Modello Unico PF 2008: le novità e le modalità di compilazione del quadro RP (oneri deducibili)






Modello Unico PF 2008: Le novità e le modalità di compilazione del quadro RP (oneri deducibili)


Una prima novità è quella che tutti i contribuenti sono obbligati a presentare la dichiarazione Modello Unico 2008 esclusivamente per via telematica, direttamente o tramite intermediario abilitato.


Sono esclusi da tale obbligo e pertanto possono presentare il modello Unico 2008 cartaceo i contribuenti che:


– Non possono presentare il mod. 730 perché privi di datore di lavoro o non titolari di pensione;


– pur potendo presentare il mod. 730 devono dichiarare alcuni redditi o comunicare dati utilizzando i relativi quadri del modello Unico (RM, RT, RW, AC);


– devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti;


– sono privi di un sostituto d’imposta al momento della presentazione della dichiarazione perché il rapporto di lavoro è cessato.


Le dichiarazioni presentate tramite un ufficio postale da parte dei contribuenti obbligati alla presentazione in via telematica sono valide ma, avvertono le istruzioni ministeriali al modello Unico, si applica la sanzione da € 258,00 a € 2.065,00 ai sensi dell’art. 8, comma 1, del D.Lgs. n. 471/1997.


Sulla base delle disposizioni del D.P.R. n. 322/1998, il Modello UNICO 2008 Persone Fisiche deve essere presentato entro i termini seguenti:


– Dal 2/5/2008 (il 1° maggio è festivo) al 30/6/2008 se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale;


entro il 31/7/2008 se la presentazione viene effettuata in via telematica, direttamente dal contribuente o se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati o da un Ufficio dell’Agenzia delle Entrate.


Tutti i versamenti a saldo che risultano dalla dichiarazione, compresi quelli relativi al primo acconto devono essere eseguiti entro il 16/6/2008 o entro il 16/7/2008.


Tuttavia, i contribuenti che scelgono di versare le imposte dovute (saldo per l’anno 2007 e prima rata di acconto per il 2008) nel periodo dal 17/6/2008 al 16/7/2008 devono applicare sulle somme da versare la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse.


Acconto IRPEF dovuto per l’anno 2008


Per stabilire se è dovuto o meno l’acconto IRPEF per l’anno 2008 occorre controllare l’importo indicato nel rigo RN 30.


Se questo importo:


– Non supera euro 51,65, non è dovuto acconto;


supera euro 51,65, è dovuto l’acconto nella misura del 99% del suo ammontare.


Considerato che tutti gli importi indicati in dichiarazione sono espressi in unità di euro, l’acconto risulta dovuto qualora l’importo del rigo RN30 risulti pari o superiore a 52 euro.


L’acconto deve essere versato:


– In unica soluzione entro il 1/12/2008 (il 30 novembre cade di domenica) se l’importo dovuto è inferiore ad euro 257,52;


– in due rate, se l’importo dovuto è pari o superiore ad euro 257,52, di cui:


– la prima, nella misura del 40%, entro il 16/6/2008 o entro il 16/7/2008 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse;


– la seconda, nella restante misura del 60%, entro il 1/12/2008.


Se si è usufruito della detrazione del 20% per l’acquisto di un apparecchio televisivo digitale e, pertanto è stata compilata la colonna 2 del rigo RP43, per stabilire se è dovuto o meno l’acconto IRPEF occorre sommare all’ammontare indicato nel rigo RN30 il 20% dell’importo indicato nella citata colonna 2 del rigo RP43.


Se il contribuente prevede (ad esempio, per effetto di oneri sostenuti nel 2008 o di minori redditi percepiti nello stesso anno) una minore imposta da dichiarare nella successiva dichiarazione, può determinare gli acconti da versare sulla base di tale minore imposta.


Acconto Addizionale Comunale all’Irpef dovuto per l’anno 2008


Per l’anno d’imposta 2008 è dovuto l’acconto per l’addizionale comunale all’Irpef.


L’acconto per l’addizionale comunale all’Irpef per il 2008 è dovuto nella misura del 30% dell’addizionale comunale ottenuta applicando al reddito imponibile relativo all’anno di imposta 2007 (importo del rigo RV17 col. 2) l’aliquota deliberata dal comune nel quale il contribuente ha la residenza alla data del 1° gennaio 2008.


L’importo così determinato deve essere ridotto dell’acconto per l’addizionale comunale 2008 trattenuto dal datore di lavoro e indicato nel rigo RC15.


L’aliquota da applicare è quella deliberata per l’anno 2008, qualora la pubblicazione della delibera sia avvenuta entro il 31 dicembre 2007 ovvero quella vigente per l’anno di imposta 2007 nel caso di pubblicazione successiva a tale data.


Se il contribuente prevede (ad esempio, per effetto di oneri deducibili sostenuti nel 2008 o di minori redditi percepiti nello stesso anno) una minore imposta da dichiarare nella successiva dichiarazione, può versare un acconto, per il 2008, di importo inferiore a quello determinato con riferimento al reddito imponibile della presente dichiarazione.


 








Principali codici tributo


4001: IRPEF saldo


4033: IRPEF acconto prima rata


4034: IRPEF acconto seconda rata o acconto in unica soluzione


6099: IVA annuale saldo


3800: IRAP saldo


3812: IRAP acconto prima rata


3813: IRAP acconto seconda rata o acconto in unica soluzione


1668: Interessi pagamento dilazionato. Importi rateizzabili Sez. Erario


3801: Addizionale regionale


3844: Addizionale comunale


3843: Addizionale comunale acconto


 


Le novità Mod.UNICO/2008


La dichiarazione dei redditi Mod.UNICO/2008 presenta delle novità, tra cui in particolare:


– La modifica delle aliquote e degli scaglioni di reddito;


– l’introduzione di detrazioni per carichi di famiglia in sostituzione delle precedenti deduzioni e di una ulteriore detrazione per le famiglie numerose;


– l’introduzione di detrazioni per redditi di pensione, redditi di lavoro dipendente, alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, redditi di lavoro autonomo, redditi d’impresa in contabilità semplificata in sostituzione delle precedenti deduzioni;


– l’introduzione di detrazioni per gli altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e per alcuni redditi di lavoro autonomo svolti in maniera occasionale (rientranti tra i redditi diversi), che in precedenza non godevano di deduzioni;


 


– la previsione di una detrazione d’imposta nella misura del 19% per le seguenti spese:






– Spese per addetti all’assistenza personale (per le quali nell’anno precedente era stata prevista una deduzione);


– spese per attività sportive praticate da ragazzi;


– spese per canoni di locazione sostenuti da studenti universitari fuori sede;


– spese per intermediazione immobiliare;


– spese per l’acquisto di personal computer da parte di docenti;


– spese per erogazioni liberali a favore di istituti scolastici;


 


– la previsione di una detrazione d’imposta nella misura del 55% per spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente;


 


– la previsione di una detrazione d’imposta nella misura del 20% per le seguenti spese:






– Sostituzione di frigoriferi e congelatori;


– acquisto di apparecchi televisivi digitali;


– acquisto di motori ad elevata efficienza;


– acquisto di variatori di velocità;


 


– la previsione di una detrazione d’imposta per i giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni che stipulano un contratto di locazione per l’unità immobiliare da destinare a propria abitazione principale;


– l’esclusione dal pagamento dell’imposta per i contribuenti che possiedono solo redditi fondiari (terreni e/o fabbricati) per un ammontare complessivo non superiore a 500 euro;


– la previsione di una detrazione d’imposta per canoni di locazione sostenuti per l’unità immobiliare da destinare ad abitazione principale;


– la possibilità, nel caso in cui la dichiarazione venga trasmessa in via telematica da un intermediario abilitato, di essere informato direttamente da quest’ultimo su eventuali comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate relative alla liquidazione della presente dichiarazione;


– la possibilità, per i contribuenti che nell’anno d’imposta 2006 si sono trovati in particolari situazioni, di richiedere il bonus fiscale, in tal caso devono compilare il nuovo quadro BF.


Si tratta del quadro che è riservato ai contribuenti che si trovano nelle condizioni per richiedere in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi il Bonus fiscale previsto dall’articolo 44 del D.L. 1/10/2007 n. 159, convertito dalla Legge 29/11/2007, n. 222.


Possono richiedere il Bonus fiscale i contribuenti che:


– Nell’anno d’imposta 2006, hanno percepito uno o più dei seguenti redditi:


Lavoro dipendente, pensione, taluni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (compensi percepiti da soci di cooperative di produzione e lavoro, redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, remunerazione dei sacerdoti, compensi per lavori socialmente utili, assegni periodici corrisposti al coniuge), redditi di lavoro autonomo, redditi d’impresa, taluni redditi diversi (redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, redditi di lavoro autonomo non esercitate abitualmente);


– nell’anno 2006 indipendentemente dalla presentazione della dichiarazione, hanno avuto un’imposta netta pari a zero;


– nell’anno d’imposta 2006 hanno posseduto un reddito complessivo non superiore a euro 50.000;


– non hanno già fruito del bonus fiscale per se e/o per i familiari a carico tramite il sostituto d’imposta;


– con riferimento ai redditi del 2007 sono obbligati ovvero hanno interesse a presentare la dichiarazione;


– nell’anno d’imposta 2006 non sono stati fiscalmente a carico di altri soggetti.


Le suddette condizioni non sono alternative e, pertanto, devono risultare tutte presenti.


Il bonus fiscale consiste nel riconoscimento di una somma pari a 150 euro, maggiorata di un ulteriore importo pari a 150 euro per ciascun familiare a carico nell’anno 2006.


Qualora il familiare nel 2006 sia stato a carico di più soggetti la somma deve essere ripartita in proporzione alla percentuale di spettanza della deduzione per carichi familiari.


Contribuenti esonerati  dalla dichiarazione dei redditi


Non si é obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi se é stato posseduto:


– Solo reddito di lavoro dipendente o di pensione corrisposto da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute d’acconto;


– solo redditi di lavoro dipendente corrisposti da più soggetti, se è stato chiesto all’ultimo datore di lavoro di tenere conto dei redditi erogati durante i rapporti precedenti e quest’ultimo ha effettuato conseguentemente il conguaglio;


– un reddito complessivo, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 8.000,00 nel quale concorre un reddito di lavoro dipendente o assimilato per un periodo non inferiore a 365 giorni e non sono state operate ritenute;


– un reddito complessivo, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.500,00 nel quale concorre un reddito di pensione per un periodo non inferiore a 365 giorni e non sono state operate ritenute;


– un reddito complessivo, al netto dell’ abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.750,00, nel quale concorre un reddito di pensione per un periodo non inferiore a 365 giorni e il soggetto ha un’età pari o superiore a 75 anni e non sono state operate ritenute;


– un reddito complessivo, al netto dell’abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 4.800,00 nel quale concorre uno dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro (es. compensi percepiti per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente dal Servizio sanitario nazionale), redditi di lavoro autonomo, redditi d’impresa in contabilità semplificata, redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, redditi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente;


– solo redditi di lavoro dipendente (corrisposti da più soggetti, ma certificati dall’ultimo sostituto d’imposta che ha effettuato il conguaglio) e reddito dei fabbricati, derivante esclusivamente dal possesso dell’abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);


– redditi da pensione per un ammontare complessivo non superiore a euro 7.500,00, goduti per l’intero anno, ed eventualmente anche redditi di terreni per un importo non superiore ad euro 185,92 e dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e relative pertinenze;


– solo reddito dei fabbricati, derivante esclusivamente dal possesso dell’abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);


– solo redditi esenti (ad es. rendite erogate dall’Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, talune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordomuti e agli invalidi civili, sussidi a favore degli hanseniani, pensioni sociali, compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche per un importo complessivamente non superiore a euro 7.500,00);


 solo redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta (ad es. redditi derivanti da attività sportive dilettantistiche per un importo fino a euro 28.158,28; interessi sui conti correnti bancari o postali);


– solo redditi soggetti ad imposta sostitutiva (ad es. interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico).






Infine, i comuni cittadini (cioè quelli non obbligati a tenere scritture contabili, quindi, ad es. non imprenditori o non professionisti), sono, in ogni caso, esonerati dalla dichiarazione se in relazione al reddito complessivo, al netto della deduzione per abitazione principale e relative pertinenze, hanno un’imposta lorda che, diminuita delle detrazioni per carichi di famiglia, delle detrazioni per lavoro dipendente e/o pensione e/o altri redditi e delle ritenute, non supera € 10,33.


 


QUADRO RP – ONERI E SPESE


Questo quadro serve per indicare gli importi di tutti gli oneri e le spese sostenute e per calcolare le relative deduzioni e detrazioni.


Per le seguenti spese si ha diritto a una detrazione del 19% sulle imposte dovute, sia che si sono sostenute nel proprio interesse sia per le persone fiscalmente a proprio carico:


Spese sanitarie (solo sulla parte che supera euro 129,11);


spese per i mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione, la locomozione, il sollevamento e i sussidi tecnici informatici dei portatori di handicap;


premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni derivanti da contratti stipulati o rinnovati fino al 31/12/2000;


premi per assicurazioni sul rischio morte, invalidità permanente superiore al 5%, non autosufficienza nel compimento degli atti quotidiani, derivanti da contratti stipulati o rinnovati dal 1/1/2001;


spese per l’istruzione superiore e universitaria.


La detrazione del 19% spetta anche per le spese sanitarie sostenute nell’interesse dei familiari non a carico, affetti da patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica, per la parte di detrazione che non trova capienza nell’imposta da questi ultimi dovuta.


Le spese che danno diritto alla detrazione del 19%, sono:


– gli interessi pagati su alcuni mutui e prestiti;


– le spese funebri;


– le somme date spontaneamente a favore di popolazioni colpite da calamità, di organizzazioni di utilità sociale (ONLUS), di società ed associazioni sportive dilettantistiche, di enti o fondazioni che svolgono attività culturali e artistiche, di movimenti e partiti politici, di società di mutuo soccorso, di associazioni di promozione sociale e alla


Società di cultura “La Biennale di Venezia”;


– le somme pagate per il mantenimento dei beni soggetti a regime vincolistico, cioè beni sui quali grava un vincolo artistico;


– le spese veterinarie;


– le spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordomuti;


– le spese per la frequenza di asili nido;


spese sostenute per i badanti, cioè per l’assistenza personale o del familiare (per le quali nell’anno precedente era prevista una deduzione);


 le spese per attività sportive praticate da ragazzi;


– le spese per canoni di locazione sostenuti da studenti universitari fuori sede;


le spese per intermediazione immobiliare;


 le spese per l’acquisto di personal computer da parte di docenti;


 le spese per erogazioni liberali a favore di istituti scolastici.


Inoltre, si ha diritto ad una detrazione del 20% per le seguenti spese:


– Sostituzione di frigoriferi e congelatori;


acquisto di apparecchi televisivi digitali;


acquisto di motori ad elevata efficienza;


acquisto di variatori di velocità.


Danno diritto a una detrazione del 41% o del 36% alcune spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e boschivo.


E’ stata prevista anche una detrazione d’imposta nella misura del 55% per spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente.


Infine, hanno diritto a specifiche detrazioni fisse:


– i giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni che stipulano un contratto di locazione per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale;


– gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale;


– i lavoratori dipendenti che trasferiscono la propria residenza per motivi di lavoro e che pagano canoni di locazione;


– i non vedenti per il mantenimento del cane guida;


coloro ai quali è stata riconosciuta una borsa di studio dalle Regioni o dalle Province autonome;


coloro che hanno effettuato donazioni all’ente ospedaliero “Ospedali Galliera di Genova”.


E’, inoltre, possibile dedurre dal reddito complessivo le seguenti spese:


– i contributi previdenziali e assistenziali, anche se sostenuti per i familiari a carico;


– i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori versati per le colf (addetti ai servizi domestici e familiari);


– i contributi per i fondi integrativi del servizio sanitario nazionale, anche se sostenuti per i familiari a carico;


le somme date spontaneamente a istituzioni religiose e paesi in via di sviluppo;


– le spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap sostenute anche per i familiari non fiscalmente a carico;


– gli assegni corrisposti al coniuge;


– le somme versate alle forme pensionistiche complementari e individuali, anche se le avete sostenute per i familiari a carico;


Se la spesa è sostenuta per i figli la detrazione spetta al genitore a cui è intestato il documento che certifica la spesa.


Se invece il documento che comprova la spesa è intestato al figlio, le spese devono essere ripartite tra i due genitori nella proporzione in cui le hanno effettivamente sostenute.


Se si intende ripartire le spese in misura diversa dal 50%, nel documento che comprova la spesa si deve annotare la percentuale di ripartizione.


Se uno dei due coniugi è fiscalmente a carico dell’altro, ai fini del calcolo della detrazione, quest’ultimo può considerare l’intero ammontare della spesa.


 






CODICE DEGLI ONERI PER I QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DEL 19%


 


1 Spese sanitarie (1)


 


2 Spese sanitarie per familiari non a carico


 


3 Spese sanitarie per portatori di handicap


 


4 Spese per veicoli per i portatori di handicap


 


5 Spese per l’acquisto di cani guida: La detrazione spetta con riferimento all’acquisto di un solo cane e per l’intero ammontare del costo sostenuto. Per il mantenimento del cane guida il non vedente ha diritto anche ad una detrazione forfetaria di euro 516,46


 


6 Totale spese sanitarie per le quali è stata richiesta la rateizzazione nella precedente dichiarazione


 


7 Interessi per mutui ipotecari per acquisto abitazione principale:


La detrazione spetta su un importo massimo di € 3.615,20. In caso di contitolarità del contratto di mutuo o di più contratti di mutuo il suddetto limite è riferito all’ammontare complessivo degli interessi, oneri accessori e quote di rivalutazione sostenuti (ad es.: coniugi non fiscalmente a carico l’uno dell’altro cointestatari in parti uguali del mutuo che grava sulla abitazione principale acquistata in comproprietà possono indicare al massimo un importo di euro 1.807,60 ciascuno). Se invece il mutuo è cointestato con il coniuge fiscalmente a carico il coniuge che sostiene interamente la spesa può fruire della detrazione per entrambe le quote di interessi passivi.


La detrazione spetta anche al “nudo proprietario” (e cioè al proprietario dell’immobile gravato , ad esempio, da un usufrutto in favore di altra persona) sempre che ricorrano tutte le condizioni richieste, mentre non compete mai all’usufruttuario in quanto lo stesso non acquista l’unità immobiliare.


 


8 Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili per un importo non superiore a € 2.065,83


 


9 Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio: La detrazione spetta su un importo massimo di € 2.582,28.


 


10 Interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale: La detrazione spetta su un importo massimo di € 2.582,28.


 


Partecipa alla discussione sul forum.