Rinnovi contrattuali: telecomunicazioni – accordo del 23 ottobre 2009

di angelo facchini

Pubblicato il 29 ottobre 2009

stralcio contrattuale da: TELECOMUNICAZIONI in occasione del recente accordo

Il 23 ottobre 2009 è stato raggiunto l’accordo per il rinnovo del CCNL del settore telecomunicazioni. Si riportano i nuovi minimi retributivi da corrispondere alle seguenti decorrenze: 1° gennaio, 1° giugno 2010 e 1° giugno 2011.

 

Livelli

Minimi al 
1° gennaio 2010

Minimi al 
1° giugno 2010

Minimi al 
1° giugno 2011

Quadri-7°

1.363,47

1.410,35

1.479,29

1.213,49

1.255,30

1.316,79

5s°

1.034,42

1.070,01

1.122,34

988,32

1.022,32

1.072,32

891,28

921,90

966,93

815,67

843,76

885,06

723,60

748,52

785,17

613,69

634,81

665,87

 

Ai lavoratori in forza alla data del 23 ottobre 2009, unitamente alla retribuzione del mese di dicembre 2009, deve essere erogato un importo "una tantum" pari a 585 euro lordi, da riparametrare.

La tabella

 

Livelli

Importo della una tantum
in euro

Quadri - 7º

806,65

719,44

585,00

526,86

483,26

428,76

363,35

 

Tale somma è soggetta a riproporzionamento  mento in virtù del periodo di lavoro effettivamente prestato tra il 1° gennaio - 31 dicembre 2009 (la frazione di mese superiore a 15 giorni deve essere considerata come mese intero). Nel caso di risoluzione del rapporto di lavoro il suddetto importo viene corrisposto all'atto della liquidazione delle competenze. L'una tantum è esclusa dalla base di calcolo del trattamento di fine rapporto.  A tutti i lavoratori inquadrati al 7° livello è corrisposto un elemento retributivo pari a ero 59,39 lordi. Per i Quadri è prevista la corresponsione di una indennità di funzione pari a 98,13 mensili lordi, comprensivi del suddetto dell'elemento  retributivo previsto.

 

Di rilievo da segnalare:

§        l'istituzione del Forum Nazionale delle TLC;

§        l'estensione dell'Assistenza Sanitaria Integrativa a tutti i lavoratori delle aziende del settore entro il 1° gennaio 2011;

§        la costituzione dell'Ente Bilaterale per la formazione gestito da imprese e sindacati;

§        la possibilità di usufruire del part-time in presenza di figli con un età sino al 13 anno;

§        la maggiorazione del 20% contro l'attuale 15% per le ore di lavoro straordinario dei part-time;

§        la possibilità di utilizzare l'istituto delle 150 ore per la formazione del lavoratore;

§        l'aumento da 8 a 9 + 1 recuperabile dei giorni di permesso studio;

§        la possibilità di introdurre, per particolari profili professionali oggi senza riconoscimento della declaratoria, un livello intermedio tra il 5° e il 6° (5 bis) e per altre figure di impiegati, progettisti di reti informatiche, moderatore web, programmatore del settore ICT, sono previsti nuovi sviluppi professionali (5, 6 e 7 livello).

 

29 Ottobre 2009

Angelo Facchini