Gli effetti del patto di stabilità 2007 sugli obiettivi programmatici del 2008


Invio della comunicazione degli obiettivi programmatici validi per il triennio 2008/2010 ai fini del patto di stabilità interno e trasmissione dei provvedimenti per il riassorbimento degli scostamenti relativi al mancato rispetto del patto 2007.


Questo prevede, in sintesi, l’articolo unico del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 0053093 del 5 maggio 2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 113 del 15-5-2008, e visionabile sul sito della Ragioneria dello Stato.


Nello specifico il decreto stabilisce che gli enti soggetti al patto di stabilità (province e comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti) devono trasmettere al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato – le informazioni relative alla determinazione degli obiettivi programmatici per il patto di stabilità 2008/2010.


Gli enti dovranno inviare le informazioni, dal 19 maggio e fino al 30 giugno, attraverso il sistema web www.pattostabilita.rgs.tesoro.it, utilizzando uno dei prospetti allegati al decreto (prospetti A/08, B/08, C/08, D/08, E/08 ), sulla base delle specifiche modalità di calcolo.


Al fine di facilitare la determinazione dell’entità del concorso alla manovra di finanza pubblica e del relativo obiettivo programmatico, nello stesso sistema web è già disponibile un’applicazione informatica che consente di calcolare automaticamente sia il contributo annuo alla manovra di ciascun ente sia gli obiettivi per il triennio 2008/2010, tenendo conto, per quanto riguarda gli enti che non hanno rispettato il patto l’anno precedente, del recupero dello scostamento tra i risultati conseguiti e gli obiettivi programmatici 2007.


Infatti, per gli enti inadempimenti al patto 2007 (in termini di competenza e/o di cassa), lo scostamento tra i risultati conseguiti al 31 dicembre e gli obiettivi programmatici 2007 si aggiunge all’obiettivo programmatico per l’anno 2008, definendo la manovra complessiva di bilancio 2008.


Per gli enti inadempienti sia in termini di competenza che di cassa, la manovra complessiva per il 2008, in caso di adozione del criterio della competenza mista, sarà pari all’obiettivo programmatico per il 2008 aumentato del maggiore tra i due importi degli scostamenti in termini di competenza e di cassa registrati nell’anno 2007.


Gli stessi enti inadempienti dovranno comunicare le tipologie delle misure necessarie per il recupero degli scostamenti dell’anno 2007, utilizzando i prospetti R/08 e S/08, a decorrere dal 16 giugno e fino al 30 giugno 2008.


22 maggio 2008
Matteo Esposito


Partecipa alla discussione sul forum.