E-BOOK modello UNICO e modello 730: le risposte ai quesiti

Decorrono dalle prossime scadenze gli anticipi dei termini di presentazione in via telematica del modello Unico 2007 (redditi 2006). Nuovi termini di presentazione del modello Unico PF il Modello Unico 2007 Persone Fisiche va presentato entro i seguenti termini: – dal 2 maggio 2007 (il 1° maggio è festivo) al 2 luglio 2007 (il 30 […]




Decorrono dalle prossime scadenze gli anticipi dei termini di presentazione in via telematica del modello Unico 2007 (redditi 2006).


Nuovi termini di presentazione del modello Unico PF


il Modello Unico 2007 Persone Fisiche va presentato entro i seguenti termini:


dal 2 maggio 2007 (il 1° maggio è festivo) al 2 luglio 2007 (il 30 giugno è sabato e il 1° luglio è domenica) se la presentazione viene effettuata per il tramite di una banca o di un ufficio postale;


entro il 31 luglio 2007 se la presentazione viene effettuata in via telematica,  direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati o da un Ufficio dell’Agenzia delle Entrate.


 


Nuovi termini per i versamenti


Dal 2007 tutti i versamenti a saldo che risultano dalla dichiarazione, compresi quelli relativi al primo acconto vanno eseguiti entro il 16 giugno o entro il 16 luglio (e non più entro la fine del mese). In particolare, per il corrente anno  il versamento del mese di giugno va effettuato entro il 18 giugno 2007 (ciò poiché il 16 e il 17 giugno cadono di sabato e domenica).


Commercialistatelematico.com in collaborazione con  Vincenzo D’Andò, per venire incontro alle esigenze dei lettori, alle prese con i molteplici dubbi legati alla corretta compilazione del modello Unico o del modello 730, ha preparato un nuovo e-book (libro telematico) incentrato sulle risposte ai tanti quesiti su vari argomenti: Dalla vasta problematica delle spese mediche, di istruzione, e cosi via, che si possono dedurre/detrarre dalle imposte da pagare ai quesiti su come comportarsi correttamente per evitare di commettere errori durante la compilazione di tali dichiarazioni.


A tal fine ecco di seguito il relativo indice di massima (peraltro, l’e-book è composto di 103 pagine:



 


 


 


 


LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/2007



Tra le novità contenute nel modello 730/2006 emergono:


– La possibilità di eleggere domicilio per la notificazione degli atti e/o comunicazioni da parte dell’Amministrazione finanziaria;


– la modifica della misura percentuale della detrazione per le spese di ristrutturazione edilizia;


– l’invio di eventuali comunicazioni dell’agenzia delle entrate relative alla liquidazione della presente dichiarazione esclusivamente al soggetto che ha prestato l’assistenza (C.A.F. o professionista abilitato) il quale ha l’obbligo di informare direttamente il contribuente, salvo il caso in cui l’intermediario è espressamente esonerato dall’agenzia delle entrate;


– l’introduzione dell’acconto dell’addizionale comunale all’Irpef;


– l’obbligo di assoggettare a tassazione in dichiarazione gli utili ed i proventi equiparati relativi a partecipazioni non qualificate in società residenti in paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati.


La possibilità di compensare l’Imposta comunale sugli immobili con il modello F24


Una delle novità attinenti la dichiarazione dei redditi Mod. 730/2007 è data dalla possibilità di potere utilizzare il credito risultante dalla dichiarazione per il versamento, con il mod. F24, dell’ICI dovuta per l’anno 2007.


Per l’esercizio di tale facoltà, è necessario compilare il nuovo quadro I, appositamente inserito nel modello.


Il contribuente che esercita tale facoltà non ottiene nel mese di luglio o agosto da parte del sostituto d’imposta il rimborso degli importi a credito, risultanti dalla dichiarazione, per la parte corrispondente all’importo del credito che ha chiesto di utilizzare per il pagamento dell’ICI mediante compensazione nel mod. F24.


Il contribuente può scegliere di destinare al pagamento dell’ICI l’intero ammontare del credito eventualmente risultante dalla liquidazione della dichiarazione o, in alternativa, specificare l’importo dell’ICI che intende pagare utilizzando il credito risultante dalla dichiarazione.


Tale scelta si effettua barrando la casella 1 ovvero la casella 2 del Quadro I.


La casella 1, va barrata se si intende utilizzare l’intero importo del credito risultante dalla dichiarazione per il versamento dell’ICI.


Nella casella 2, va indicato l’importo dell’ICI dovuta per l’anno 2007 che si intende pagare utilizzando in compensazione l’eventuale credito risultante dalla dichiarazione.
Il contribuente può indicare in tutto o in parte l’ammontare dell’ICI dovuta per l’acconto e/o per il saldo.


In caso di presentazione della dichiarazione in forma congiunta, i coniugi possono scegliere autonomamente se ed in quale misura utilizzare il credito risultante dalla liquidazione della propria dichiarazione per il pagamento dell’ICI.


Tuttavia, per potere utilizzare in compensazione il credito risultante dalla dichiarazione ai fini del pagamento dell’ICI, il contribuente deve compilare e presentare alla banca o all’ufficio postale il modello di pagamento F24 anche se, a seguito dell’avvenuta compensazione, il modello stesso presenti un saldo finale uguale a zero.


A tal fine, il D.L n. 223/06 ha previsto l’emanazione di un apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, con il quale verranno disciplinati i termini e le modalità di attuazione. In atto, è, infatti, possibile usufruire di tale vantaggio (versamento dell’Ici mediante F24) solo in presenza di una specifica convenzione, stipulata tra il Comune interessato e l’Agenzia delle Entrate.


Peraltro, per l’anno 2007 i versamenti dell’ICI vanno effettuati entro il:


– 16 giugno per il pagamento dell’acconto;


– 16 dicembre per il pagamento del saldo.


SPESE PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO PER LE QUALI SPETTA LA


DETRAZIONE D’IMPOSTA DEL 41% O DEL 36%


 


1) Spese sostenute per la ristrutturazione di immobili


Le spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio per le quali è possibile usufruire della detrazione sono:


– le spese relative agli interventi di manutenzione straordinaria sulle singole unità immobiliari di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze;


– le spese relative agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle parti comuni di edifici residenziali;


– le spese di restauro e risanamento conservativo;


– altre spese di ristrutturazione ( quali ad esempio quelle finalizzate al risparmio  energetico, alla sicurezza statica ed antisismica)


I soggetti che possono usufruire di tale agevolazione sono coloro che possiedono o detengono sulla base di un titolo idoneo (ad esempio proprietà, altro diritto reale, concessione demaniale, locazione o comodato) l’immobile sul quale sono stati effettuati gli interventi di recupero edilizio.


Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento purché abbia sostenuto le spese e le fatture e i bonifici siano a lui intestati.


Per usufruire della detrazione è necessario che sia stata trasmesso la comunicazione preventiva al Centro Operativo di Pescara e che i pagamenti relativi alle spese siano stati effettuati tramite bonifico bancario o postale.


Possono usufruire della detrazione anche gli acquirenti di box o posti auto pertinenziali già realizzati; tuttavia la detrazione compete esclusivamente con riferimento alle spese sostenute per la realizzazione, semprechè le stesse siano comprovate da attestazione rilasciata dal venditore.


In tal caso il modello di comunicazione al Centro di Servizio delle imposte dirette e indirette o al Centro Operativo di Pescara può essere inviato successivamente alla data di inizio lavori (che sono effettuati dal concessionario o dall’impresa di costruzione) ma entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel quale s’intende fruire della detrazione.


La detrazione d’imposta prevista è:


– del 36% per le spese sostenute dal 2000 al 2005 e per le spese sostenute nel 2006 relative a fatture emesse dal 1° ottobre al 31 dicembre 2006 e a quelle emesse in data antecedente al 1° gennaio 2006;


– del 41% per quelle sostenute negli anni 1998 e 1999 e per le spese sostenute nel 2006 relative a fatture emesse dal 1° gennaio al 30 settembre 2006 .


La detrazione del 41% viene prevista anche se le spese sono state sostenute nell’anno 1997, limitatamente agli interventi effettuati in seguito agli eventi sismici verificatisi nell’anno 1996 nelle regioni Emilia Romagna e Calabria, per il ripristino delle unità immobiliari per le quali è stata emanata ordinanza di inagibilità da parte dei comuni o che risultino inagibili sulla base di apposite certificazioni del Commissario Delegato, nominato con ordinanza del Ministro per il coordinamento della protezione civile.


La spesa su cui applicare la percentuale non può superare il limite di:


– euro 77.468,53 per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2002;


– euro 48.000,00 per le spese sostenute negli anni 2003, 2004, 2005 e 2006.


Il limite di spesa su cui applicare la percentuale va riferito alla persona fisica e ad ogni singola unità immobiliare sulla quale sono stati effettuati gli interventi di recupero e compete separatamente per ciascun periodo d’imposta.


Peraltro, per le spese sostenute dal 1° ottobre 2006 al 31 dicembre 2006 il limite di spesa su cui applicare la percentuale va riferito solo alla singola unità immobiliare sulla quale sono stati effettuati gli interventi di recupero e, quindi, in caso di più soggetti aventi diritto alla detrazione (comproprietari ecc.) il limite di spesa di euro 48.000 va ripartito tra gli stessi.


Nel caso in cui gli interventi consistano nella prosecuzione di lavori iniziati negli anni precedenti, sulla singola unità immobiliare, ai fini della determinazione del limite massimo delle spese detraibili occorre tenere conto delle spese sostenute negli anni pregressi. Pertanto, per le spese sostenute nel corso del 2006 per lavori iniziati in anni precedenti, si ha diritto all’agevolazione solo se la spesa per la quale si è già fruito della relativa detrazione, non ha superato il limite complessivo di euro 48.000,00.


La detrazione deve essere ripartita in 10 rate di pari importo.


Dall’anno 2003 i contribuenti di età non inferiore a 75 anni, titolari di un diritto reale sull’immobile oggetto dell’intervento edilizio (ad esclusione quindi di inquilini e comodatari), possono optare per una diversa ripartizione della spesa.


In particolare:


– coloro che alla data del 31 dicembre 2006 hanno compiuto 75 anni, possono optare anche per la ripartizione in 5 rate annuali di pari importo;


– coloro che alla data del 31 dicembre 2006 hanno compiuto 80 anni, possono optare anche per la ripartizione in 3 o 5 rate annuali di pari importo.


Tale modalità può essere utilizzata anche per le spese sostenute in anni precedenti. Ad esempio, il contribuente che alla data del 31 dicembre 2006 ha compiuto 80 anni di età ed ha effettuato lavori di ristrutturazione nel 2004, ripartendo la quota di spesa detraibile in 10 anni, potrà optare per la ripartizione della residua parte di detrazione spettante in tre quote di pari importo, da far valere nei successivi periodi d’imposta, e potrà usufruirne con riferimento ai periodi d’imposta 2006, 2007 e 2008.


In caso di vendita, o di donazione prima che sia trascorso il periodo di godimento della detrazione, il diritto alla stessa viene trasferito rispettivamente all’acquirente e al donatario. Nel caso di morte del titolare il diritto alla detrazione si trasmette esclusivamente all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta del bene. Nel caso in cui le spese sono state sostenute dall’inquilino o dal comodatario la cessazione dello stato di locazione o comodato non fa venire meno il diritto alla detrazione in capo all’inquilino o al comodatario.


2) Spese sostenute per l’acquisto, o l’assegnazione, di immobili facenti parte di edifici ristrutturati


Dal 2002 la detrazione d’imposta spetta anche nel caso di acquisto o assegnazione di unità immobiliari facenti parte di un edificio interamente sottoposto ad interventi di restauro e risanamento conservativo eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare o da cooperative edilizie.


All’acquirente o assegnatario dell’immobile spetta una detrazione del 36% o del 41% da calcolare su un ammontare forfetario pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’immobile, risultante dall’atto di acquisto o di assegnazione.


In particolare la detrazione spetta nella misura:


– del 36% se il rogito è avvenuto dal 2002 al 2005 o dal 1° ottobre 2006 al 31 dicembre 2006;


– del 41% se il rogito è avvenuto dal 1° gennaio 2006 al 30 settembre 2006.


Tuttavia, il godimento di tale detrazione viene riconosciuta entro determinati limiti di spesa e a condizione che i lavori di ristrutturazione relativi all’intero edificio siano stati, o vengano, ultimati entro determinate date.


In particolare, l’importo costituito dal 25% del prezzo di acquisto o assegnazione non può superare il limite di:


– euro 77.468,53 nel caso in cui l’atto di acquisto o di assegnazione sia avvenuto entro il 30 giugno 2003 e riguardi unità immobiliari facenti parte di edifici ristrutturati entro il 31 dicembre 2002;


– euro 48.000,00 nel caso in cui l’acquisto o l’assegnazione sia avvenuta nel 2003 o nel 2004 o nel 2005 o nel 2006 e riguardi unità immobiliari situate in edifici i cui lavori di ristrutturazione siano stati ultimati successivamente al 31 dicembre 2002, ma non oltre il 31 dicembre 2006.


Se nel corso del 2006 sono stati versati degli acconti per l’acquisto di un immobile facente  parte di un edificio ristrutturato per il quale il relativo rogito non sia stato ancora stipulato alla data del 31 dicembre 2006, è possibile beneficiare della detrazione anche con riferimento a tali acconti sempre nel limite complessivo di euro 48.000,00.


In tal caso, per poter usufruire della detrazione è necessario che sia stato stipulato un preliminare di vendita dell’immobile registrato presso l’Ufficio delle Entrate, sempreché i lavori di ristrutturazione siano ultimati entro il 31 dicembre 2006 e la stipula del rogito avvenga entro il 30 giugno 2007.


Si ricorda che gli importi degli acconti, per i quali si è usufruito in anni precedenti della detrazione, concorrono al raggiungimento del limite massimo complessivo di euro 48.000,00. Pertanto, nell’anno in cui viene stipulato il rogito l’ammontare sul quale calcolare detta detrazione sarà costituito dal limite massimo diminuito della somma relativa


agli acconti già considerata per il riconoscimento del beneficio.


La detrazione deve essere ripartita in 10 rate annuali di pari importo.


Tuttavia, i contribuenti di età non inferiore a 75 e 80 anni possono ripartire la detrazione rispettivamente in 5 e 3 quote annuali di pari importo.


Tale modalità di ripartizione può essere utilizzata anche per le spese sostenute in anni precedenti (vedere le istruzioni relative alla compilazione della colonna 5 “rideterminazione rate”).


3) Spese sostenute per interventi di manutenzione o salvaguardia dei boschi


Infine, dal 2002 la detrazione spetta anche per le spese sostenute per gli interventi di manutenzione o salvaguardia dei boschi a difesa del territorio contro i rischi di dissesto geologico.


La spesa su cui spetta la detrazione del 36 per cento non può superare il limite di:


– euro 77.468,53 per le spese sostenute nell’anno 2002;


– euro 100.000,00 per le spese sostenute negli anni 2003, 2004, 2005 e 2006.


La detrazione deve essere ripartita in 5 o 10 rate di pari importo. La scelta del numero delle rate in cui suddividere la detrazione in questione, per ciascun anno in cui sono state sostenute le spese, non è modificabile.


I contribuenti di età non inferiore a 80 anni possono optare per la ripartizione della detrazione anche in 3 quote annuali di pari importo.


 


 


Un esempio delle risposte ai quesiti sugli adempimenti dichiarativi contenuti nell’e-book di Vincenzo D’Andò:


 


1) Inquilino moroso: Canoni non percepiti


 






D. Non percepito nel periodo d’imposta da dichiarare i canoni di locazione relativi, sono ugualmente costretto a dichiararli ?


 


R. Non vanni dichiarati i canoni (derivanti da contratti di locazione di immobili ad uso abitativo) non percepiti per morosità dell’inquilino se, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, si è concluso il procedimento di convalida di sfratto per morosità.


In tal caso deve essere comunque dichiarata la rendita catastale.


Nel caso contrario, purtroppo, devono essere ancora dichiarati, ancorché non siano stati percepiti.


 


2) Spese sostenute per particolari patologie


 






 


D. In quale rigo, del modello Unico, devono essere indicate le spese sanitarie sostenute per i familiari non a carico?


 


R. Tali spese devono essere indicare nel Quadro RP, rigo Rp2, in particolare occorre scrivere l’importo della spesa sanitaria sostenuta nell’interesse del familiare non fiscalmente a carico affetto da patologie esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica, la cui detrazione non ha trovato capienza nell’imposta lorda da questi dovuta. L’importo di tali spese si ottiene dividendo per 0,19 la parte di detrazione che non ha trovato capienza nell’imposta del familiare desumibile dalle annotazioni del Mod. 730 o dal rigo RN 31, colonna 1 del quadro RN del Mod. UNICO di quest’ultimo.


L’ammontare massimo delle spese sanitarie sulle quali spetta la detrazione del 19%cento in questi casi è complessivamente di euro 6.197,48; l’importo di tali spese deve essere ridotto della franchigia di euro 129,11, anche se la stessa è stata già applicata dal familiare, affetto da patologie esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica, nella propria dichiarazione dei redditi.


Tuttavia non si deve tener conto di detta franchigia per la parte che è stata già sottratta ai fini della determinazione dell’importo indicato nel rigo RP1, colonna 2.


 


 


3) Spese sanitarie – Cure termali


 






D. E’ possibile detrarre le spese mediche per cure termali?


 


R. Si. E’ possibile fruire della detrazione perché rientrano tra le spese mediche generiche con obbligo di prescrizione medica.


 


 


 


 


 


 


 


 








IRPEF – Familiari a carico – Moglie con partita IVA


 


 


D: Sono dipendente e devo fare il 730, mia moglie ha P.Iva con reddito 2005 inferiore a 2.500 Euro, posso considerarla a mio carico per l’anno 2005?


 


R. Sono considerati fiscalmente a carico i familiari che nell’anno 2005 non hanno posseduto redditi che concorrono a formare il reddito complessivo per un ammontare superiore a euro 2.840,51, è ininfluente la tipologia del reddito.


Nel caso prospettato, poiché sua moglie ha percepito nel 2005 un reddito inferiore al limite previsto dalla legge, può considerarla a carico. Non sarà possibile fare la dichiarazione congiunta, poiché sua moglie, essendo titolare di partita Iva, dovrà compilare il modello Unico comprensivo del modello Iva.


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


INDICE


 










































ARGOMENTO


PAGINA


 


 


MODELLO UNICO PF 2007 – LE NOVITA’


1


LE NOVITA’ DEL MODELLO UNICO PF 2007 – REDDITI DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO


6


LE NOVITA NEL MODELLO UNICO 2007 PF PER LE IMPRESE


10


NOVITA’: INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE


 


FISICHE


13


LE NOVITA’ PER GLI STUDI DI SETTORE


14


MODELLO 730/2007 REDDITI 2006 –  ASSISTENZA FISCALE PRESTATA


18


MODELLO UNICO PERSONE FISICHE : LE RISPOSTE AI QUESITI


 


ALTRE SPESE – DONAZIONI A ONLUS


31


ALTRE SPESE – SPESE PER FREQUENZA ASILI NIDO


32


ASSICURAZIONE VITA E ALTRE POLIZZE ASSICURATIVE


33

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it

Emergenza COVID-19

Gentile Lettore,
Commercialista Telematico ha deciso di mantenere attivi tutti i suoi servizi per informare e supportare tanti professionisti e imprese in questo difficile momento e ugualmente è impegnato nell’attuare le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus a protezione dei propri dipendenti e collaboratori. Pertanto, qualora ne avessi necessità, ti invitiamo a utilizzare la comunicazione via e-mail anziché quella telefonica.
Ti risponderemo ai seguenti indirizzi: info@commercialistatelematico.com o ecommerce@commercialistatelematico.com

#IORESTOACASA