Le società sportive professionistiche: aspetti operativi e contabili

Sommario

Le disposizioni relative alla società sportive professionistiche, sono contenute nella L. 23/03/1981, n. 91 e nelle norme organizzative interne delle federazioni sportive alle quali le società appartengono. Esse sono tenute a dotarsi di un piano dei conti che rifletta in modo specifico le peculiari caratteristiche del settore sportivo, nonché al rispetto dei principi contabili (che nel settore sono definiti raccomandazioni contabili) predisposti dalle Federazioni. Degno di nota, appare l’art. 18-bis della Legge n. 91/1981 che indica le modalità di iscrizione ed ammortamento dei diritti di utilizzazione delle prestazioni rese dagli sportivi professionisti.

Aspetti generali

Le società sportive professionistiche sono regolamentate dalla L. 23/03/1981 n. 91 e successive modificazioni ed integrazioni e dalla norme statutarie e delle Federazioni alle quali
appartengono (NOIF).
I recenti insuccessi della Nazionale di calcio ai Mondiali di SUD-AFRICA 2010, hanno messo in discussione non solo il sistema di reclutamento degli atleti, culminato con l’introduzione di
vincoli numerici in ordine al numero dei giocatori extra-comunitari che potranno gareggiare nel prossimo campionato, ma hanno posto in risalto anche l’emergenza di rivitalizzare i vivai
calcistici, per consentire che nascano nuovi campioni “Made in Italy” che sappiamo riportare in alto il tricolore italiano.

Secondo la normativa vigente gli utili realizzati dalle società sportive possono essere distribuiti tra i soci; in passato, invece, gli utili erano necessariamente destinati al reinvestimento
nell’attività sportiva. Non è possibile affermare con assoluta certezza se l’obbligo di reinvestimento favorisse il reinvestimento nelle attività sportive, specie quelle preparatorie e
formative, ma si può ragionevolmente ritenere che il reinvestimento nelle società era una positiva premessa al finanziamento dell’attività vivaistica.

Altro aspetto importante delle società sportive, è il trattamento contabile e di bilancio delle prestazioni rese dagli sportivi professionisti che secondo l’art. 18-bis della Legge n. 91/1981,
come modificata dal D.L. 24/12/2002 n. 282, convertito in L. 21/02/2003 n. 27, è così regolamentato:

Art. 18-bis.: Disposizioni in materia di bilanci
1. Le società sportive previste dalla presente legge possono iscrivere in apposito conto nel primo bilancio da approvare successivamente alla data di entrata in vigore della presente
disposizione tra le componenti attive quali oneri pluriennali da ammortizzare, con il consenso del collegio sindacale, l’ammontare delle svalutazioni dei diritti pluriennali delle
prestazioni sportive degli sportivi professionisti, determinato sulla base di un’apposita perizia giurata.
2. Le società che si avvalgono della facoltà di cui al comma 1 devono procedere, ai fini civilistici e fiscali, all’ammortamento della svalutazione iscritta in dieci rate annuali di pari
importo.

Alla luce di quanto sopra riportato CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE – 9 pagine – NEL PDF QUI SOTTO==>

***

Vedi anche il resto del corso di contabilità==>

Scarica il documento allegato
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it