MODELLI 770 SEMPLIFICATO E 730/2007


IL MODELLO 770/2007


 


Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 15/01/2007 ha approvato i due modelli 770 per l’anno 2007: il semplificato e l’ordinario.


Sono presenti alcune novità nella compilazione dei quadri, ma le scadenze, ancora per quest’anno restano fissate al 1° ottobre (il 30 settembre è festivo) il semplicato, ed il 31 ottobre l’ordinario. Entrambe le dichiarazioni non possono essere comprese nella dichiarazione unificata (fino allo scorso anno la dichiarazione ordinaria poteva, facoltativamente, confluire in Unico). Si ricorda che, dal prossimo anno, entrambe le dichiarazioni dovranno essere trasmesse entro il 31 marzo 2008.


 


Novità del mod. 770/2007/semplificato:


 


·        frontespizio: l’informazione relativa all’avviso telematico è stata sostituita dalla sezione denominata domicilio per la notifica degli atti. Serve ai sostituti d’imposta che intendono eleggere un domicilio o comunicare un indirizzo estero per la notifica degli atti o degli avvisi dell’Agenzia delle Entrate diverso da quello indicato nel riquadro relativo alla residenza anagrafica o al domicilio fiscale;


·        prospetto lavoro dipendente e assimilato: oltre a ritrovare le novità già incontrate nella certificazione CUD/2007 relative alle addizionali comunali, si evidenziano i seguenti nuovi punti:


o       sezione compensi relativi agli anni precedenti soggetti a tassazione separata: quest’anno viene richiesto (punto 61) anche l’anno di apertura della successione;


o       sezione relativa ai trattamenti di fine rapporto: nello spazio relativo ai TFR e altre indennità e somme maturate al 31/12/2000 e passaggi da indennità equipollenti a TFR, troviamo due nuovi campi: 103 (riduzioni riconosciute dal fondo) nel quale indicare la riduzione che deve essere riconosciuta dal fondo pensione e che verrà esposta nel punto 153 della dichiarazione che dovrà trasmettere il fondo stesso; inoltre, nello spazio riservato al TFR ed altre indennità e somme maturate dal 01/01/2001, dovrà essere indicato: per l’incentivo all’esodo agevolato (disposizione valida fino al 03/07/2006 Dl n. 223/2006 legge n. 248/2006) B se si tratta di saldo o C se si tratta di acconto, e occorre riportare, qualora le altre indennità e/o l’incentivo all’esodo agevolato siano stati erogati da un soggetto diverso da quello che ha corrisposto il TFR, il codice fiscale del soggetto che ha corrisposto il TFR; negli spazi riservati alle prestazioni in forma di capitale (fondi di previdenza) occorre indicare, per le prestazioni maturate al 31/12/2000, anche la natura dell’iscritto: il codice 1 per l’erogazione definitiva a soggetti iscritti al fondo pensione alla data del 28/04/1993 (cd. vecchi iscritti) o il codice 2 per le erogazioni a soggetti nuovi iscritti ovvero a soggetti iscritti a vecchi fondi nei quali non si applica l’aliquota del TFR (ad esempio erogazioni parziali); per le prestazioni maturate dall’01/01/2001 occorre indicare anche il periodo di effettiva contribuzione al fondo;


 


 


Prospetto lavoro autonomo: nello spazio relativo ai dati del percipiente le somme, occorre barrare la casella 12 (eredi) se in tale sezione sono riportati i dati anagrafici e fiscali dell’erede e occorre specificare, attraverso l’indicazione di un codice, l’evento eccezionale che ha determinato la sospensione dei versamenti:


·        1 per i contribuenti vittime di richieste estorsive;


·        3 per i contribuenti residenti alla data del 31/10/2002 nelle Province di Campobasso e Foggia colpiti dagli eventi sismici;


·        4 per i contribuenti colpiti dagli altri eventi eccezionali.


Nella nuova sezione “fallimento e liquidazione coatta amministrativa”, da compilare esclusivamente nel caso in cui il rappresentante firmatario la dichiarazione sia un curatore fallimentare o un sommario liquidatore, devono essere indicati: gli emolumenti imponibili erogati dal dichiarante prima dell’apertura della procedura fallimentare (punto 37) e gli emolumenti imponibili erogati dal curatore fallimentare o commissario liquidatore (punto 38).


 


Prospetto SX riepilogo crediti e compensazioni:


il rigo SX41 (sezione riepilogo altri crediti), riservato all’indicazione del recupero del credito per anticipo sul TFR versato negli anni 1997 e 1998, occorre indicare, oltre al credito spettante nel 2006, al credito utilizzato in F24, al credito utilizzato a scomputo e all’ammontare del credito residuo, anche l’informazione relativa all’importo del credito acquisito (punto 2), ovvero ceduto (punto 3), per effetto di operazioni societarie straordinarie verificatesi nel corso del 2006.


 


Operazioni societarie straordinarie:


Quest’anno, essendo il curatore fallimentare (o il commissario liquidatore)  diventato sostituto d’imposta (Dl n. 223/2006, legge n. 24872006 circ. Agenzia Entrate n. 28/2006), nella parte in cui si commenta la situazione senza prosecuzione dell’attività da parte di altro soggetto, in riferimento ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, si dovrà trasmettere un’unica comunicazione per ciascun percipiente contenente i risultati delle operazioni di conguaglio di tutti i redditi percepiti dal lavoratore nel periodo d’imposta, evidenziando nei punti 45 e 46 (redditi erogati da altri soggetti) i redditi erogati dal curatore fallimentare o dal commissario liquidatore.


 


IL MODELLO 730/2007


 


Il modello 730/2007 è stato pubblicato nel S.O. n. 31 della G.U. 08/02/2007 n. 32.


 


Approfondimento:


si accorciano i tempi: il prossimo 31 maggio scade il termine per la presentazione della dichiarazione ai CAF e ai professionisti abilitati, che possono svolgere le operazioni di assistenza fiscale. Il termine di presentazione ai sostituti di imposta resta confermato al 30 aprile.


 


Il frontespizio prevede la possibilità per il contribuente di eleggere domicilio per la notificazione di atti o di comunicazioni da parte dell’amministrazione finanziaria, in linea con le indicazioni fornite nel corso del 2006 per la notificazione degli esiti del controllo formale e di eventuali comunicazioni. Nella nuova sezione “domicilio per la notificazione degli atti” è possibile indicare un indirizzo diverso dal proprio per la notifica di comunicazioni dell’Agenzia. Si segnala la competenza diretta dei soggetti che prestano assistenza fiscale.  Costoro sono, infatti, obbligati ad informare direttamente il contribuente, salvo il caso in cui l’intermediario è espressamente esonerato dall’Agenzia delle Entrate.


Altro punto di rilievo riguarda la non indicazione della residenza del contribuente. Essa dovrà essere indicata solo nel caso in cui:


1.     sia variata fra il 1° gennaio 2006 e la data di presentazione del modello;


2.     sia presentata per la prima volta la dichiarazione.


Inoltre, la nuova previsione del domicilio fiscale riferito all’01/01/2007, utile alla individuazione dell’ente destinatario del gettito relativo all’acconto dell’addizionale comunale all’IRPEF dovuto per la prima volta con la dichiarazione 2007.


 


La liquidazione delle imposte vede la possibilità di compensazione dei crediti derivanti dalla liquidazione del 730/2007 con eventuali debiti derivanti dall’ICI. Tale compensazione potrà avvenire solo con il modello F24, mentre il credito da assistenza fiscale è ordinariamente restituito dal sostituto d’imposta. A tal fine il rigo I1 prevede  la possibilità di bloccare totalmente o parzialmente la procedura di rimborso al fine di destinare il credito a compensazione dell’ICI dovuta per il 2007.


 


Anche quest’anno è data la possibilità di destinare il 5 per mille ad associazioni non lucrative, ad enti di ricerca ovvero al Comune di residenza a finanziamento dei servizi sociali. La modulistica propone una scheda da sottoscrivere e consegnare al CAF o al professionista che presta assistenza fiscale.


 


In tema di detrazioni, in riferimento alle ristrutturazioni edilizie, recepite le modifiche alle percentuali consentite, che dal 30/09/2006 sono passate dal 41% al 36%, nonché il ripristino dell’aliquota Iva agevolata al 10%. Ed ancora, la rimodulazione del limite tetto di 48mila euro (limite massimo di spesa sul quale si può usufruire dell’agevolazione stessa e riferito ad ogni immobile).


 


Utili da Paesi black list: è introdotto l’obbligo di assoggettare a tassazione in dichiarazione gli utili ed i proventi equiparati relativi a partecipazioni non qualificate in società residenti in paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati.


 


Assegno divorzile: nessuna novità sostanziale ma solo procedurale; è necessaria l’indicazione del codice fiscale del soggetto beneficiario. Se è assente non è possibile riconoscere l’onere deducibile al contribuente.


 


Immobili e ICI 2006: nell’ultima colonna del quadro B è stata prevista la menzione dell’importo dell’ICI dovuta per il 2006.


 


Il nuovo quadro ICI: l’art. 37, c. 55, Dl 223/2006 ha disposto la facoltà per i contribuenti di utilizzare il credito risultante dalla dichiarazione dei redditi, modello 730/2007, per il pagamento dell’imposta comunale sugli immobili dovuta per il 2007. Per l’esercizio di tale facoltà, sarà necessario compilare il nuovo quadro I. Il soggetto che esercita la facoltà presentando il modello 730 non avrà, nel mese di luglio o agosto, da parte del sostituto d’imposta, il rimborso degli importi a credito risultanti dalla dichiarazione, per la parte corrispondente all’importo del credito che ha chiesto di utilizzare per il pagamento dell’ICI mediante compensazione nel modello F24.


 


Si rammenta che i termini per il versamento dell’ICI sono stati anticipati al 16 giugno (acconto) e al 16 dicembre (saldo).


 


In ultimo, il modello 730/2007 è stato riorganizzato nell’esposizione di alcuni dati: i crediti d’imposta, che trovavano esposizione nei quadri B e F del precedente modello, andranno indicati nel nuovo quadro G; i redditi soggetti a tassazione separata, che trovavano esposizione nel quadro F del precedente modello, vanno indicati nel quadro D.


 


Marzo 2007


Partecipa alla discussione sul forum.