separazione personale e successivo divorzio, nonché quello del decesso dell’obbligato principale sono del tutto ininfluenti, rimanendo la sussistenza della responsabilità solidale.

 

CTR Roma; Sez. n. 1; Sent. n. 449/1/2011; dep. Il 9/6/2011; Presidente Varrone; Relatore Panzini

Processo tributario – Riassunzione per rinvio – Rimessione in termini per fatto imputabile alla società – Esclusione.

Il presupposto della rimessione in termini per il giudizio di rinvio della Cassazione non esiste se l’evento è addebitabile alla società o al suo difensore.

Nella specie, la società lamentava che la mancata riassunzione era derivata dal fatto che il professionista aveva ricevuta delega ad assisterla soltanto nel giudizio di cassazione.

Riferimenti normativi: D.Lgs. n. 546/1992, art.63, art. 153, c. 2, c.p.c..

 

CTR Roma; Sez. n. 1; Sent. n. 438/1/2011; dep. Il 9/6/2011; Presidente Varrone; Relatore Panzini

Accertamento liquidazione controlli – IVA – Consorzio – Fatturazione a consorziate – Stessa aliquota.

Il consorzio si pone come soggetto autonomo avendo assunto l’appalto in nome proprio ma per conto delle consorziate alla stregua di un mandatario senza rappresentanza, per cui deve emettere nei confronti delle consorziate fatture con l’aliquota ordinaria del 20% per tutte le prestazioni in ragione delle quali aveva ricevuto fatture passive con la stessa aliquota.

 

CTR Roma; Sez. n. 2; Sent. n. 131/2/2011; dep. Il 24/5/2011; Presidente Oddi; Relatore Moscaroli

Accertamento liquidazione controlli – IVA – IRAP – Società sportiva dilettantistica – Statuto – Rispetto delle condizioni formali – Necessità.

Il mancato rispetto delle condizioni formali previste nel quadro normativo (mancanza nello statuto della gratuità incarichi, devoluzione patrimonio in caso di scioglimento, ecc.)comporta il disconoscimento della natura non commerciale di una società sportiva dilettantistica.

Riferimenti normativi: DL n. 72/2004, conv. L. n. 128/2004; L. n. 289/2002, art. 90.

 

CTR Roma; Sez. n. 38; Sent. n. 250/38/2011; dep. Il 8/6/2011; Presidente Favaro; Relatore De Santi

Accertamento liquidazione controlli – IRPEG – IRAP – Immobili di interesse artistico storico – Determinazione reddito – Criterio catastale – Esclusione – Condizioni.

L’applicabilità del criterio catastale di determinazione del reddito per gli immobili di interesse storico e/o artistico di cui al comma 2 dell’articolo 11 del DPR n. 917/1986 è esclusa per tutti i beni posseduti in regime d’impresa e qualificabili tra i beni strumentali e beni merci, prevedendola, invece, per i beni patrimoniali.

Riferimenti normativi: DPR n. 917/1986, artt. 11, c. 2, 90, 65, c. 2 e 81.

 

CTR Roma, sez. dist. Latina; Sez. n. 39; Sent. n. 593/39/2011; dep. Il 30/05/2011; Presidente Rapanà; Relatore Martinelli.

Accertamento liquidazione controlli – IVA – IRAP – Dati bancari non reperiti in contabilità – Onere probatorio – Ufficio.

L’onere probatorio per i dati bancari non reperiti nella contabilità grava sull’ufficio.

L’indicazione del soggetto beneficiario della somma riportata nell’assegno è sufficiente a soddisfare l’onere probatorio incombente sul contribuente.

Riferimenti normativi: DPR n. 600/1973, art. 32, cc. 1 e 2.

 

CTR Roma, sez. dist. Latina; Sez. n. 39; Sent. n. 585/39/2011; dep. Il 30/05/2011; Presidente Rapanà; Relatore Martinelli.

Accertamento liquidazione controlli – IVA – IRAP -Istanza di adesione irrituale – Termini impugnazione sospesi – Legittimità.

Anche quando si attiva la procedura di adesione a prescindere dalla ritualità dell’istanza proposta i termini di impugnazione devono considerarsi sospesi per 90 giorni.

 

18 agosto 2011

Commercialista telematico


Partecipa alla discussione sul forum.