DICHIARAZIONI: il modello cartaceo non andrà in “pensione”


Il Consiglio di Stato ha bocciato lo schema del regolamento ministeriale che prevedeva il pensionamento delle dichiarazioni dei redditi in formato cartaceo. I giudici hanno riscontrato l’assenza di una legge quadro sull’imposizione dell’obbligo. L’impatto immediato dello strumento telematico nei confronti di contribuenti “a digiuno” del mezzo, in quanto si sono sempre rivolti a banche o poste, li porrebbe in difficoltà, ed obbligherebbe al ricorso ai professionisti del settore per l’espletamento di un dovere sancito costituzionalmente.


Partecipa alla discussione sul forum.