La Cassazione interviene sull’IRAP degli agenti commercio e promotori finanziari

la soggezione ad IRAP della loro attività è possibile solo nell’ipotesi in cui sussista il requisito dell’autonoma
organizzazione che costituisce accertamento di fatto spettante al giudice di merito e non censurabile in sede di legittimità se congruamente motivato

Scarica il documento allegato
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it