I nuovi adempimenti per il Collocamento, le direttive della Legge Finanziaria 2007

Dal Ministero del Lavoro arrivano, con una nota del 4 gennaio 2007, i primi chiarimenti in materia di collocamento, dopo le revisioni alla normativa introdotte dalla Finanziaria.


 


La comunicazione anticipata:


l’obbligo riguarda tutti i settori: un giorno prima della data di effettiva assunzione deve essere presentata denuncia al Centro per l’impiego competente. Sono interessati anche i datori di lavoro agricoli, che in precedenza erano tenuti ad effettuare la comunicazione di assunzione, ex art. 9ter della legge n. 608/1996, direttamente all’INPS. Per i datori di lavoro pubblici l’obbligo è previsto a prescindere dalla modalità di assunzione (concorso, selezione da graduatorie pubbliche, ecc.); sono comprese nell’obbligo anche le fattispecie contrattuali “speciali” (lavoratori dello spettacolo, marittimi, lavoratori domestici, extracomunitari, disabili, ecc.).


Tipologie contrattuali:


tutte, comprese le collaborazioni. L’accezione di collaborazione coordinata e continuativa integra tutte le tipologie di lavoro parasubordinato menzionate nell’art. 409 del codice di procedura civile (e non solo quelle evidenziate al n. 3 del medesimo articolo) e quindi, ad esempio, anche agenti e rappresentanti di commercio, oltre al lavoro a progetto ex art. 61, comma 1, DLGS n. 276/2003 ed agli associati in partecipazione con apporto di lavoro. Nel tirocinio vanno anche considerate le cosiddette borse lavoro ed i lavori socialmente utili (Lsu).


In questo modo i Centri per l’Impiego assumono la funzione di unici organi deputati a gestire ed a monitorare i flussi occupazionali.


 


Nella comunicazione, oltre ai dati anagrafici ed alle condizioni contrattuali, nei contratti a tempo determinato (secondo la circolare), andrebbe indicata la data di cessazione, anche se questa fosse presunta.


In ordine ai dati retributivi da indicare, nessun problema se trattasi di lavoratore dipendente nei confronti dei quali si applica un contratto collettivo nazionale di lavoro. Diversamente, per il lavoro non subordinato il Ministero ritiene vada indicata la retribuzione lorda giornaliera (nel caso del lavoratore dipendente non contrattualizzato), ovvero il corrispettivo lordo concordato (nel caso di lavoratore non subordinato).


Per la sede di lavoro si chiarisce che per il settore edile può intendersi anche il cantiere mobile, mentre per la gente di mare il luogo ove si verifica l’imbarco.


Nel settore agricolo invece, in presenza di terreni e fondi che si estendono su più circoscrizioni, il datore di lavoro può individuare, discrezionalmente, a quale Centro per l’impiego inviare la comunicazione.


 


Termine e modalità di comunicazione:


è importante sottolineare la posizione del Ministero allorquando il giorno della comunicazione è un festivo. Al riguardo il Ministero è inflessibilmente tassativo, onde vanificare il fine antievasivo della norma. Pertanto, sarebbe opportuno evitare ogni equivoco ed anticipare al primo giorno lavorativo utile precedente l’assunzione. Per i casi di necessità e di urgenza, dai quali possa derivare un danno a persone o ad impianti, è prevista la particolare modalità di comunicazione semplificata, poi seguita da una successiva comunicazione di completamento dei dati mancanti entro i 5 giorni successivi (comma 1180 dell’art. 1 Finanziaria 2007).


 


Trasformazione e cessazione del rapporto:


per gli obblighi di comunicazione degli eventi modificativi non dovrebbero esserci conseguenze sanzionatorie, in quanto legate all’emanazione del cosiddetto “modello unificato”, non ancora vigente.  


Le comunicazioni di cessazione (fatta salva l’ipotesi del contratto a termine con scadenza originaria non modificata), rispettano il limite di 5 giorni, tranne il caso di cessazione di lavoratori assunti con la disciplina del collocamento obbligatorio, per i quali vige il termine di 10 giorni (art. 10, comma 5, legge n. 68/1999).


 


Modulistica:


in attesa del modello unificato si continuerà a adottare:


v    Il modello C/ASS per tutti i casi di instaurazione di rapporto (anche non subordinato), con l’unica eccezione dei datori di lavoro agricoli;


v    Il modello C/CRL per le cessazioni;


v    Il modello C/CTRL per le trasformazioni;


v    Il modello Unificato/Temp per le Agenzie di lavoro.


 


GENNAIO 2007

Angelo Facchini

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it