Novità fiscali del 7 aprile 2011: cedolare secca: c’è tempo fino al 6 giugno per registrare i contratti di locazione i cui termini di registrazione scadono dal 7 aprile e fino a quella data (6 giugno) per scegliere se avvalersi della cedolare secca; casse previdenziali professionali: ok dal Senato all’aumento del contributo integrativo; programmi di verifiche della permanenza dei requisiti nei confronti dei titolari di benefici economici di invalidità civile: vanno integrate le Commissioni mediche INPS; Consob: modifiche al regolamento emittenti in materia di OPA; indennità per astensione congedo parentale straordinario; CNDCEC: anche le ore di lavoro dipendente sono valide per il tirocinio professionale

cedolare secca: c’è tempo fino al 6 giugno per registrare i contratti di locazione i cui termini di registrazione scadono dal 7 aprile e fino a quella data (6 giugno) per scegliere se avvalersi della cedolare secca; casse previdenziali professionali: ok dal Senato all’aumento del contributo integrativo; programmi di verifiche della permanenza dei requisiti nei confronti dei titolari di benefici economici di invalidità civile: vanno integrate le Commissioni mediche INPS; Consob: modifiche al regolamento emittenti in materia di OPA; indennità per astensione congedo parentale straordinario; CNDCEC: anche le ore di lavoro dipendente sono valide per il tirocinio professionale

 






 


Indice:


 


1) Casse previdenziali professionali: Ok dal Senato all’aumento del contributo integrativo


 


2) Programmi di verifiche della permanenza dei requisiti nei confronti dei titolari di benefici economici di invalidità civile: vanno integrate le Commissioni mediche INPS


 


3) Consob: modifiche al regolamento emittenti in materia di OPA


 


4) Indennità per astensione congedo parentale straordinario


 


5) CNDCEC: anche le ore di lavoro dipendente sono valide per il tirocinio professionale


 


6) Cedolare secca: più tempo per scegliere con il software delle Entrate gratuito


 


 


1) Casse previdenziali professionali: Ok dal Senato all’aumento del contributo integrativo


L’Assemblea del Senato ha approvato il D.D.L. n. 2177, recante la modifica dell’art. 8 del Decreto Legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, concernente la misura del contributo previdenziale integrativo dovuto dagli esercenti attività libero-professionale iscritti in albi ed elenchi, già approvato dalla Camera dei deputati.


Al fine di garantire l’equilibrio delle casse previdenziali privatizzate, la prima parte della novella prevede che la misura del contributo previdenziale integrativo degli esercenti attività libero-professionale, iscritti in albi ed elenchi, sia fissato, in misura non inferiore al 2% e non superiore al 5%, mediante delibera delle casse o enti di previdenza competenti.


La seconda parte della novella, concernente anche i regimi pensionistici che adottino il sistema di calcolo contributivo, prevede che l’ente o cassa competente possa destinare parte del contributo integrativo all’incremento dei montanti individuali.


Laurea in fisioterapia


L’Assemblea del Senato, all’unanimità, ha poi approvato in via definitiva il Disegno di Legge n. 572-B, d’iniziativa del Gruppo dell’IdV, recante abrogazione dell’art. 1-septies del D.L. 5 dicembre 2005, n. 250, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 febbraio 2006, n. 27, in materia di equipollenza di diploma di laurea in scienze motorie al diploma di laurea in fisioterapia, e disposizioni relative al conseguimento della laurea in fisioterapia da parte di studenti e laureati in scienze motorie.


Consapevole dell’impropria sovrapposizione tra i due diplomi di laurea e delle difficoltà di sbocchi professionali che incontrano i laureati in scienze motorie, il Senato ha scelto di privilegiare il principio dell’abrogazione dell’equipollenza e di dare soluzione ad una vicenda risalente alla XIV legislatura, rinunciando a configurare un percorso per il passaggio dall’uno all’altro diploma.


E’ stato, quindi, approvato senza modifiche il testo licenziato dalla Camera dei deputati che attribuisce al Ministro del’istruzione, dell’università e della ricerca il compito di definire la disciplina relativa al riconoscimento dei crediti formativi; all’accesso al corso universitario in fisioterapia nei limiti dei posti programmati e previo superamento di una selezione; allo svolgimento del periodo di formazione e tirocinio.


(Senato della Repubblica, comunicato n. 533 del 05 aprile 2011)


 


 


2) Programmi di verifiche della permanenza dei requisiti nei confronti dei titolari di benefici economici di invalidità civile: vanno integrate le Commissioni mediche INPS


Per garantire la massima trasparenza, collegialità e partecipazione procedimentale all’attività connessa all’attuazione dei programmi di verifiche della permanenza dei requisiti nei confronti dei titolari di benefici economici di invalidità civile, le Commissioni mediche INPS deputate ad accertare la permanenza dei requisiti sanitari di invalidità civile, di cecità civile e di sordità civile sono di volta in volta integrate con un medico in rappresentanza, rispettivamente, dell’Associazione nazionale dei mutilati e invalidi civili (A.N.M.I.C.), dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (U.I.C.) e dell’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi (E.N.S.).


A tal fine, il Coordinatore generale medico-legale rappresenterà alle Strutture centrali delle citate associazioni il fabbisogno territoriale di medici per l’attività in argomento e, una volta ricevute le relative indicazioni, emetterà i provvedimenti di nomina trasmettendoli alle Direzioni Regionali per i successivi adempimenti.


Ciascuna Direzione regionale, a sua volta, avrà cura di trasmettere alle UOC/UOS medico legali della Regione le generalità dei medici nominati per il rispettivo ambito territoriale di competenza.


I responsabili delle UOC/UOS medico legali avranno cura di iniziare a trasmettere, di volta in volta, i calendari delle sedute di visita alle sedi A.N.M.I.C., U.I.C. ed E.N.S. competenti per territorio, con lettera raccomandata con avviso di ricevimento o con altro mezzo, anche elettronico, idoneo a dare prova documentale legalmente riconosciuta dell’invio e della ricezione della comunicazione.


Effettuata la trasmissione nei modi descritti, la singola visita sarà valida ed efficace anche in mancanza del medico nominato in rappresentanza di una delle citate Associazioni.


(Inps, messaggio n. 8146 del 05 aprile 2011)


 


 


3) Consob: modifiche al regolamento emittenti in materia di OPA


La Consob, il 05.04.2011, ha approvato le modifiche al regolamento emittenti in materia di offerte pubbliche di acquisto e di scambio (delibera n. 17731).


Tali modifiche danno attuazione alla direttiva 2004/25/CE in materia di opa (trasposta in Italia con il D.Lgs. n. 229/2007) e tengono conto delle modifiche apportate al Tuf negli ultimi due anni (D.L. n. 185/2008, cd. decreto anti-crisi; D.L n. 5/2009, recante misure urgenti a sostegno dei settori industriali; D.Lgs. n. 146/2009, decreto correttivo).


La delibera è stata adottata dopo due consultazioni pubbliche, rispettivamente in data 6 ottobre 2010 e 18 febbraio 2011.


Tra le principali modifiche emergono:


La rilevanza degli strumenti finanziari nel calcolo della soglia rilevante ai fini dell’obbligo di opa – ai fini del calcolo delle soglie per l’obbligo di opa sono computati gli strumenti finanziari derivati, detenuti anche indirettamente per il tramite di fiduciari o per interposta persona, che conferiscono una posizione lunga sulle azioni;


Il parere degli amministratori indipendenti – nel caso di offerte promosse da cd. insiders (offerte promosse da soggetto che, da soli o in virtù di un patto, detengono più del 30% delle azioni della società target, amministratori o consiglieri di gestione o di sorveglianza della società target; persone che agiscono di concerto con i soggetti sopra individuati), prima dell’approvazione del comunicato dell’emittente, gli amministratori indipendenti che non sono parti correlate dell’emittente, redigono un parere motivato contenente valutazioni sull’offerta e sulla congruità del corrispettivo, potendosi avvalere, a spese dell’emittente, dell’ausilio di un esperto indipendente;


La riapertura dei termini dell’offerta – nel caso di offerte promosse da cd. insiders, si prevede la riapertura dei termini per l’adesione qualora l’offerente, in occasione della pubblicazione dei risultati,comunichi per le offerte la cui efficacia è condizionata all’acquisizione di una percentuale determinata del capitale sociale dell’emittente, il verificarsi della condizione o la rinuncia alla stessa; per le altre offerte, di aver raggiunto un partecipazione superiore alla metà oppure ai due terzi del capitale sociale, oppure di avere acquistato almeno almeno la metà dei titoli di ciascuna categoria oggetto dell’offerta;


Il regime delle azioni proprie – le azioni detenute dall’emittente sono escluse dal computo del capitale sociale su cui si calcola la partecipazione rilevante ai fini dell’obbligo di opa; questa regola non si applica nel caso di acquisto di azioni proprie da parte della società quando l’operazione è stata approvata anche con il voto favorevole della maggioranza dei soci presenti in assemblea, diversi dal socio o dai soci che detengono la partecipazione di maggioranza, anche relativa;


Le presunzione di concerto – sono individuate con maggiore precisione e condotte che configurano una presunzione di concerto e le cd. presunzioni negative di concerto; in particolare, rispetto al primo documento di consultazione è stata eliminata la presunzione di concerto per i soggetti che presentano una lista volta a eleggere la maggioranza degli organi sociali.


Tra le altre modifiche, il coinvolgimento degli azionisti, mediante il meccanismo del cd. whitewash, nell’esenzione dall’obbligo di opa in caso di operazioni di fusione o di salvataggio di società in crisi; la modifica del contenuto del comunicato dell’emittente che deve indicare l’eventuale adozione a maggioranza nonché il nome degli amministratori dissenzienti e astenuti insieme alle motivazioni di tale dissenso e astensione; l’estensione della best price rule, e cioè dell’obbligo di allineare il prezzo dell’offerta al prezzo più altro pagato dall’offerente) anche nei sei mesi successivi alla chiusura dell’offerta.


Le nuove regole entreranno in vigore il 2 maggio 2011 e sono applicabili a tutte le offerte per le quali la comunicazione alla Consob e al mercato, effettuata ai sensi dell’art. 102, comma 1, Tuf, oppure l’acquisto determinante il superamento della soglia rilevante ai fini del sorgere dell’obbligo di offerta, saranno effettuati successivamente a tale data. Viene poi previsto un regime transitorio speciale per alcune disposizioni.


(Assonime, nota del 06 aprile 2011)


 


 


4) Indennità per astensione congedo parentale straordinario


L’indennità economica col versamento della contribuzione figurativa relativi ai periodi di astensione dal lavoro per congedo parentale straordinario va riconosciuta sia a coloro che risultino iscritti all’INPS, sia ai lavoratori del settore privato che, attualmente, sono assicurati all’INPDAP ai soli fini del contributi pensionistici.


Lo ha precisato il Ministero del Lavoro con l’interpello n. 17 del 05 aprile 2011, intervenuto in merito all’indennità economica ed al versamento della contribuzione figurativa relativi ai periodi di astensione dal lavoro per congedo parentale straordinario.


I periodi di astensione dal lavoro per congedo parentale straordinario sono concessi al fine di prestare assistenza a soggetti con handicap in situazione di gravità e che, durante tali congedi, il richiedente ha diritto ad un’indennità pari all’ultima retribuzione corrisposta ed il periodo medesimo è coperto da contribuzione figurativa. (art. 42, comma 5, D.Lgs. n. 151/2001).


Il Ministero ha ricordato che le istituzioni scolastiche come l’AGIDAE (scuole paritarie parificate), costituiscono enti di carattere privatistico, pertanto i contributi dei lavoratori da essi dipendenti vengono versati mensilmente all’INPS e, il loro contratto conserva natura di contratto di lavoro privato.


Ne consegue che:


“…Alla luce delle ragioni sin qui esposte, appare possibile affermare che l’indennità economica per i periodi di astensione dal lavoro per congedo parentale straordinario, di cui all’art. 42 comma 5, D.Lgs. n. 151/2001, stante la natura assistenziale della stessa, va erogata dall’INPS anche ai lavoratori iscritti ad altri fondi pensionistici e, dunque, anche al personale dipendente di scuole elementari parificate paritarie assicurato all’INPDAP.


Ciò premesso, sembra potersi sostenere che anche la relativa contribuzione figurativa venga riconosciuta sia a coloro che risultino iscritti all’INPS, sia ai lavoratori del settore privato che, attualmente, siano assicurati all’INPDAP ai soli fini del contributi pensionistici.”


(Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro, nota del 06 aprile 2011)


 


 


5) CNDCEC: anche le ore di lavoro dipendente sono valide per il tirocinio professionale


Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti, sollecitato da alcuni quesiti pervenuti da vari Ordini territoriali, nella seduta del 16.02.2011 ha affrontato alcune questioni relative al tirocinio deliberando:


– di ritenere ammissibile lo svolgimento del tirocinio presso un dominus iscritto nell’albo, che svolge attività professionale come dipendente a tempo pieno;


– di ritenere ammissibile che le ore di lavoro prestate dal tirocinante nell’ambito di un rapporto di lavoro dipendente instaurato con il dominus, ovvero con l’ente presso quale il dominus svolge la propria attività professionale come dipendente, possano essere considerate valide ai fini dello svolgimento del tirocinio.


La possibilità di considerare utili ai fini dello svolgimento del tirocinio professionale le ore di lavoro prestate alle dipendenze del dominus rappresenta un’inversione di tendenza rispetto alle indicazioni date in precedenza ed è maturata in base alla riflessione che l’acquisizione di conoscenze e di competenze proprie di una professione intellettuale possa avvenire anche nell’ambito di un rapporto di lavoro dipendente, attraverso lo svolgimento di mansioni che sono di ausilio allo svolgimento di attività tipiche della professione poste in essere dal dominus.


(Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, nota n. 4050 del 05 aprile 2011)


 


 


6) Cedolare secca: più tempo per scegliere con il software delle Entrate gratuito


Entro il 6 giugno la registrazione dei contratti in scadenza da domani.


C’è tempo fino al 6 giugno per registrare i contratti di locazione i cui termini di registrazione scadono dal 7 aprile e fino a quella data (6 giugno) e scegliere se avvalersi della cedolare secca.


Questa finestra temporale è concessa, in applicazione all’art. 3 comma 2 dello Statuto del contribuente (legge 212 del 2000), per dare tempo agli interessati di conoscere la nuova normativa ed eventualmente esercitare l’opzione con più consapevolezza.


Domani, contestualmente con l’entrata in vigore delle disposizioni sul federalismo fiscale municipale, e in largo anticipo rispetto ai 90 giorni concessi dalla norma (art. 3, comma 4 del D.Lgs. 14 marzo 2011, n.23), sarà emanato il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate che disciplinerà le modalità applicative della cedolare secca sugli affitti abitativi.


Dall’8 aprile, sarà inoltre disponibile sul sito Internet dell’Agenzia -www.agenziaentrate.gov.it – un software semplificato che consentirà l’esercizio


dell’opzione per la nuova modalità di tassazione sostitutiva.


(Agenzia delle Entrate, comunicato del 06 aprile 2011)


 


 


Vincenzo D’Andò


 


 

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it