Novità fiscali del 19 aprile 2007


1) POTENZIAMENTO DELL’ATTIVITA’  DI  CONTRASTO  ALL’EVASIONE


Saranno raddoppiati  nel  2007 i controlli relativi agli studi di settore che passeranno da 52mila del 2006 a 100mila.                                 


Verranno incrementati  anche  i controlli nei confronti dei soggetti di grandi  dimensioni,  che  passeranno  da  960  del  2006  a 1.500.


Inoltre le indagini finanziarie passeranno da 1.400 a 3mila. 


Per i   soggetti   di   grandi  dimensioni  saranno  opportunamente considerati nei   piani   di   controllo   le   imprese   con  sedi  legali  e amministrative collocate   in   regioni  diverse  e  i  gruppi  con   società dislocate in più regioni.


Gli  accertamenti  sono  passati da 62.181 a 95.743, le verifiche da  1.907  a  2.035  e  gli  accessi  per  i controlli relativi agli obblighi fiscali da 27.362 a 30.615.  


Aggiornati pure  i  dati  sulle  chiusure  dei  negozi  per la mancata emissione dello  scontrino  rispetto  a  quelli forniti nelle settimane scorse.


Al  15 aprile 2007 sono stati effettuati 43.023 controlli, che  hanno  prodotto 14.486 contestazioni e la conseguente chiusura di 81  negozi  per  chi  ha  reiterato  la  violazione  più di tre volte; 40 chiusure sono state effettuate al Nord, 24 al Centro e 17 al Sud.


Sono  questi  alcuni dei principali obiettivi dell’Agenzia  delle  Entrate  per  il 2007, illustrati dal direttore Massimo Romano  durante  l’odierna  audizione  alla  Commissione Finanze della Camera dei Deputati. 


(Agenzia delle Entrate comunicato stampa del 18/04/2007)


 



2) DEDUCIBILITA’ DEGLI INTERESSI PASSIVI DI FINANZIAMENTO


Le cooperative edilizie a proprietà indivisa possono dedurre, ai fini fiscali, gli interessi passivi corrisposti in dipendenza di mutui ipotecari erogati in proporzione al valore degli immobili assegnati ai soci e adibiti da questi ultimi ad abitazione principale.


Alle cooperative a proprietà indivisa, quali soggetti esercenti attivià d’impresa, si applicano le disposizioni contenute nel Titolo II del TUIR in materia di reddito d’impresa.


In particolare, l’art. 90 del TUIR, come modificato dall’art. 7, comma 1, lettera a), del D.L. n. 203/2005, stabilisce che gli immobili patrimoniali (ad esclusione dei beni strumentali e dei beni alla cui produzione o al cui scambio é diretta l’attività d’impresa) concorrono a formare il reddito sulla base delle risultanze catastali, o, se locati, assumendo il maggiore dei valori tra la rendita catastale (rivalutata del 5%) e il canone di locazione, ridotto fino ad un massimo del 15% per tenere conto delle spese effettivamente sostenute per la manutenzione ordinaria degli immobili, sempreché le stesse siano rimaste a carico del locatore.


Il comma 2, del suddetto art. 90 ha carattere speciale e derogatorio rispetto al principio generale di inerenza dei componenti negativi di reddito. Tale disposizione, contiene un divieto assoluto di deducibilità di tutti i componenti relativi agli immobili, compresi anche gli interessi passivi ad essi relativi, sia di funzionamento, sia di finanziamento.


Tuttavia, la legge finanziaria per l’anno 2001 ha esteso anche alle cooperative a proprietà indivisa l’agevolazione tradizionalmente prevista per le persone fisiche, consistente nella deducibilità dal reddito della rendita catastale attribuita all’unità immobiliare adibita ad abitazione principale.


L’art. 2, comma 5, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, ha, infatti, stabilito che: “Ai fini della determinazione del reddito delle cooperative edilizie a proprietà indivisa si deduce un importo pari alla rendita catastale di ciascuna unità immobiliare adibita ad abitazione principale dei soci assegnatari e delle relative pertinenze”.


Il legislatore ha operato una sorta di assimilazione delle cooperative a proprietà indivisa  alle persone fisiche, ritenendo applicabile anche a tali soggetti la previsione ordinariamente prevista per le sole persone fisiche, consistente nella deducibilità dal  reddito prodotto di un importo pari alla rendita catastale relativa alle unità immobiliari adibite ad abitazione principale.


Poiché l’art. 15 del TUIR riconosce alle persone fisiche la detrazione per gli interessi passivi e gli oneri accessori relativi a mutui ipotecari contratti per l’acquisto (comma 1, lett. b) e per la costruzione (comma 1-ter) dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, ciò trova concreta applicazione nella determinazione del reddito delle cooperative a proprietà indivisa, senza per questo dover considerare superata l’interpretazione fornita in relazione all’art. 90 del TUIR.


Naturalmente, la deduzione spetta con le stesse modalità e nei medesimi limiti stabiliti dalla norma stessa.


Pertanto, le cooperative edilizie a proprietà indivisa possono applicare le disposizioni di cui all’art. 15, comma 1 lett. b) e comma 1-ter, del TUIR, per gli interessi passivi corrisposti in dipendenza di mutui ipotecari erogati in proporzione al valore degli immobili assegnati ai soci e adibiti da questi ultimi ad abitazione principale.


(Agenzia delle Entrate, Risoluzione del 18/04/2007, n. 71) 


 


3) ALIQUOTA IVA PER LE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA ATTE AL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IRRIGUI, DI SOLLEVAMENTO E DI SCOLO DELLE ACQUE, UTILIZZATI DAI CONSORZI DI BONIFICA E DI IRRIGAZIONE


Sulle forniture di “energia elettrica per il funzionamento degli impianti irrigui, di sollevamento e di scolo delle acque, utilizzati dai consorzi di bonifica e di irrigazione” si applica l’aliquota IVA ordinaria fissata nella misura del 20%.


Il n. 103) della Tabella A, Parte III, allegata al D.P.R. n. 633/1972, con le modifiche apportate dall’art. 1, comma 42 della L. n. 266/2005, prevede, tra l’altro, che sia assoggettata ad IVA, nella misura del 10%, la fornitura di “energia elettrica per il funzionamento degli impianti irrigui, di sollevamento e di scolo delle acque, utilizzati dai consorzi di bonifica e di irrigazione”.


La norma comunque subordinato l’applicazione di tale aliquota IVA ridotta alla preventiva approvazione da parte della Commissione Europea, ai sensi dell’art. 88, par. 3, del Trattato UE.


Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento per le Politiche Fiscali ha evidenziato che la Commissione Europea non si é ancora pronunciata sull’autorizzazione alla fruizione di tale aliquota fiscale agevolata, per i rischi di distorsione concorrenziale che potrebbero verificarsi nei confronti di coloro che operano nel medesimo settore, ma con forma giuridica diversa da quella consortile.


Quindi, allo stato attuale, considerati i rischi di distorsione concorrenziale del settore e l’assenza dell’autorizzazione da parte della Commissione Europea, alle forniture di “energia elettrica per il funzionamento degli impianti irrigui, di sollevamento e di scolo delle


acque, utilizzati dai consorzi di bonifica e di irrigazione” deve essere applicata l’aliquota IVA ordinaria fissata nella misura del 20%.


(Agenzia delle Entrate, Risoluzione del 18/04/2007, n. 72)


 


4) IMPOSTA SUI REDDITI: SONO TASSABILI LE SOMME EROGATE DAL FONDO ISVEIMER


Le somme erogate agli iscritti a seguito del riparto del Fondo per il personale ISVEIMER vanno sottoposte al regime fiscale previsto per il TFR e le altre indennità ad esso equiparabili, presentando con quest’ultime punti di contatto significativi e qualificanti; avendo natura di retribuzione differita e funzione previdenziale, tali somme (destinate ad essere corrisposte dopo la cessazione del rapporto di lavoro) risultano pertanto tassabili ai sensi dell’art. 48-bis, comma 1, lettera d) D.P.R. n. 917/1986


(Cassazione civile Sentenza, Sez. trib., 02/04/1976, n. 8191)


  


5) STUDI DI SETTORE – SERVIZI: IN G.U. 61 MODELLI PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI


È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate di approvazione di 61 modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore relativi alle attività economiche nel settore dei servizi, da utilizzare per il periodo d’imposta 2006.


(Provvedimento Agenzia delle Entrate 27/03/2007, G.U. 17/04/2007, n. 89, Suppl.Straord.). Ecco di seguito tale Provvedimento:


 


Vincenzo D’Andò


 


Aprile 2007


IL DIRETTORE DELL’AGENZIA


In  base  alle  attribuzioni  conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi                               dispone:


1. Approvazione dei modelli


1.1   Sono   approvati,   unitamente  alle  relative  istruzioni  costituite  da  una  Parte  generale,  comune  a  tutti  gli studi di settore,  e  da una Parte specifica per ciascuno studio – gli annessi modelli   per   la   comunicazione   dei   dati   rilevanti  ai  fini dell’applicazione  degli  studi  di  settore, che costituiscono parte integrante  della  dichiarazione  dei  redditi  da  presentare con il modello  Unico  2007,  anche  in forma unificata. Tali modelli devono essere  compilati  dai  contribuenti  che  nel periodo d’imposta 2006 hanno  esercitato  in  via  prevalente  una  delle seguenti attivita’ economiche nel settore dei servizi:


1.  Studi  di mercato e sondaggi di opinione, codice di attivita’ 74.13.0; Studio di settore SG41U


2.  Altri  studi  medici  e  poliambulatori specialistici, codice attivita’   85.12.B;  Studi  di  radiologia  e  radioterapia,  codice attivita’ 85.12.3; Altre istituzioni sanitarie senza ricovero, centri dialisi,  ambulatori  tricologici,  ecc.,  codice  attivita’ 85.12.5; Laboratori  di  analisi cliniche, codice attivita’ 85.14.A; Studio di settore SG57U


3.  Pesca  in  acque marine e lagunari e servizi connessi, codice attivita’  05.01.1;  Pesca  in acque dolci e servizi connessi, codice attivita’ 05.01.2; Studio di settore SG90U 


4.  Attivita’  degli  agenti e broker delle assicurazioni, codice attivita’  67.20.1;  Attivita’  dei periti e liquidatori indipendenti delle  assicurazioni,  codice  attivita’  67.20.2;  Studio di settore SG91U


5.  Servizi  forniti da revisori contabili, periti, consulenti ed altri  soggetti che svolgono attivita’ in materia di amministrazione, contabilita’  e  tributi, codice attivita’ 74.12.C; Studio di settore SG92U


6. Design e stiling relativo a tessili, abbigliamento, calzature,


gioielleria,  mobili  e  altri  beni  personali o per la casa, codice


attivita’ 74.87.5; Studio di settore SG93U


    7.  Produzioni  cinematografiche  e  di  video,  codice attivita’ 92.11.0;  Distribuzioni cinematografiche e di video, codice attivita’ 92.12.0;  Attivita’ radiotelevisive, codice attivita’ 92.20.0; Studio di settore SG94U


8.  Servizi  di  centri  per  il  benessere  fisico  (esclusi gli stabilimenti  termali),  codice  di  attivita’  93.04.1; Stabilimenti idropinici  ed  idrotermali,codice  di  attivita’  93.04.2; Studio di settore SG95U


9. Altre attivita’ di manutenzione e di soccorso stradale, codice attivita’ 50.20.5; Studio di settore SG96U


10.  Riparazione  di  altri  beni  di  consumo,  codice attivita’ 52.74.0; Studio di settore SG98U;


11.  Altre  attivita’  di  servizi  alle  imprese  n.c.a., codice attivita’  74.87.8;  Altri  servizi  alle  famiglie, codice attivita’ 93.05.0; Studio di settore SG99U;


12.  Riparazioni  meccaniche  di  autoveicoli,  codice  attivita’ 50.20.1;  Riparazione di carrozzerie di autoveicoli, codice attivita’ 50.20.2;  Riparazione  di  impianti  elettrici e di alimentazione per autoveicoli,  codice attivita’ 50.20.3; Riparazione e sostituzione di pneumatici,  codice  di attivita’ 50.20.4; Riparazioni di motocicli e ciclomotori, codice attivita’ 50.40.3; Studio di settore TG31U


13. Servizi degli istituti di bellezza, codice attivita’ 93.02.B; Studio di settore TG33U


14.  Servizi  dei  saloni  di  barbiere  e  parrucchiere,  codice attivita’ 93.02.A; Studio di settore TG34U


15.  Ristorazione  con  preparazione  di  cibi da asporto, codice attivita’   55.30.2;   Ristoranti,  trattorie,  pizzerie,  osterie  e birrerie   con   cucina,   codice   attivita’   55.30.A;  Servizi  di ristorazione  in  self-service,  codice attivita’ 55.30.B; Ristoranti con  annesso  intrattenimento e spettacolo, codice attivita’ 55.30.C; Studio di settore TG36U


16.   Gelaterie   e   pasticcerie  con  somministrazione,  codice attivita’   55.30.4;   Bar   e   caffe’,  codice  attivita’  55.40.A; Bottiglierie  ed  enoteche  con  somministrazione,  codice  attivita’ 55.40.B;   Bar,  caffe’  con  intrattenimento  e  spettacolo,  codice attivita’ 55.40.C; Studio di settore TG37U


17. Riparazione di calzature e di altri articoli in cuoio, codice attivita’ 52.71.0; Studio di settore TG38U


18.  Agenzie di mediazione immobiliare, codice attivita’ 70.31.0; Studio di settore TG39U


19.  Valorizzazione  e  promozione  immobiliare, codice attivita’ 70.11.0;  Compravendita  di  beni immobili, codice attivita’ 70.12.0; Locazione  di  beni  immobili,  codice  attivita’  70.20.0; Studio di settore TG40U


20.  Agenzie  di  concessione  degli  spazi  pubblicitari, codice attivita’ 74.40.2; Studio di settore TG42U


21.  Alberghi  e motel, con ristorante, codice attivita’ 55.10.A; Alberghi   e  motel,  senza  ristorante,  codice  attivita’  55.10.B; Affittacamere  per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed  and  breakfast, residence, codice attivita’ 55.23.4; Alloggi per studenti  e  lavoratori  con  servizi  di  tipo  alberghiero,  codice attivita’ 55.23.6; Studio di settore TG44U


22.  Riparazione  di trattori agricoli, codice attivita’ 29.31.2; Studio di settore TG46U


23.  Riparazione  di  apparecchi  elettrici  per  la casa, codice attivita’ 52.72.0; Studio di settore TG48U


24.  Intonacatura,  codice  attivita’  45.41.0;  Rivestimento  di pavimenti  e  di muri, codice attivita’ 45.43.0; Tinteggiatura e posa in  opera  di  vetri,  codice  attivita’  45.44.0;  Altri  lavori  di completamento  degli  edifici,  codice  attivita’  45.45.0; Studio di settore TG50U


25. Attivita’ di conservazione e restauro di opere d’arte, codice attivita’ 92.31.H; Studio di settore TG51U


26.   Confezionamento  di  generi  alimentari,  codice  attivita’ 74.82.1;  Confezionamento  di generi non alimentari, codice attivita’ 74.82.2; Studio di settore TG52U


27.  Traduzioni  e  interpretariato,  codice  attivita’  74.85.2; Organizzazione  di  fiere,  esposizioni,  convegni,  codice attivita’ 74.87.6; Studio di settore TG53U


28.  Sale  giochi e biliardi, codice attivita’ 92.72.2; Studio di settore TG54U


29.  Servizi  di  pompe  funebri  e  attivita’  connesse,  codice attivita’ 93.03.0; Studio di settore TG55U


30.  Campeggi  ed  aree attrezzate per roulotte, codice attivita’ 55.22.0;  Villaggi  turistici,  codice  attivita’  55.23.1; Studio di settore TG58U


31.  Gestione  di  stabilimenti  balneari:  marittimi,  lacuali e fluviali, codice attivita’ 92.72.1; Studio di settore TG60U


32. Intermediari del commercio di prodotti ortofrutticoli, codice attivita’  51.17.1;  Intermediari  del  commercio  di  altri prodotti alimentari,  bevande  e  tabacco, codice attivita’ 51.17.2; Studio di settore TG61A


33.  Intermediari del commercio di mobili, articoli per la casa e ferramenta, codice attivita’ 51.15.0; Studio di settore TG61B


34.    Intermediari    del   commercio   di   prodotti   tessili, abbigliamento,   calzature  e  articoli in  cuoio,  pellicce,  codice attivita’ 51.16.0; Studio di settore TG61C


35. Intermediari del commercio di prodotti di carta, cancelleria, libri,  codice  attivita’  51.18.1;  Intermediari  del  commercio  di prodotti  di  elettronica, codice attivita’ 51.18.2; Intermediari del commercio  di  prodotti farmaceutici e di cosmetici, codice attivita’ 51.18.3;   Intermediari   del  commercio  di  attrezzature  sportive, biciclette   e  altri  prodotti  n.c.a.,  codice  attivita’  51.18.4; Intermediari  del  commercio  di  vari  prodotti  senza prevalenza di alcuno, codice attivita’ 51.19.0; Studio di settore TG61D 


36. Intermediari del commercio di macchine, impianti industriali, navi  e  aeromobili,  macchine agricole, macchine per ufficio, codice attivita’ 51.14.0; Studio di settore TG61E


37.  Intermediari  del  commercio  di  materie prime agricole, di animali  vivi,  di  materie  prime  tessili e di semilavorati, codice attivita’ 51.11.0; Studio di settore TG61F


38. Intermediari del commercio di combustibili, minerali, metalli e  prodotti chimici per l’industria, codice attivita’ 51.12.0; Studio di settore TG61G


39.   Intermediari  del  commercio  di  legname  e  materiali  da costruzione, codice attivita’ 51.13.0; Studio di settore TG61H


40.  Consulenza  per  installazione  di  sistemi hardware, codice attivita’  72.10.0;  Edizione  di software, codice attivita’ 72.21.0; Altre   realizzazioni  di  software  e  consulenza  software,  codice attivita’ 72.22.0; Elaborazione e registrazione elettronica dei dati, codice  attivita’  72.30.0;  Attivita’  delle  banche di dati, codice attivita’ 72.40.0; Manutenzione e riparazione di macchine per ufficio e  apparecchiature  informatiche,  codice  attivita’  72.50.0;  Altre attivita’  connesse all’informatica, codice attivita’ 72.60.0; Studio di settore TG66U


41.  Attivita’  delle  lavanderie  industriali,  codice attivita’ 93.01.1; Servizi delle lavanderie a secco, tintorie, codice attivita’ 93.01.2; Studio di settore TG67U


42.  Trasporto  di  merci su strada, codice di attivita’ 60.24.0; Studio di settore TG68U


43.  Demolizione  di  edifici  e sistemazione del terreno, codice attivita’  45.11.0;  Trivellazioni  e  perforazioni, codice attivita’ 45.12.0;  Lavori generali di costruzione di edifici, codice attivita’ 45.21.1;  Lavori di ingegneria civile, codice attivita’ 45.21.2; Posa in  opera di coperture e costruzione di ossature di tetti di edifici, codice attivita’ 45.22.0; Costruzione di autostrade, strade, campi di aviazione  e impianti sportivi, codice attivita’ 45.23.0; Costruzione di  opere idrauliche, codice attivita’ 45.24.0; Altri lavori speciali di costruzione, codice attivita’ 45.25.0; Studio di settore TG69U


44.  Servizi  di  pulizia,  codice  attivita’  74.70.1; Studio di settore TG70U


45.  Trasporti  con

PRODOTTI CONSIGLIATI


Partecipa alla discussione sul forum.