Novità fiscali del 4 marzo 2010: compensazione dei crediti IVA sopra € 15.000: conseguenze ancato ottenimento del visto di conformità; nella procedura fallimentare il professionista scorpora l’I.V.A. dall’importo ricevuto dal curatore; accertamento sulla base del redditometro: verificatori per i controlli fiscali nel 2010 possono tenere conto di ulteriori elementi rispetto a quelli predeterminati; prove nel contenzioso tributario: ammesse le intercettazioni telefoniche acquisite in sede di indagini penali; niente plusvalenza sulle cessione dello studio del professionista se acquistato prima del 2007


compensazione dei crediti IVA sopra € 15.000: conseguenze ancato ottenimento del visto di conformità; nella procedura fallimentare il professionista scorpora l’I.V.A. dall’importo ricevuto dal curatore; accertamento sulla base del redditometro: verificatori per i controlli fiscali nel 2010 possono tenere conto di ulteriori elementi rispetto a quelli predeterminati; prove nel contenzioso tributario: ammesse le intercettazioni telefoniche acquisite in sede di indagini penali; niente plusvalenza sulle cessione dello studio del professionista se acquistato prima del 2007; è abuso di diritto la cessione non giustificata dei diritti di immagine; fisco: il prospetto di rivalutazione non deve essere vidimato, superate le precedenti indicazioni fornite dalla prassi; controlli delle telefonate dalle postazioni di lavoro

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.