La sanatoria per colf e badanti


E’ stata la novità dell’estate, ha tenuto banco sui giornali e nei telegiornali, parliamo di sanatoria colf e badanti. L’operazione è legiferata dal DL 78/2009 convertito in Legge 102 dello Stato, riguarda i lavoratori a nero che lavorano in Italia da almeno 3 mesi prima del 30 giugno 2009. E’ cominciata con il versamento forfait di agosto, continua con la presentazione delle domande: i termini sono stati aperti il 1° settembre e si chiuderanno il 30 c.m.


Uno degli aspetti più significativi della sanatoria è la sospensione dei procedimenti penali e amministrativi a carico sia del datore di lavoro che del lavoratore. Il comma 8 dell’articolo 1-ter stabilisce, infatti, la sospensione di detti procedimenti dal 5 agosto 2009 fino alla conclusione del procedimento. La procedura si completa con la sottoscrizione del contratto di soggiorno, la comunicazione obbligatoria di assunzione all’Inps, il rilascio del permesso di soggiorno, che comportano, per tutte le parti in causa, l’estinzione dei reati e degli illeciti amministrativi relativi alle violazioni in materia di soggiorno e lavoro irregolare, anche se di natura previdenziale, assistenziale, fiscale, finanziario.


 


La circolare 7 agosto 2009, n. 10 del Ministero dell’interno e Ministero del lavoro


 


SOGGETTI INTERESSATI


Possono accedere alla sanatoria i seguenti datori di lavoro:


§        cittadino italiano;


§        cittadino di un Paese appartenente all’Unione Europea;


§        cittadino extracomunitario in possesso del titolo di soggiorno di cui all’art. 9 del Testo unico per l’Immigrazione (permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo) nonché cittadino extracomunitario titolare di carta di soggiorno in quanto familiare di cittadino comunitario (Dlgs n. 30/2007).


 


La dichiarazione di emersione può essere presentata esclusivamente a favore dei lavoratori extracomunitari che, alla data del 30 giugno 2009, erano occupati irregolarmente da almeno 3 mesi come addetti al lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare o all’assistenza di persone affette da patologie o handicap che ne limitano l’autosufficienza e continuano ad essere occupati nello svolgimento delle attività sopra specificate, al momento della presentazione della domanda. Và trasmessa dal 1° al 30 settembre 2009; non sono state fissate quote massime di ammissione delle domande, si può presentare per un numero massimo di tre lavoratori (n. 1 colf e n. 2 badanti).


 


Lavoro di sostegno al bisogno familiare


Per il lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare, è possibile presentare una sola domanda per ciascun nucleo familiare ed è necessaria, a pena di inammissibilità dell’istanza, l’attestazione del possesso di un reddito imponibile (risultante dalla dichiarazione dei redditi per l’anno 2008) non inferiore a 20.000 euro annui in caso di famiglia composta da un solo soggetto percettore di reddito, ovvero di un reddito complessivo non inferiore a 25.000 euro per i nuclei familiari con più soggetti conviventi percettori di reddito. La documentazione relativa all’attestazione del reddito dovrà essere esibita, a pena di inammissibilità della domanda, allo Sportello Unico.


Assistenza a persone affette da patologie o handicap


Per l’assistenza a persone affette da patologie o handicap che ne limitano l’autosufficienza, è possibile presentare una o due domande per nucleo familiare (anche per assistere componenti della famiglia non conviventi), purché venga prodotta allo Sportello Unico per l’Immigrazione, pena l’inammissibilità della domanda, una certificazione, rilasciata dalla struttura sanitaria pubblica o da un medico convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, che attesti la sussistenza della limitazione dell’autosufficienza della persona per cui si richiede l’assistenza al momento in cui è sorto il rapporto di lavoro con il cittadino extracomunitario. Non è, invece, necessario produrre una nuova certificazione medica di quei cittadini per i quali viene richiesta l’assistenza, già riconosciuti in precedenza invalidi: è sufficiente esibire la documentazione relativa  all’accertamento dello stato di invalidità civile, rilasciata dalle competenti Commissioni sanitarie nei riguardi del soggetto che dovrà essere assistito. Nel caso in cui si presentino due dichiarazioni per assistere la stessa persona, la certificazione medica in parola dovrà attestare anche la necessità di avvalersi di due lavoratori per lo svolgimento dell’attività di assistenza.


Contributo forfetario


Il contributo forfetario di 500 euro per ciascun lavoratore deve essere stato versato nei termini previsti a mezzo F24 versamenti con elementi identificativi presso gli sportelli bancari, gli uffici postali o con modalità online.


 


Modalità di presentazione


Il datore di lavoro deve presentare, esclusivamente in via telematica, la dichiarazione di sussistenza del rapporto di lavoro domestico o di assistenza con il cittadino extracomunitario allo Sportello Unico per l’Immigrazione presso la PrefetturaUTG competente del luogo ove si svolge detto rapporto, utilizzando le modalità informatiche reperibili sul sito internet del Ministero dell’interno www.interno.it . La data effettiva della dichiarazione sarà quella indicata nella e-mail che il sistema informatico provvede ad inviare all’indirizzo di posta elettronica associato all’utente che ha effettuato la richiesta. Ai fini di garantire la trasmissione esclusivamente su connessione protetta della ricevuta, la stessa sarà resa disponibile all’interno del sito web nell’area elenco domande inviate. Copia della stessa ricevuta dovrà essere consegnata a cura del datore di lavoro al lavoratore ai fini dell’attestazione dell’avvenuta presentazione della domanda di emersione. La ricevuta ha codici univoci di identificazione che consentiranno di verificare l’autenticità formale dei dati presenti nella stessa così da contrastare qualsiasi tentativo di falsificazione.


 


Sportello Unico


Lo Sportello Unico per l’Immigrazione riceverà le domande dal sistema informatico del Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione del Ministero dell’interno a partire dal 10 ottobre 2009 secondo l’ordine cronologico di ricezione; verrà, quindi, verificato il rispetto della normativa, diversamente le domande saranno considerate irricevibili. Al riguardo, si precisa che sarà controllato il numero di domande presentate su tutto il territorio nazionale. Verrà, altresì, acquisito dalla Questura il parere sull’insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno al lavoratore extracomunitario; solo dopo saranno convocate le parti per gli ulteriori adempimenti:


1) verifica della corrispondenza delle dichiarazioni rese informaticamente nell’istanza acquisita dal sistema con quelle che risultano dalla documentazione che deve essere esibita dalle parti;


2) acquisizione della copia della certificazione medica, nel caso in cui la dichiarazione di emersione riguardi l’attività di assistenza alla persona;


3) verifica della sussistenza del requisito reddituale, previa esibizione da parte del datore di lavoro della dichiarazione relativa ai redditi dell’anno 2008, nel caso in cui la dichiarazione di emersione riguardi l’attività di sostegno al bisogno familiare;


4) verifica dell’avvenuto versamento del contributo forfetario di 500 euro, mediante consegna della copia della ricevuta da parte del datore di lavoro;


5) verifica del codice identificativo della marca da bollo.


Successivamente, si procede alla stipula del contratto di soggiorno attraverso la sottoscrizione dell’apposito modello da parte del datore di lavoro e del lavoratore. Al lavoratore viene consegnato il modello 209 da presentare, per la richiesta del permesso di soggiorno, con le consuete modalità, all’Ufficio Postale. Nell’ipotesi di mancata presentazione della documentazione o di presentazione di documentazione priva dei requisiti previsti dalla legge, si procederà al rigetto dell’istanza. Si precisa che, in caso di irricevibilità, archiviazione o rigetto delle domande di emersione, non si procederà comunque alla restituzione del contributo forfetario di 500 euro. Nel caso, invece, di presentazione di documentazione insufficiente, potrà essere richiesta eventualmente un’integrazione, fissando una nuova data di convocazione. La mancata presentazione delle parti allo Sportello Unico a seguito della convocazione, senza giustificati motivi, comporta l’archiviazione della dichiarazione. Ovviamente, essendo lo straniero già presente sul territorio nazionale, il procedimento non prevede l’invio del nulla osta al Mae per il rilascio del visto di ingresso. Comunque, ai fini della richiesta del permesso di soggiorno, dovrà essere indicata la data e la frontiera di ingresso dello straniero sul territorio nazionale. A differenza di quanto previsto nella procedura inerente i flussi di ingresso, le verifiche di competenza della Direzione provinciale del lavoro, sulla documentazione cartacea prodotta dall’interessato, saranno effettuate direttamente dal personale del predetto Ufficio, presso gli Sportelli Unici; inoltre, le Direzioni provinciali del lavoro provvederanno anche ad accertare la corrispondenza delle condizioni di lavoro dichiarate con l’attività effettivamente prestata nel quadro del piano di controlli delle autocertificazioni relative al lavoro subordinato previsto dal Dpr n. 445/2000.


 


Effetti della dichiarazione di emersione


La presentazione della dichiarazione di emersione determina la rinuncia alla richiesta di nulla osta al lavoro subordinato per le attività di lavoro domestico o di assistenza alla persona già presentata per il medesimo lavoratore, ai sensi dei Dpcm 30 ottobre 2007 e 3 dicembre 2008, concernenti la programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori extracomunitari non stagionali nel territorio nazionale. Si precisa che i pareri positivi già resi dalle Questure in occasione della presentazione delle domande ai sensi dei Dpcm 30 ottobre 2007 e 3 dicembre 2008 per le quali sia già stato consegnato il nulla osta al datore di lavoro, dovranno essere ritenuti validi dallo Sportello Unico nell’esaminare le domande di emersione; ciò, al fine di procedere nel modo più efficace e rapido possibile all’emersione del rapporto di lavoro irregolare.


 


Sospensione dei procedimenti penali ed amministrativi


Secondo quanto stabilito dall’art. 1ter, comma 8, della legge in oggetto, dalla data di entrata in vigore della stessa legge e fino alla conclusione del procedimento, saranno sospesi i procedimenti penali e amministrativi a carico dei lavoratori extracomunitari, per i quali può essere presentata la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare, ed a carico dei datori di lavoro per le violazioni delle norme relative all’ingresso ed al soggiorno nel territorio nazionale (con esclusione di quelle di cui all’art. 12 del Tu per l’Immigrazione) e per quelle relative all’impiego dei lavoratori, anche se rivestono carattere finanziario, fiscale, previdenziale ed assistenziale. Al contrario, la mancata presentazione della dichiarazione, ovvero l’archiviazione o il rigetto della dichiarazione stessa, farà cessare la sospensione dei procedimenti sanzionatori di cui sopra. La sottoscrizione del contratto di soggiorno, congiuntamente alla comunicazione obbligatoria di assunzione all’Inps, ed il rilascio del permesso di soggiorno comportano, rispettivamente, per il datore di lavoro e per il lavoratore extracomunitario l’estinzione dei reati e degli illeciti amministrativi relativi alle violazioni delle norme testé richiamate. Si evidenzia, infine, che, nelle more della definizione del procedimento in esame, il cittadino straniero non può essere destinatario di un provvedimento di espulsione, tranne che nei casi previsti al comma 13 dell’art. 1ter della legge in oggetto.


 


Le false dichiarazioni


Chiunque presenti nell’ambito della procedura di emersione in questione false dichiarazioni o attestazioni, ovvero concorra al fatto, è punito ai sensi dell’art. 76 del Dpr 28.12.2000, n. 445, salvo che il fatto costituisca reato più grave. Se il reato viene commesso attraverso la contraffazione o l’alterazione di documenti, oppure mediante l’utilizzo di uno di tali documenti contraffatti o alterati, il reo è punito con la reclusione da uno a sei anni. La pena è aumentata se il reato è commesso da un pubblico ufficiale.


Angelo facchini

5 settembre 2009


Partecipa alla discussione sul forum.