Aziende che avevano presentato ricorso contro Irap: devono chiudere la lite tributaria al fine di evitare il pagamento delle spese legali


Ricorsi contro l’IRAP giacenti presso le commissioni tributarie: non é da escludere, tra l’altro, che le contrastanti conclusioni degli avvocati generali possano indurre il giudici tributari a chiudere automaticamente le controversie e a compensare in ogni caso le spese di lite.


Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 9 del 14.02.2007 che, tuttavia, consiglia ai contribuenti di attivarsi prontamente a chiedere alle varie commissioni tributarie la chiusura del ricorso pendente chiedendo la chiusura della lite, per evitare di dovere pagare le spese legali, ciò a seguito della Sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee – Questione della compatibilità IRAP con l’art. 33 della sesta direttiva IVA – Gestione delle controversie.


Si ricorda che ancora rimane aperta la questione possibile rimborso IRAP dei piccoli professionisti che non sono, quindi, interessati, al momento, dalle indicazioni contenute in tale circolare. Potrebbero esserlo però a breve a seguito dell’atteso pronunciamento sul caso della Corte di Cassazione (consulta che ha aperto un breve spiraglio per i piccoli professionisti, o piccoli imprenditori, ad es. agenti di commercio, senza autonoma organizzazione, senza particolare attrezzature, senza dipendenti, ecc.), se in tale evenienza dovesse essere data ragione all’Erario.


 


Si riporta di seguito la circolare:


 


Agenzia delle Entrate


DIREZIONE CENTRALE NORMATIVA E CONTENZIOSO


Circolare del 14/02/2007 n. 9


Oggetto:


Corte di Giustizia delle Comunita’ Europee – Questione della compatibilita’ IRAP con l’art. 33 della sesta direttiva IVA — Gestione delle controversie


Testo:


La Commissione tributaria provinciale di Cremona, con ordinanza 9 ottobre 2003, n. 39/2/03, ha sottoposto alla Corte di Giustizia delle Comunita’ Europee un quesito sull’interpretazione dell’articolo 33 della direttiva del Consiglio n. 77/388/CEE (sesta direttiva IVA), in materia di armonizzazione delle legislazioni degli stati membri relativamente alle imposte sulla cifra d’affari.


In particolare, la Commissione tributaria, su impulso di parte, ha sospeso il procedimento e chiesto l’intervento della Corte di Giustizia, ritenendo l’IRAP assimilabile all’IVA in quanto:


– si applica in modo generalizzato a tutte le operazioni commerciali di produzione o di scambio aventi ad oggetto beni e servizi poste in essere nell’esercizio di imprese o di arti e professioni;


 colpisce il valore netto derivante dalle attivita’ produttive e piu’ esattamente il valore netto “aggiunto” al prodotto dal produttore;


 e’ riscossa in ogni fase del processo di produzione o di distribuzione;


– agisce come un’imposta generale e proporzionale sul prezzo di cessione al consumo di beni e servizi. In altre parole l’ammontare complessivo dell’IRAP riscosso nelle varie fasi del ciclo e’ pari all’aliquota dell’IRAP applicata sul prezzo di vendita praticato in sede di immissione al consumo.


Cio’ ha indotto molti contribuenti ad attivare la procedura di rimborso dell’IRAP versata allo scopo di poter beneficiare degli effetti di un’eventuale sentenza della Corte di Giustizia che avesse dichiarato l’incompatibilita’ dell’IRAP con la sesta direttiva.


La Corte di Giustizia, in data 3 ottobre 2006, con sentenza C-475/03, ha affermato che “un’imposta con le caratteristiche dell’IRAP si distingue dall’IVA in modo tale da non poter essere considerata un’imposta sulla cifra d’affari, ai sensi dell’art. 33, n. 1, della sesta direttiva”, stabilendo che il citato art. 33 “deve essere interpretato nel senso che esso non osta al mantenimento di un prelievo fiscale avente le caratteristiche dell’imposta di cui si discute nella causa principale”.


Alla luce dell’interpretazione della Corte di Giustizia le eccezioni formulate in senso contrario dai contribuenti sono da ritenere prive di fondamento.


Di conseguenza gli uffici dell’Agenzia continueranno a sostenere la piena legittimita’ della norma e, nel contempo, verificheranno puntualmente tutte le ulteriori doglianze di parte, nel caso in cui le eccezioni riguardanti l’incompatibilita’ dell’IRAP con la normativa europea siano state formulate con carattere preliminare.


Con riferimento alla possibilita’ che i contribuenti richiedano di rinunciare al ricorso, si osserva quanto segue.


Ai sensi degli articoli 44 e 45 del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, in caso di formale rinuncia al ricorso, il processo si estingue con decreto del presidente della sezione o con sentenza della commissione.


Il comma 2 del citato articolo 44 del D.Lgs. n. 546/1992, prevede che  “Il ricorrente che rinuncia deve rimborsare le spese alle altre parti salvo diverso accordo fra loro. La liquidazione e’ fatta dal presidente della sezione o dalla commissione con ordinanza non impugnabile, che costituisce titolo esecutivo”.


Pertanto se l’ufficio non conviene sull’accordo proposto dal contribuente e/o quest’ultimo non deposita la rinuncia, il processo prosegue regolarmente e sara’ cura del giudice disporre sulle spese seguendo il principio della soccombenza, ovvero compensando le spese se ritiene che ne ricorrano i motivi.


Da cio’ consegue che normalmente gli uffici non hanno alcun interesse ad addivenire ad un accordo sulle spese, specialmente se la controversia riguarda anche questioni che involgono decorrenza di termini o eccezioni comunque non accoglibili.


Occorre tuttavia osservare che la particolare situazione del contenzioso in esame e’ stata determinata anche dal contenuto delle conclusioni dei due avvocati generali presso la Corte di Giustizia delle Comunita’ Europee.


Tali conclusioni hanno favorito il proliferare di controversie, la cui soluzione consentirebbe di ridurre notevolmente i giudizi pendenti presso le commissioni tributarie, che cosi’ potrebbero pervenire piu’ celermente anche alla definizione di altre questioni.


Non e’ da escludere, tra l’altro, che le conclusioni degli avvocati generali possano indurre il giudice a compensare in ogni caso le spese di lite.


Cio’ depone per l’opportunita’ di accedere alla richiesta di rinuncia al ricorso, con accordo sulle spese, avanzata dal contribuente, quale soluzione atta a favorire una rapida definizione delle controversie e quindi preferibile in termini piu’ generali di economicita’.


Tutto cio’ premesso, si invitano gli uffici dell’Agenzia a riesaminare caso per caso il contenzioso pendente concernente la materia in esame, secondo quanto esposto nella presente circolare, ponendo attenzione ai casi in cui il contribuente ha manifestato l’intenzione di rinunciare al ricorso.


 


Vincenzo D’Andò


 


Febbraio 2007


Partecipa alla discussione sul forum.