Enti non commerciali: istanza di rimborso e versamento dell’irap

Il Consiglio dei Ministri di giovedì 1.6.2006 ha varato un Decreto Legge che ripropone, come avvenuto in precedenza con il D.L. n. 106/2005 l’anno scorso, il blocco del ravvedimento operoso in relazione ai versamenti del saldo e degli acconti I.R.A.P. 2006.


La data di entrata in vigore del Decreto è fissata per il giorno di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.


I contribuenti che devono procedere al pagamento dell’I.R.A.P. tra il 20.6 e il 20.7.2006 non possono poi avvalersi, quindi, della possibilità di pagare successivamente alla scadenza prevista, mediante la procedura del ravvedimento operoso (cioè con l’applicazione di sanzioni ridotte). Pertanto, con un provvedimento che riproduce quanto previsto dal Dl n. 106/2005, è stato predisposto un nuovo blocco ai versamenti dell’I.R.A.P. in relazione agli acconti dovuti per il periodo d’imposta 2006 e per il relativo saldo.


Tutto ciò poiché é in atto un contenzioso tributario presso la Corte di giustizia europea per giudicare la  compatibilità della disciplina dell’IRAP con le leggi europee.


L’avvocato generale Jacobs ha già depositato il 14.3.2006 per la seconda volta le proprie conclusioni, ritenendo che la VI direttiva IVA vieta l’imposta italiana (IRAP) poiché duplica le imposte già in vigore.


La causa in oggetto è la C 475/03 per la violazione dell’art. 33 della VI direttiva IVA n. 77/388 CEE, che vieta agli stati membri di introdurre ogni tipo di tassa o imposta che possieda le caratteristiche di imposta sugli affari. La questione è stata sollevata presso la Corte di Lussemburgo dalla Commissione Tributaria Provinciale di Cremona in seno ad un ricorso presentato nel 2001.


Anche il primo Avvocato generale Christine  Stix-Hackl, il 14.03.2006 ha ritenuta valida la tesi di Kacops, poiché l’IRAP ha, in linea di massima, le medesime caratteristiche dell’imposta sul valore aggiunto, e pertanto ha chiesto alla Corte di fare dichiarare l’IRAP come incompatibile con la VI direttiva IVA CEE.


Se la Corte europea in sede definitiva dovesse dichiarare tale incompatibilità dell’IVA con le norme tributarie italiane ed europee si dovrebbe aprire la strada dei rimborsi dell’imposta versata.


Secondo l’avvocato generale necessita, che nel frattempo, il diretto interessato abbia:


– presentato nei termini di legge (entro 48 mesi dal relativo versamento) idonea istanza di rimborso;


– agito in giudizio presso la commissione tributaria;


– in alternativa, promosso un equivalente ricorso amministrativo.


La dottrina ritiene (si veda, peraltro, la circolare della Fondazione Luca Pacioli n. 8 del 03/04/2006) che per coloro che ancora non avessero provveduto di porvi rimedio presentando l’istanza di rimborso (si veda in seguito) e poi trascorsi 90 giorni, senza averne ottenuta la risposta (formazione del silenzio rifiuto), presentare ricorso alla Commissione tributaria provinciale di competenza.


Se in sede di prossimo versamento dell’IRAP, in seno al modello Unico ENC 2006, ancora la Corte europea non si fosse pronunciata definitivamente, occorre versare l’imposta e poi procedere con le modalità suddette (questo il consiglio della dottrina).


Pertanto, in attesa di tutto ciò, esaminiamo di seguito il caso di un ente non commerciale sportivo in regime speciale L. 398/1991 alle prese con l’IRAP nel modello UNICO ENC 2006


Enti  sportivi che svolgono anche attività commerciale (in regime L. 398/1991)


SEZIONE I  – ATTIVITA’ NON COMMERCIALE  DEL QUADRO IQ (IRAP)


Nel rigo IQ1 (sezione I attività istituzionale) l’ente sportivo deve indicare le retribuzioni dei dipendenti (nei successivi righi le indennità per i redditi assimilati e i compensi occasionali a terzi).


Se l’ente non profit esercita anche attività commerciale, le retribuzione vanno ridotte (ai sensi dell’art. 10, comma 2, del D.Lgs. n. 446) dell’importo che è riferibile all’attività commerciale.


Peraltro, le istruzioni ministeriali al rigo precisano che:


<<Qualora gli emolumenti non siano specificatamente riferibili alle attività commerciali, il suddetto ammontare è ridotto dell’importo forfetariamente imputabile alle attività commerciali determinato in base al rapporto tra l’ammontare dei ricavi e degli altri proventi relativi alle attività commerciali rilevanti ai fini dell’IRAP e l’ammontare complessivo di tutti i ricavi e proventi.


Non concorrono a formare la base imponibile gli emolumenti relativi a dipendenti o collaboratori che prestano servizio in uffici operanti per un periodo di tempo non inferiore a tre mesi fuori dal territorio nazionale.>>.


 


SEZIONE III – ATTIVITA’ COMMERCIALE IN REGIME L. 398/1991 DEL QUADRO IQ (IRAP)


 


Per l’attività commerciale (e solo per essa) occorre sommare i seguenti elementi:


– il reddito di impresa in regime forfetario (3% delle entrate commerciali dell’esercizio);


– l’eventuale ammontare delle retribuzioni sostenute per personale dipendente e assimilato nell’esercizio inerente la sola attività commerciale;


– l’ammontare dei compensi spettanti per collaborazioni occasionali inerenti la sola attività commerciale;


– gli interessi passivi.


Costi promiscui


– alcuni costi (personale dipendente e autonomo, interessi passivi, possono avere natura promiscua, per cui vanno imputati solo per la quota inerente l’utilizzo in attività commerciali.


A tal fine occorre calcolare detta quota moltiplicando il coefficiente (entrate commerciali/totale entrate) per i costi di natura promiscua e inserire nella base imponibile IRAP solo la quota così ottenuta (la parte residua, invece, va computata nella base imponibile IRAP relativa all’attività istituzionale).


 


Raccomandata A/R


 


ISTANZA DI RIMBORSO I.R.A.P.


(Istanza di rimborso versamenti diretti ex art. 38 D.P.R. 602/1973)


 


(da spedire ai due destinatari)












All’Agenzia delle Entrate


Ufficio di…………….…….………..


Via…………………….…….….….


Cap………Città..….…….…….…..


 












Alla Regione __________________


Ufficio di………………..…………..


Via………………….….…………..


Cap………Città..….………………


 


Il sottoscritto ……………..nato  a…………..…………………il……………., in qualità di legale rappresentante dell’Associazione sportiva dilettantistica …………………………………, domiciliata a……………………….… in via…………………….. n°…….. , numero Partita Iva/codice fiscale………………………..………………………..………………………..


PREMESSO


– Che la competenza a ricevere la presente istanza è dell’Agenzia delle Entrate a norma dell’art. 25 D.Lgs. 446/97, come interpretato con nota dell’Agenzia stessa del 17 giugno 2004 (prot. 2004/59871);


(o in alternativa, che la competenza a ricevere la presente istanza è della Regione a norma dell’art. 24 D.Lgs. 446/97, attuato con Legge regionale n. );


– che in data ………………..………provvedeva al versamento, a titolo di primo acconto I.R.A.P. per l’anno ….…, della somma di €…………..


– che in data …………………………provvedeva al versamento, a titolo di secondo acconto I.R.A.P. per l’anno ……., della somma di €…………..


– che in data ……………….………provvedeva al versamento, a titolo di saldo I.R.A.P. per l’anno ………….…., della somma di €…………….. per un totale versato per il periodo d’imposta del………di €……………….. [scrivere in modo analogo per tutti i periodi]


     CONSIDERATO


– che il presupposto dell’I.R.A.P. consiste nell’esercizio “abituale di una attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni ovvero alla prestazione di servizi” (ex art. 2 D. Lgs. n. 446 1997);


– che l’Irap, si applica sul valore aggiunto globale della produzione determinato sulla base della differenza tra ricavi ed acquisti;


che l’ambito di applicazione dell’Irap consiste nelle cessioni di beni e le prestazioni di servizi nell’esercizio di impresa, arti o professioni;


– che l’Irap è una imposta applicata in misura proporzionale sulla base imponibile;


– che le caratteristiche strutturali dell’Irap, pur non essendo coincidenti, presentano delle marcate similarità con quelle tipiche dell’Iva quanto a generalità, ai requisiti soggettivi ed oggettivi richiesti ed alla proporzionalità dell’aliquota;


che l’art. 33 della VI direttiva IVA 77/388 CEE del 17 maggio 1977, vieta agli stati membri di introdurre qualsiasi imposta, diritto e tassa che abbia carattere di imposta sulla cifra d’affari;


– che il D.lgs n.466/1997 istitutivo dell’Irap si configura in palese contrasto con quanto prescritto dalla normativa comunitaria dell’art. 33 della VI Direttiva 77/388 CEE


CHIEDE


che codesto ufficio voglia disporre il rimborso delle somme indicate in premessa versate a titolo di I.R.A.P. per il periodo …………., oltre che ai corrispondenti interessi legali.


………………lì…………..


(Firma)


……………


Si allega:

1) copie ricevute versamenti

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it