Finanziaria 2007: l’obbligo dell’invio telematico dei corrispettivi giornalieri non ha decorrenza dal primo gennaio 2007

di Maria Leo

Pubblicato il 11 marzo 2007

L’ articolo 1, comma 327, della legge finanziaria per il 2007 ha differito l’ entrata in vigore dell’obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri per i commercianti al minuto ed i soggetti assimilati di cui all’art. 22 del D.P.R. 633/1972, inizialmente fissata al primo gennaio 2007. Tale comma ha previsto che la data sia progressivamente individuata, per singole categorie di contribuenti, con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate da adottarsi entro il primo giugno 2008.

Inizialmente, la legge finanziaria per il 2005, dal comma 429 al comma 432, dell’art.1, aveva previsto, si badi, solo per le imprese che operano nel settore della grande distribuzione (trattasi per lo più di aziende distributive operanti nel settore aventi medie e grandi strutture di vendita) la facoltà (e non l’obbligo) di avvalersi della trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri complessivi delle prestazioni dei servizi e delle cessioni di beni effettuate (successivamente tale possibilità è stata estesa, dalla legge finanziaria per il 2006, anche ad altre  imprese, quali quelle che svolgono attività di somministrazione di alimenti, purché aventi le stesse caratteristiche dimensionali delle imprese per le quali era già prevista tale trasmissione telematica) .

Il decreto Bersani ha, invece, con l’articolo 37, dal comma 33 al comma 37, introdotto l’obbligo della trasmissione telematica dei corrispettivi, non solo per i soggetti che potevano procedere all’inoltro telematico facoltativamente (grande distribuzione), ma anche per i commercianti al minuto ed i soggetti assimilati di cui all’art. 22 del D.P.R. n. 633/1972, estendendone così l’ambito soggettivo di applicazione.

Quando l’obbligo diverrà operativo, i soggetti interessati non dovranno più emettere scontrino avente natura fiscale.

 

In effetti, i soggetti tenuti alla trasmissione telematica emetteranno uno scontrino non avente natura fiscale la cui modalità di rilascio verrà disciplinata con regolamento da adottarsi entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della stessa Finanziaria 2007.

Inoltre, gli stessi soggetti saranno tenuti a munirsi di apparecchi misuratori (chiamati di nuova generazione) idonei a tale trasmissione telematica.

A tal proposito, è d’uopo sottolineare che, in sede di conversione del Decreto Bersani, con il comma 35 è stato introdotto un credito di imposta pari a € 100,00, utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante modello F 24, in favore dei contribuenti che optano per l’adattamento tecnico degli apparecchi misuratori.

Un’ulteriore agevolazione è stata introdotta con la Finanziaria 2007 (comma 328 che inserisce il comma 37-bis all’art. 37 del decreto legge 223/2006) la quale consente una deduzione integrale, nell’esercizio in cui sono state sostenute, delle spese di acquisizione degli apparecchi misuratori.

 

Avv. Maria Leo

 

Marzo 2007