Novità fiscali del 2 settembre 2010: studi di settore: l’Ufficio deve dimostrare che le risultanze sono affidabili; CFC: difesa garantita anche senza l’interpello; appalti: obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari; in caso di revoca della retrodatazione contributiva la Cassa di previdenza risponde del danno causato al professionista; spetta il risarcimento del danno d’immagine all’imprenditore leso dall’Amministrazione


studi di settore: l’Ufficio deve dimostrare che le risultanze sono affidabili; CFC: difesa garantita anche senza l’interpello; appalti: obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari; in caso di revoca della retrodatazione contributiva la Cassa di previdenza risponde del danno causato al professionista; spetta il risarcimento del danno d’immagine all’imprenditore leso dall’Amministrazione; in crescita le entrate tributarie e contributive del primo semestre del 2010; altre di fisco

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.