Modello Unico PF 2007: è possibile indicare un diverso domicilio ai fini della notifica degli atti fiscali

Da quest’anno, per dichiarare i redditi del 2006, in seno al modello Unico PF 2007 è stata introdotta una ulteriore novità consistente nella possibilità data dal legislatore al contribuente di potere indicare un domicilio diverso da quello della residenza anagrafica risultante nel proprio comune di residenza. Per tale scopo, nel frontespizio di tale modello è […]

Da quest’anno, per dichiarare i redditi del 2006, in seno al modello Unico PF 2007 è stata introdotta una ulteriore novità consistente nella possibilità data dal legislatore al contribuente di potere indicare un domicilio diverso da quello della residenza anagrafica risultante nel proprio comune di residenza.


Per tale scopo, nel frontespizio di tale modello è stata introdotta una parte la quale va compilata solo se il contribuente vuole che gli atti o gli avvisi dell’Agenzia delle Entrate vengano notificati ad un indirizzo diverso dalla residenza anagrafica.


E’, stata, quindi, concessa la facoltà, sia per i residenti in Italia sia per i residenti all’estero, di eleggere un domicilio per la notifica degli atti o degli avvisi fiscali che riguardano il contribuente, presso una persona o un ufficio, nel comune del proprio domicilio fiscale.


I residenti all’estero che non hanno eletto domicilio in Italia per la notifica e né hanno costituito un rappresentante fiscale, possono indicare un indirizzo estero presso cui farsi notificare gli atti.


E persino possibile eleggere domicilio per la notifica degli atti anche successivamente alla presentazione della dichiarazione mediante l’invio di una comunicazione al competente ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento.


Inoltre, qualora sia già stata inviato al competente ufficio locale la comunicazione per eleggere domicilio ai fini della notifica, occorre la suddetta nuova parte del frontespizio del modello Unico PF 2007 solo se si vuole modificare l’indirizzo comunicato precedentemente.


Infine, le nuove istruzioni ministeriali al suddetto modello avvertono che:


Se siete residenti in Italia o siete residenti all’estero ed intendete eleggere domicilio per la notificazione degli atti in Italia, nel riquadro del frontespizio dovete indicare:


– il codice fiscale, il cognome e il nome della persona o il codice fiscale e la denominazione dell’ufficio presso il quale volete farvi notificare gli atti;


– il Comune, la Provincia, il codice comune, il CAP, la tipologia (via, viale, piazza, largo, ecc), l’indirizzo, il numero civico ed eventualmente la frazione della persona o dell’ufficio.


Se siete residenti all’estero e non avete eletto domicilio per la notifica degli atti in Italia né costituito un rappresentante fiscale ed intendete comunicare un indirizzo estero per la notificazione di detti atti dovete indicare:


– il cognome e il nome della persona o la denominazione dell’ufficio presso il quale volete farvi notificare gli atti;


– lo Stato estero con il relativo codice dello Stato e l’indirizzo estero della persona o dell’ufficio presso il quale volete farvi notificare gli atti.


 


Domicilio fiscale al 1° gennaio 2007


Altresì, sempre nel frontespizio del modello Unico P 2007 occorre compilare l’apposito rigo rubricato “Domicilio fiscale al 1° gennaio 2007” solo i contribuenti che hanno cambiato la residenza, trasferendola in un comune diverso, in data 2 novembre 2006, giacché solo in tale ipotesi il domicilio al 1° gennaio 2007 è diverso da quello risultante al 31 dicembre 2006.


Inoltre, si deve compilare il rigo se nel 2006 vi è stato attribuito, con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate un domicilio fiscale diverso dalla propria residenza (il provvedimento ha effetto dal periodo d’imposta successivo a quello in cui vi è stato notificato); in tal caso occorre indicare il Comune nel quale è stato stabilito il vostro domicilio fiscale.


 


Quadro RB – redditi dei fabbricati: Obbligo di indicare l’importo dell’ICI dovuta per il 2006


Il quadro RB si utilizza per dichiarare i redditi dei fabbricati anche se tali redditi non sono variati rispetto all’anno precedente.


Tra le novità del modello Unico PF 2007 emerge che nella colonna 9, di tale quadro RB, occorre indicare il codice catastale del comune ove è situata l’unità immobiliare; il codice è rilevabile dall’elenco “Codici catastali comunali e aliquote dell’addizionale comunale” presente alla fine dell’appendice.


Se i dati del fabbricato sono indicati su più righi, il codice catastale deve essere riportato solo sul primo rigo del quadro RB in cui il fabbricato è stato indicato.


Infine, nella colonna 10, sempre del quadro RB, si deve indicare l’importo complessivo dell’imposta comunale sugli immobili (ICI) dovuta in acconto e a saldo per l’anno 2006 riferita all’unità immobiliare indicata nel rigo.


Se i dati del fabbricato sono indicati su più righi, l’importo dell’ICI dovuta deve essere riportato solo sul primo rigo del quadro RB in cui il fabbricato è stato indicato.


 


Vincenzo D’Andò


 


Marzo 2007

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it

Emergenza COVID-19

Gentile Lettore,
Commercialista Telematico ha deciso di mantenere attivi tutti i suoi servizi per informare e supportare tanti professionisti e imprese in questo difficile momento e ugualmente è impegnato nell’attuare le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus a protezione dei propri dipendenti e collaboratori. Pertanto, qualora ne avessi necessità, ti invitiamo a utilizzare la comunicazione via e-mail anziché quella telefonica.
Ti risponderemo ai seguenti indirizzi: info@commercialistatelematico.com o ecommerce@commercialistatelematico.com

#IORESTOACASA