La cedolare secca e gli acconti I.R.P.E.F.

 

Abbiamo elaborato un software che permette di elaborare il calcolo dell’IRPEF 2011 a seguito dell’introduzione della cedolare secca:

clicca qui per maggiori informazioni

 

Ora che la cedolare secca è una realtà, le persone fisiche proprietarie di fabbricati ad uso abitativo e che locano tali fabbricati per finalità abitative devono valutare se conviene applicare il nuovo metodo di tassazione ai contratti di locazione.

 

Abbiamo già parlato sulle pagine del Commercialista telematico (F. Gavioli, “Cedolare secca: quando conviene applicarla?”, del 13 aprile 2011) della convenienza del nuovo regime dal punto di vista della sostanziale riduzione delle aliquote.

Per i locatori che utilizzeranno il nuovo sistema di tassazione ci sarà,inoltre, un beneficio finanziario immediato nel 2011: infatti con l’applicazione della cedolare secca cambiano le regole per il calcolo degli acconti.

 

Per gli acconti versati nel 2011 esiste un metodo di calcolo ad hoc, in quanto la cedolare secca è entrata in vigore solo il 7 aprile.

Per l’anno 2011 i contribuenti che aderiscono al nuovo regime verseranno gli acconti nella percentuale dell’85% dell’imposta cedolare secca prevista per il periodo, solo se la cedolare secca da versare per l’anno 2011 è superiore ad € 51,65.

 

  • Per i contratti già in essere e per quelli stipulati entro la data del 31 maggio 2011, l’acconto si verserà in due rate (il 40% al 16 giugno od al 18 di luglio – con la canonica maggiorazione dello 0,4% – ed il 60% al 30 novembre); se l’importo dell’acconto dovuto è inferiore ad € 257,52, il versamento dell’acconto avverrà in unica soluzione entro il 30 novembre.

  • Per i contratti stipulati successivamente dall’1 giugno al 30 novembre 2011, l’acconto si versa sempre in unica soluzione al 30 novembre 2011.

  • Per i contratti stipulati dall’1 al 31 dicembre, non è dovuto alcun acconto.

 

Per i contribuenti che aderiranno a tale regime di tassazione il beneficio fiscale si dovrebbe tradurre in un beneficio finanziario quasi immediato: gli acconti per l’IRPEF 2011 verranno ridotti rispetto alla consueta metodologia di calcolo per cui si versa un acconto pari al 99% delle imposte versate per l’anno precedente.

Ovviamente, per le altre tipologie di reddito, i contribuenti, continueranno ad assolvere gli obblighi fiscali (ed a versare gli acconti) secondo l’oramai consolidata normativa I.R.P.E.F..

 

Abbiamo elaborato un software che permette di calcolare gli acconti IRPEF 2011 a seguito dell’introduzione della cedolare secca:

clicca qui per maggiori informazioni

 

27 aprile 2011

Luca Bianchi


Partecipa alla discussione sul forum.