I poteri istruttori a disposizione del Fisco (parte seconda)

di Antico/Conigliaro

Pubblicato il 21 novembre 2009

la riservatezza dei dati fiscali, le cui norme in merito in precedenza prevedevano fosse considerata violazione del segreto d'ufficio qualunque informazione o comunicazione riguardante l'accertamento, data senza ordine del giudice, a persone estranee alle rispettive amministrazioni, diverse dal contribuente o da chi lo rappresenta, è successivamente divenuta meno rigorosa, prevedendo sia un allargamento dei soggetti che comunque possono venire a conoscenza di detti dati fiscali, sia deroghe al segreto stesso contenute in norme ad hoc
Scarica il documento