Novità fiscali dell’11 settembre 2008: studi di settore: giustificato il contribuente che non si è adeguato a GERICO causa crisi economica? processi verbali di constatazione: pronto il modello; scadenze fiscali slittate a settembre 2008


 






 


Indice:


 


1) La proroga dei termini del modello unico ha fatto slittare al 30/9/2008 la scadenza di presentazione di altri adempimenti fiscali


 


2) Studi di settore: E’ giustificato il contribuente che non si è adeguato a GERICO


 


3) Stock option: Nota di Rettifica dell’Agenzia delle Entrate su tale disciplina


 


 


4) Processi verbali di constatazione: Pronto il modello per comunicare l’adesione agevolata


 


 


1) La proroga dei termini del modello unico ha fatto slittare al 30/9/2008 la scadenza di presentazione di altri adempimenti fiscali


L’avvenuta proroga del termine di presentazione telematica del Modello Unico 2008 al 30 settembre 2008 ha fatto slittare, automaticamente (poiché la relativa scadenza è legata a quella del modello unico),  a tale medesima data (cioè pure al 30/09/2008) anche i seguenti adempimenti:


Invio della documentazione al fine di fruire della detrazione del 55%


La detrazione Irpef del 55% è stata introdotta per gli interventi su coperture, pavimenti e finestre, per l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda e per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione.


La normativa attuale stabilisce che i soggetti che, nel periodo d’imposta in corso al 31/12/2007, hanno sostenuto spese per interventi su strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti) possono usufruire della detrazione del 55%, a condizione che inviino la prevista documentazione (attestato di certificazione energetica e scheda informativa), entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui la spesa è stata sostenuta.


Tale termine è stato adesso spostato, quindi, al 30 settembre 2008.


Estromissione immobile imprenditore individuale


Altresì, lo slittamento del termine di presentazione del Modello Unico 2008 ha provocato anche lo spostamento al 30/9/2008 per il termine di versamento della prima rata, prevista in misura pari al 40% dell’imposta sostitutiva per l’estromissione dei beni immobili strumentali dal patrimonio dell’impresa.


Si tratta della misura di tipo agevolativi che consente di fare uscire gli immobili strumentali dalla sfera dell’impresa individuale.


Dichiarazione ICI


Inoltre, come è noto, anche la dichiarazione ai fini dell’I.C.I. (imposta comunale sugli immobili) prevede come termine di presentazione quello previsto per l’invio della dichiarazione dei redditi


Ne consegue che i diretti interessati, possono entro il prossimo 30 settembre, ove ne ricorra il caso,  comunicare al comune di competenza le  variazioni relative ai propri immobili intervenute nel 2007.


Si ricorda, che la recente semplificazione ha comportato che non deve essere presentata la dichiarazione ICI quando gli elementi rilevanti ai fini dell’imposta comunale dipendono da atti per i quali sono applicabili le procedure telematiche previste dall’art. 3-bis del D. Lgs. 18 dicembre 1997, n. 463, relativo alla disciplina del modello unico informatico (MUI).


Per i particolari, in merito, si rimanda alla letture delle istruzioni ministeriale al modello dell’I.C.I. 2008.


Bonus incapienti


Lo spostamento al 30 settembre del termine per l’invio di Unico 2008, ha, infine, comportato la proroga per la presentazione del modello (telematico) per richiedere il c.d. bonus “incapienti” per i soggetti che non sono tenuti alla presentazione della dichiarazione Unico 2008.


Si tratta del provvedimento, il quale prevede deve avvenire entro i medesimi termini previsti per la dichiarazione dei redditi relativa al 2007, e, quindi, entro il 30/09/2008.


 


 


 


2) Studi di settore: E’ giustificato il contribuente che non si è adeguato a GERICO  in presenza di contabilità regolare e per la crisi economica del territorio


Va giustificato lo scostamento dalle risultanze sulla base degli studi di settore in presenza di contabilità regolare e a causa della crisi economica del territorio.


Ciò anche quando il contribuente non si non sia voluto adeguare a tali risultati derivanti dal software GERICO (per la mancata congruità e coerenza rispetto ai dati dichiarati nell’apposito modello previsto ai fini degli studi di settore).


Nel caso di specie, quanto dimostrato dalla società contribuente sulla crisi del territorio in cui opera e sulla regolarità della propria contabilità, ha, pertanto, giustificato lo scostamento dagli studi di settore, infrangendo le presunzioni attribuite agli studi di settore.


Anche la pronuncia giurisprudenziale della Commissione Tributaria Regionale Siciliana si è, quindi, dimostrata in linea con quanto stabilito dagli organi del contenzioso tributario e anche dalla stessa Agenzia delle Entrate, che negli ultimi documenti di prassi resi noti ha invitato i propri uffici a non emettere in maniera automatica gli avvisi di accertamento sugli studi di settore, dovendo, invece, valutare tanti altri fattori, al fine di motivare, con la presenza effettiva delle presunzioni di gravità precisione concordanza che stanno alla base dei principi in materia.


Necessitano, pertanto, ulteriori prove a sostegno delle presunte violazioni contestate al contribuente.


(Commissione tributaria regionale Sicilia, Sentenza, Sez. XXIX, 10/06/2008, n. 57, in Ipsoa Editore del 10/09/2008)


 


 


3) Stock option: Nota di Rettifica dell’Agenzia delle Entrate su tale disciplina


Stock option: In merito a tale disciplina l’Agenzia delle Entrate ha corretto un refuso contenuto nella circolare n. 54/E del 09 settembre 2008.


La circolare numero 54/E del 9 settembre relativa all’abolizione del regime fiscale agevolato delle stock option previsto dal decreto legge 112 del 2008 contiene un refuso nell’ultimo capoverso della premessa e nel secondo capoverso del primo paragrafo.


Di conseguenza il testo corretto della circolare nei menzionati punti è il seguente:


“…la differenza tra il valore delle azioni al momento dell’esercizio del diritto di opzione e l’ammontare corrisposto dal dipendente concorre a formare il reddito imponibile da lavoro dipendente.”


L’abolizione del regime fiscale agevolato per le stock option opera dal momento in cui viene esercitato il diritto di opzione.


Le nuove norme, introdotto dal D.L. n. 112/2008, si applicano alle azioni assegnate a decorrere dal 25 giugno 2008 anche se i relativi piani sono stati deliberati prima della data di entrata in vigore del D.L. n. 112/2008.


(Agenzia delle Entrate, comunicato stampa del 10 settembre 2008)


 


 


4) Processi verbali di constatazione: Pronto il modello per comunicare l’adesione agevolata


Si avvia l’adesione agevolata ai processi verbali di constatazione.


Con un provvedimento firmato il 10 settembre 2008 direttore dell’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello che i contribuenti dovranno utilizzare per aderire ai verbali di constatazione consegnati in seguito a verifiche fiscali in materia di imposte sui redditi e di Iva.


Adesione: Disciplina


L’istituto dell’adesione ai processi verbali di constatazione è una delle novità introdotte dal D.L 112/2008 (conv. In Legge n. 133/2008) e comporta l’accettazione integrale delle pretese dell’amministrazione finanziaria, senza possibilità di contraddittorio.


In cambio però si ottiene la riduzione a 1/8 (in luogo di ¼) della sanzione minima prevista per la violazione contestata.


Termini e modalità di presentazione


Il modello, composto da due sezioni, deve essere presentato all’ufficio dell’Agenzia delle entrate territorialmente competente, oltre che all’organo che ha redatto il processo verbale di constatazione, dal contribuente nei confronti del quale è stato redatto il processo verbale di constatazione.


La comunicazione può essere consegnata direttamente o inviata per posta tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento.


Se la comunicazione di adesione è stata presentata prima del 10 settembre 2008, data di pubblicazione del provvedimento, non è considerata valida e va nuovamente effettuata, entro il 30 settembre 2008, utilizzando esclusivamente il modello approvato.


Reperibilità del modello


Il modello e le relative istruzioni sono disponibili in formato elettronico sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it.


(Agenzia delle Entrate, comunicato stampa del 10 settembre 2008)


 


 


 


________________________________


A cura di Vincenzo D’Andò


 


Partecipa alla discussione sul forum.