Modello Unico PF 2007: le novità

E’ stato approvato il modello Unico PF 2007 (persone fisiche) necessario per dichiarare i redditi del periodo d’imposta 2006.


Inoltre, il relativo Provvedimento di approvazione del 15/02/2007 è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario n. 55 della Gazzetta Ufficiale n. 51 del 2 marzo 2007.


 


Le novità del 2007


Da quest’anno, con le novità introdotte dall’art. 37, c. 10, lett. c) del D.L. n. 223 del 4.7.2006, i contribuenti non possono più inserire la dichiarazione mod. 770 Ordinario all’interno della dichiarazione unificata annuale.


Da ricordare che gia in precedenza contribuenti non potevano inserire nella dichiarazione unificata la dichiarazione Mod. 770 Semplificato.


 


Le novità del Modello Unico PF 2007


Le istruzioni al modello Unico PF 2007, peraltro, rendono noto le seguenti novità:


– L’anticipo dei termini di presentazione della dichiarazione e dei versamenti d’imposta;


– la possibilità di eleggere domicilio per la notificazione degli atti e/o comunicazioni inviate dall’Amministrazione finanziaria;


– la modifica della misura percentuale della detrazione per le spese di ristrutturazione edilizia (la detrazione spetta nella misura del 36% per le spese sostenute nel 2006 su fatture emesse dal 1/10/2006 e su quelle emesse in data antecedente al 1/1/2006. Mentre la detrazione spetta nella misura del 41% per le spese sostenute prima del 2000 e per le spese sostenute nel 2006 su fatture emesse dal 1/1/2006 al 30/9/2006);


– l’invio di eventuali comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate relative alla liquidazione della presente dichiarazione esclusivamente all’intermediario abilitato abilitato nel caso in cui è stata trasmessa dallo stesso. In tal caso l’intermediario ha l’obbligo di informare direttamente il contribuente;


  l’introduzione dell’acconto dell’addizionale comunale all’Irpef;


– la possibilità per tutti i contribuenti di utilizzare il credito risultante dalla dichiarazione per il versamento, con il mod. F24, dell’ICI dovuta per l’anno 2007.


 


Presentazione a intermediari: Cosa deve fare il contribuente


Se il contribuente presenta la dichiarazione ad un intermediario abilitato (commercialista, ecc.), in luogo della banca o della posta, usufruendo, così, del maggiore tempo concesso  a tali intermediari (circa un mese in più) deve:


– Consegnare la propria dichiarazione originale sottoscritta;


– conservare la dichiarazione originale recante la firma propria e quella dell’intermediario che ha assunto l’impegno a trasmettere la dichiarazione nonché i documenti da quest’ultimo rilasciati.


Il contribuente deve consegnare la dichiarazione da lui compilata all’intermediario a cui intende rivolgersi per la trasmissione telematica in tempo utile per consentire allo stesso di svolgere tale servizio entro il 31 luglio 2007. In teoria può consegnarla, ai fini della trasmissione telematica anche il 30/07/2007, sempreché il commercialista sia poi disponibile a trasmetterla in uno spazio di tempo così ristretto. Comunque, se l’intermediario accetta, deve per obbligo effettuarne la trasmissione all’Agenzia delle Entrate in tempo, altrimenti se ne accolla le sanzioni per ritardata presentazione.


Per tale servizio l’intermediario può richiedere un corrispettivo.


 


Nuovi termini di presentazione del modello Unico PF


il Modello Unico 2007 Persone Fisiche deve essere presentato entro i seguenti termini:


dal 2 maggio 2007 (il 1° maggio è festivo) al 2 luglio 2007 (il 30 giugno è sabato e il 1° luglio è domenica) se la presentazione viene effettuata per il tramite di una banca o di un ufficio postale;


entro il 31 luglio 2007 se la presentazione viene effettuata in via telematica,  direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati o da un Ufficio dell’Agenzia delle Entrate.


 


Nuovi termini per i versamenti


Dal 2007 tutti i versamenti a saldo che risultano dalla dichiarazione, compresi quelli relativi al primo acconto vanno eseguiti entro il 16 giugno o entro il 16 luglio (e non più entro la fine del mese). In particolare, per il corrente anno  il versamento del mese di giugno va effettuato entro il 18 giugno 2007 (ciò poiché il 16 e il 17 giugno cadono di sabato e domenica).


 


Maggiorazione dello 0,40% per la scadenza del 16 luglio 2007


I contribuenti che scelgono di versare le imposte dovute (saldo per l’anno 2006 e prima rata di acconto per il 2007) nel periodo dal 19 giugno al 16 luglio 2007 devono applicare sulle somme da versare la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse.


 


Acconto IRPEF dovuto per l’anno 2007


L’acconto Irpef (99%) deve essere versato:


– in unica soluzione entro il 30 novembre 2007, se l’importo dovuto è inferiore ad euro 257,52;


– in due rate, se l’importo dovuto è pari o superiore ad euro 257,52, di cui:


 la prima, nella misura del 40%, entro il 18 giugno 2007 o entro il 16 luglio 2007 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse;


– la seconda, nella restante misura del 60%, entro il 30 novembre 2007.


 


Acconto Addizionale Comunale all’Irpef dovuto per l’anno 2007


Un’altra rilevante novità è quella che adesso è dovuto anche l’acconto per l’addizionale comunale all’Irpef per l’anno di imposta 2007, introdotto dalla legge 27/12/2006, n. 296 (Finanziaria 2007), art. 1, comma 142.


L’acconto per l’addizionale comunale all’Irpef per l’anno di imposta 2007 è dovuto nella misura del 30% e va determinato applicando al reddito imponibile relativo all’anno di imposta 2006 l’aliquota deliberata dal comune nel quale il contribuente ha la residenza alla data del 1° gennaio 2007.


 


Saldo IVA


Anche il saldo dell’IVA, per i soggetti tenuti a presentare la dichiarazione IVA all’interno della dichiarazione unificata, può essere pagato entro il 18 giugno 2007 o entro il 16 luglio 2007.


Tuttavia, poiché il termine per il versamento dell’IVA scade il 16 marzo 2007, i contribuenti che scelgono di effettuare il versamento dell’IVA nel periodo dal 17 marzo al 18 giugno 2007 devono applicare sulla somma dovuta la maggiorazione dello 0,40% per mese o frazione di mese. Qualora, invece, il contribuente scelga di effettuare il versamento dell’IVA nel periodo dal 19 giugno al 16 luglio 2007 deve applicare l’ulteriore maggiorazione dello 0,40% sulla somma calcolata alla data del 18 giugno 2007.


Il contribuente che effettua il versamento dell’IVA a saldo unitamente a quelli risultanti dalla dichiarazione unificata con la maggiorazione dello 0,40%, dovuto per effetto del differimento del versamento al 18 giugno, e sceglie di effettuare la compensazione tra debiti e crediti d’imposta di pari importo, non è tenuto a corrispondere tale maggiorazione.


I trimestrali devono versare anche la maggiorazione del 1% per interessi.


 


Versamenti minimi


Inoltre, per le imposte risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, non vanno effettuati i versamenti delle singole imposte che non superano ciascuno euro 12,00.


I contribuenti titolari di partita IVA devono utilizzare, anche tramite intermediari, le modalità di pagamento telematiche delle imposte (F24 Online).


Nel compilare la delega F24 si deve tener presente che:


– l’importo minimo da indicare nel modello relativamente ad ogni singolo codice tributo è pari a euro 1,03, fatte salve le particolari previsioni relative a specifici tributi (es. per l’IRPEF e l’IVA il versamento minimo risultante dalla dichiarazione annuale è, rispettivamente, di euro 12,00 e 10,33).


 






I CODICI TRIBUTO PIU’ UTILIZZATI


4001 – Irpef saldo


4033 – Irpef acconto prima rata


4034 –  Irpef acconto seconda rata o acconto in unica soluzione


6099 – IVA annuale saldo


3800 – Irap saldo


3812 – Irap acconto prima rata


3813 – Irap acconto seconda rata o acconto in unica soluzione


1668 – Interessi pagamento dilazionato. Importi rateizzabili Sez. Erario


3801- Addizionale regionale


3817-  Addizionale comunale


3861 – Addizionale comunale acconto (novità)


 


 


Le novità del Modello Unico PF 2007


Le istruzioni al modello Unico PF 2007, peraltro, rendono noto le seguenti novità:


– L’anticipo dei termini di presentazione della dichiarazione e dei versamenti d’imposta;


– la possibilità di eleggere domicilio per la notificazione degli atti e/o comunicazioni inviate dall’Amministrazione finanziaria;


– la modifica della misura percentuale della detrazione per le spese di ristrutturazione edilizia;


– l’invio di eventuali comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate relative alla liquidazione della presente dichiarazione esclusivamente all’intermediario abilitato abilitato nel caso in cui è stata trasmessa dallo stesso. In tal caso l’intermediario ha l’obbligo di informare direttamente il contribuente;


– l’introduzione dell’acconto dell’addizionale comunale all’Irpef;


– la possibilità per tutti i contribuenti di utilizzare il credito risultante dalla dichiarazione per il versamento, con il mod. F24, dell’ICI dovuta per l’anno 2007.


 


Vincenzo D’Andò


 


Marzo 2007

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it