I “frontalieri” ed il quadro RW

La circolare 28E del 2011 (c.d. circolare “Telefisco”) ha dato ulteriori chiarimenti in merito alla compilazione del quaro RW da parte dei lavoratori “frontalieri”.

 

Definizione di “Frontaliere”

Il “frontaliere” è quel lavoratore, che pur risiedendo in Italia, lavora come dipendente in uno stato estero; si tratta di un fenomeno tipico delle zone di confine che interessa quei contribuenti residenti in Italia che giornalmente si recano a lavorare all’estero nel Paese limitrofo (cfr. circ. 45E del 2010 a pag. 9).

 

Già la circ. 45E del 2010 aveva individuato i lavoratori frontalieri in una situazione particolare rispetto all’obbligo di compilazione del quadro RW ai fini del monitoraggio fiscale (in quanto si suppone che tali lavoratori siano intestatari di un conto corrente estero ai soli fini dell’accredito dello stipendio). Data la particolare situazione di questi contribuenti, nel loro caso v era un “esonero oggettivo” alla presentazione del quadro RW nel modello UNICO2010 per l’anno d’imposta 2009 (per maggiori apprfondimenti cfr. Circ. 45E del 2010 pagg. 7-9 – par. 1 “Esoneri Oggettivi”)

 

Adesso l’Agenzia delle Entrate va a delineare meglio qual è il caso di esonero che spetta ai lavoratori frontalieri a fronte di uno specifico quesito: “L’esonero dalla compilazione del modulo RW previsto per i lavoratori frontalieri riguarda anche eventuali disponibilità precedenti all’inizio dello svolgimento dell’attività lavorativa sempre che siano detenute nello stato ove viene svolta tale attività?” (circ. 28E/2011 pag. 42 – par. 5.3).

La risposta dell’Agenzia è restrittiva: l’esenzione spetta al lavoratore “frontaliere” che ha lavorato all’estero per almeno 183 giorni e che è lavoratore frontaliere alla data del 31 dicembre 2010.

 

Pertanto nell’Unico2011 i lavoratori frontalieri saranno esonerati dalla compilazione del quadro RW per le attività finanziarie detenute nel Paese in cui lavorano in presenza dei 2 requisiti sopra citati: periodo lavoro all’estero per più di 183 giorni (anche non continuativi) e che il contribuente sia lavoratore “frontaliere” alla data del 31 dicembre 2011.

 

L’Agenzia chiarisce anche che l’esonero non riguarda ulteriori attività finanziarie detenute all’estero al di fuori della situazione di lavoratore “frontaliere”.

 

Esempio

Lavoratore frontaliere in Svizzera (coi requisiti indicati dall’Agenzia delle Entrate) con conto corrente bancario in Svizzera che detiene attività finanziarie in Francia.

In questo caso il contribuente “frontaliere” è esonerato dalla compilazione del quadro RW per le attività finanziarie detenute in Svizzera in qualità di frontaliere, ma è obbligato a presentare il quadro RW per le attività finanziarie detenute in Francia.

 

Attenzione!

Dopo questi chiarimenti i contribuenti “frontalieri” che hanno cessato di essere tali durante l’anno 2011 devono presentare in dichiarazione il modello RW se in possesso di un conto corrente estero, anche ai soli fini di accredito dello stipendio.

La cessazione del rapporto lavorativo estero fino al 30 dicembre 2010 comporta che non vi è più esonero nella compilazione del quadro RW!

 

Caso particolare

I lavoratori frontalieri che si fanno accreditare lo stipendio su un conto corrente bancario italiano sono automaticamente esonerati (anche in assenza dei requisiti richiesti dall’Agenzia) dalla presentazione del quadro RW in quanto non detengono attività finanziarie.

 

24 giugno 2011

Luca Bianchi


Partecipa alla discussione sul forum.