La Cassazione assolve solo il condono per le ‘liti pendenti’


nei giudizi ancora pendenti, nei quali la parte si è avvalsa della definizione agevolata ex artt. 8 (integrativa semplice), 9 (condono tombale) e 12 (rottamazione dei ruoli), il giudice tributario dovrà considerare la definizione come inesistente, con conseguente pronunciamento sul merito della questione controversa

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.