Accertamento in base agli studi di settore: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate



Premessa


L’Agenzia delle Entrate, oggi (in data 22 giugno 2006) ha reso noto la propria circolare n. 23/2006 del 22/06/2006 relativa agli Studi di settore: Periodo d’imposta 2005.


La circolare chiarisce l’applicazione degli studi di settore, previsti dall’articolo 62-bis del D.L. 30 agosto 1993, n. 331, convertito dalla Legge 29 ottobre 1993, n. 427, e particolarmente illustra gli studi di settore in vigore dal periodo d’imposta 2005 e fornisce le ulteriori indicazioni per le modalità di compilazione dei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, da utilizzare per il periodo d’imposta 2005.


I CHIARIMENTI


Studi più evoluti


Le risultanze degli studi di settore più evoluti (quelli contrassegnati dalla T) possono essere applicati anche per le annualità precedenti, se più favorevoli ai contribuenti.


Cause di inapplicabilità.


Poiché nei Decreti del Ministro dell’Economia e delle finanze del 5.4.2006, concernenti l’approvazione dei 53 studi di settore, in vigore dal periodo d’imposta 2005, è previsto che, nel settore delle attività economiche delle manifatture, dei servizi e del commercio, gli stessi non si applicano:


1) nel caso di esercizio di due o più attività d’impresa non rientranti nel medesimo studio di settore ed in assenza di annotazione separata, se l’importo complessivo dei ricavi dichiarati relativi alle attività non prevalenti (non rientranti tra quelle prese in considerazione dallo studio di settore) supera il 20% dell’ammontare totale dei ricavi dichiarati;


2) nei confronti delle società cooperative, società consortili e consorzi che operano esclusivamente a favore delle imprese socie o associate;


3) nei confronti delle società cooperative costituite da utenti non imprenditori che operano esclusivamente a favore degli utenti stessi.


Allora in tali casi si applicano i parametri.


L’introduzione di particolari correttivi (c.d. non automatici).


In base al parere espresso dalla Commissione degli esperti negli studi:


TD18U – Lavorazione della ceramica, TD20U – Meccanica leggera, TD32U – Meccanica pesante nonché TM04U – Farmacie (approvati a decorrere dal periodo d’imposta 2004 con i decreti del 17 marzo 2005);


TD35U – Editoria, stampa e prestampa, (in vigore dal periodo d’imposta 2005), sono stati introdotti alcuni specifici “correttivi”.


In particolare, sono stati considerati i seguenti fattori:


• per lo studio di settore della lavorazione della ceramica, la particolare situazione di crisi di alcuni distretti produttivi;


• per gli studi di settore relativi alla meccanica leggera e pesante, l’aumento del costo delle materie prime che si è verificato successivamente all’elaborazione dello studio;


• per il settore dell’editoria, della stampa e prestampa, la trasformazione produttiva che ha costretto le imprese ad accrescere e modificare la propria dotazione di beni strumentali senza che ne sia seguito un corrispondente incremento dei ricavi;


• per lo studio di settore delle farmacie, a seguito dell’entrata in vigore del D.L. n. 87/2005, convertito dalla Legge n. 149/2005, per tenere conto sulla possibile riduzione dei ricavi subita dalle farmacie per l’applicazione dello sconto stabilito per la vendita di prodotti di fascia C, medicinali senza ricetta (SOP) e di automedicazione/OTC.


Per lo studio TD35U – Editoria, stampa e prestampa, (in vigore dal periodo d’imposta 2005), è stato introdotto un correttivo, visualizzato da GE.RI.CO. (c.d. non automatico), per l’innovazione tecnologica, che entra in funzione, sulla base dei dati indicati nel quadro X, esclusivamente per i contribuenti non congrui che, nel periodo d’imposta 2005, rispetto all’anno precedente, hanno contemporaneamente incrementato (per effetto di acquisizioni o di utilizzazione di beni nuovi ad alto contenuto tecnologico) il valore di determinati beni strumentali e ridotto la produttività del capitale.


È stato inoltre introdotto un “correttivo” (anche in questo caso c.d. non automatico) per gli studi TD18U, TD20U e TD32U, già in vigore a decorrere dal periodo d’imposta 2004.


Per gli studi di settore TD18U, TD20U, TD32U, TD35U nonchè TM04U, la novità introdotta quest’anno (che si differenzia rispetto ai correttivi previsti per gli altri studi), consiste nel fatto che la riduzione dei ricavi stimati, per le imprese non congrue, non avviene in modo automatico (mediante l’applicazione del software GE.RI.CO.), ma la stessa viene poi riconosciuta dagli Uffici locali, in sede di contraddittorio con il contribuente e su richiesta dello stesso, una volta verificata la sussistenza delle condizioni previste per il correttivo dello specifico studio di settore.


Pertanto, tali riduzioni non sono applicate in modo “automatico” dal software GE.RI.CO., ma saranno riconosciute al contribuente (il quale potrebbe poi risultare congruo agli studi di settore), solo nel momento in cui l’Ufficio accerti l’esistenza dei requisiti idonei per poter fruire dell’abbattimento dei ricavi stimati da GE.RI.CO..


Gli studi di settore applicati con carattere “monitorato”.


Gli studi di settore, approvati con applicazione “monitorata(i decreti del 5.4.2006 hanno approvato le evoluzioni di alcuni studi di settore, relative alle attività professionali e ad alcuni studi del settore manifatturiero), a decorrere dal periodo d’imposta 2005, saranno approvati con carattere definitivo (entro il 31 marzo del 2007) tenendo conto anche:


– dei dati comunicati con i modelli per l’applicazione degli studi di settore, relativo al periodo d’imposta 2005;


– delle informazioni derivanti dall’attività di controllo e di approfondimento effettuata dall’Amministrazione finanziaria.


L’applicazione “monitorata” degli studi relativi ai professionisti.


Per i professionisti, è stata approvata l’evoluzione, con applicazione “monitorata”, di 7 studi di settore applicabili a decorrere dal periodo d’imposta 2005, che rappresentano l’evoluzione di altrettanti studi di settore già in vigore nei periodi d’imposta precedenti per i quali era prevista l’applicazione “sperimentale” (circolare 54/E del 13.6.2001 e successive circolari).


Adesso, con l’art. 2 dei decreti 5.4.2006, di approvazione di 7 studi di settore, relativi a 10 attività professionali, viene prevista, per il solo periodo d’imposta 2005, un’applicazione monitorata degli studi.


Gli studi interessati sono i seguenti:


1) TK02U (sostituisce il precedente studio di settore SK02U) Studi di ingegneria codice attività 74.20.F;


2) TK06U (sostituisce il precedente studio di settore SK06U) – Servizi forniti da revisori contabili, periti, consulenti ed altri soggetti che svolgono attività in materia di amministrazione, contabilità e tributi codice attività 74.12.C;


3) TK10U (sostituisce il precedente studio di settore SK10U) Studi medici generici convenzionati o meno col Servizio Sanitario Nazionale codice attività 85.12.1; Studi di radiologia e radioterapia codice attività 85.12.3, Prestazioni sanitarie svolte da chirurghi codice attività 85.12.A, Altri studi medici e poliambulatori specialistici codice attività 85.12.B;


4) TK17U (sostituisce il precedente studio di settore SK17U) – Attività tecniche svolte da periti industriali codice attività 74.20.B;


5) TK19U (sostituisce il precedente studio di settore SK19U) – Attività professionali paramediche indipendenti codice attività 85.14.2;


6) TK22U (sostituisce il precedente studio di settore SK22U) – Servizi veterinari codice attività 85.20.0;


7) TK56U (sostituisce il precedente studio di settore SG56U, limitatamente all’attività esercitata in forma di lavoro autonomo) – Laboratori di analisi cliniche codice attività 85.14.A..


E ora prevista da tali neo disposizioni  che i predetti studi di settore “monitorati” sono applicabili per il solo periodo d’imposta 2005 e che, analogamente a quanto previsto per gli studi dei professionisti approvati in evoluzione a decorrere dal periodo d’imposta 2004, possono essere utilizzati esclusivamente per la selezione delle posizioni da sottoporre a controllo con le ordinarie metodologie.


Per conseguenza i risultati scaturenti dall’applicazione GE.RI.CO. 2006 non possono essere usati direttamente per l’azione di accertamento sulla base delle risultanze dei predetti studi di settore.


Tale attività sarà fondata sull’utilizzo delle ordinarie metodologie di controllo, rispetto alle quali i risultati dell’applicazione degli studi di settore costituiranno uno strumento di ausilio.


E’ inoltre fissato al 31.3.2007, il termine entro il quale dovranno essere approvati definitivamente gli studi sottoposti a monitoraggio.


Tranne per i contribuenti che si adeguano alle risultanze dello studio “monitorato”, i compensi o i ricavi derivanti dall’applicazione dello studio di settore approvato definitivamente, potranno poi essere utilizzati per effettuare accertamenti in relazione ai periodi d’imposta precedenti a quello di prima applicazione dello studio definitivo.


Vengono confermate le precedenti indicazioni dell’Agenzia delle Entrare, secondo le quali:


– Nei confronti dei soggetti che esercitano le attività economiche comprese negli studi di settore monitorati, non si applicano i parametri.


L’applicazione c.d. “monitorata” viene riconosciuta anche agli studi di settore che si riferiscono ad attività che possono essere esercitate sia da professionisti che da imprese;


– le risultanze degli studi di settore sottoposti a monitoraggio possono essere fatte valere, in fase di contraddittorio, con le stesse modalità indicate nella circolare 25/E del 14.3.2001, per motivare e documentare idoneamente eventuali scostamenti tra l’ammontare dei ricavi o compensi dichiarati e quello presunto in base ai parametri, nei casi in cui ricorrano ancora i termini per effettuare gli accertamenti in base a tale ultimo strumento.


La proroga della fase di monitoraggio per gli studi relativi ai professionisti


approvati a decorrere dal periodo d’imposta 2004.


Il decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze del 24 marzo 2005 aveva previsto – per gli studi SK29U, TK01U, TK03U, TK04U, TK05U, TK08U, TK16U, TK18U, TK20U, TK21U – l’applicazione “monitorata” per il solo periodo d’imposta 2004.


Era stato previsto inoltre che tali studi dovevano essere approvati in via definitiva entro il 31.3.2006.


La Commissione degli Esperti ha invece effettuato ulteriori analisi ed approfondimenti, al fine di risolvere le problematiche legate alla concreta applicazione dei predetti studi e, pertanto, ha proposto la proroga, per tutti i suddetti studi di settore, della fase di monitoraggio anche per l’anno 2005.


Con l’articolo 7 del decreto 5.4.2006, di approvazione di 4 dei 7 studi di settore relativi alle attività professionali per il periodo d’imposta 2005, è stata pertanto disposta, per il medesimo periodo d’imposta, una proroga dell’applicazione monitorata. Tali studi saranno oggetto di definitiva approvazione entro il 31.3.2007.


Gli studi “monitorati” per le attività manifatturiere.


Con l’articolo 2 del decreto 5.4.2006, di approvazione di 8 evoluzioni di studi di  settore in vigore fino al 2004, del comparto delle manifatture, è stata prevista un’applicazione “monitorata” per il solo periodo d’imposta in corso al 31.12.2005, degli studi di settore:


• TD14U (tessile);


• TD21U (occhialeria);


• TD33U (oreficeria).


Anche tali studi, definiti “monitorati”, hanno le medesime caratteristiche già indicate con la circolare n. 32/E del 2005.


L’art. 2 del Decreto del 5.4.2006 stabilisce che:


Lo studio definitivo, fatto salvo quanto previsto al comma 2, avrà valenza ai fini dell’accertamento con riferimento anche al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2005”. Pertanto, lo studio definitivo, che verrà approvato ed applicato a decorrere dal periodo d’imposta 2006, potrà essere utilizzato ai fini dell’attività di accertamento anche con riferimento al periodo d’imposta 2005.


Studi di settore e regime delle attività marginali.


I modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore vengono utilizzati anche dai contribuenti che si avvalgono del regime fiscale delle attività marginali.


All’interno del software GE.RI.CO. 2006 è disponibile una funzione specifica (GE.RI.CO. Marginali 2006) che consente di verificare l’entità dei ricavi determinati tenendo conto delle predette riduzioni e di controllare se il soggetto rientra o meno nel regime agevolato in questione.


Principali novità del prodotto GE.RI.CO. 2006.


La procedura permette l’applicazione dei 202 studi di settore attualmente in vigore.


Con riferimento al software applicativo GE.RI.CO. 2006, rispetto alla versione 2005, non vi sono state particolari novità di rilievo se non, come per il periodo d’imposta 2004, l’inserimento di controlli automatici nella fase di invio del file telematico.


La procedura permette inoltre la visualizzazione delle riduzioni (c.d. non automatiche) previste per gli studi TD18U – Lavorazione della ceramica, TD20U – Meccanica leggera,


TD32U – Meccanica pesante nonché TM04U – Farmacie (approvati a decorrere dal periodo d’imposta 2004 con i decreti del 17 marzo 2005) e TD35U – Editoria, stampa e prestampa, (in vigore dal periodo d’imposta 2005).


NOVITÀ RIGUARDANTI L’ISTITUTO DELL’ASSEVERAZIONE


In base all’art. 35 del D.lgs. 9.7.1997, n. 241, i responsabili dell’assistenza fiscale dei centri costituiti dai CAF imprese e i soggetti abilitabili alla trasmissione telematica delle dichiarazioni e professionisti abilitabili, possono rilasciare, su richiesta dei contribuenti, l’asseverazione.


La disciplina dell’asseverazione ha subito, di recente, ulteriori modifiche dal D.L. 30.9.2005, n. 203, convertito dalla Legge 2.12.2005, n. 248.


L’asseverazione dei dati contabili ed extracontabili rilevanti ai fini degli studi di settore può essere apposta solo dai CAF imprese e dai professionisti abilitabili alla trasmissione telematica delle dichiarazioni, mentre l’attestazione delle cause che possono spiegare la non congruità dei ricavi o compensi dichiarati rispetto a quelli derivanti dall’applicazione degli studi di settore e/o le cause che giustificano un’incoerenza rispetto agli indici economici individuati dai predetti studi, può essere effettuata, oltre che dai soggetti sopra menzionati, anche dai dipendenti e funzionari delle Associazioni di categoria in possesso dei requisiti di legge.


I soggetti abilitabili potranno, separatamente:


• asseverare la corrispondenza dei dati contabili e di quelli extracontabili comunicati all’Amministrazione finanziaria e rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore con quelli desunti dalle scritture contabili o da altra documentazione idonea.


Questa asseverazione (disciplinata dal comma 1 dell’articolo 3 del decreto ministeriale n. 164 del 1999) può essere apposta solo dai predetti soggetti (responsabili della assistenza fiscale dei Caf imprese e dai professionisti abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni);


• attestare l’esistenza di cause che possono giustificare la non congruità dei ricavi o compensi dichiarati rispetto a quelli derivanti dalla applicazione degli studi di settore e/o le cause che giustificano un’incoerenza rispetto agli indici economici individuati dai predetti studi. Questa attestazione può essere apposta, oltre che dagli intermediari indicati al punto precedente, anche dai dipendenti e dai funzionari delle Associazioni di categoria abilitati alla assistenza tecnica presso le Commissioni tributarie.


Gli indici economici sono solo quelli economici di coerenza che emergono dalla applicazione dei singoli studi di settore e non anche gli “indici economici, finanziari e patrimoniali” introdotti dalla legge finanziaria per il 2005 (n. 311/2004). Tali ultimi indici, non possono essere confrontati con gli indici economici previsti dai singoli studi di settore che tendono a fare emergere valori minimi e massimi assumibili con riferimento a comportamenti normali degli operatori del settore che svolgono la stessa attività con analoghe caratteristiche.


Nell’apposito campo “Note aggiuntive – Informazioni aggiuntive” dell’applicazione GE.RI.CO. dovranno essere indicate le cause che hanno determinato l’attestazione della non congruità dei ricavi o compensi dichiarati rispetto a quelli derivanti dall’applicazione degli studi di settore e/o le cause che giustificano un’incoerenza rispetto agli indici economici individuati dai predetti studi. In caso di mancata indicazione delle predette cause, l’attestazione deve ritenersi “non effettuata” ancorché risulti, dal modello dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, l’indicazione del codice fiscale (nonché della firma del responsabile) nelle relative attestazioni.


SOGGETTI IN CONTABILITÀ ORDINARIA. INDICI DI NATURA ECONOMICA, FINANZIARIA E PATRIMONIALE.


Nei confronti dei contribuenti in regime di contabilità ordinaria, anche per opzione, esercenti attività produttive di reddito d’impresa, in relazione agli accertamenti relativi al periodo d’imposta 2004 ed ai periodi successivi, la legge finanziaria per il 2005 ha introdotto la possibilità di procedere ad accertamento sulla base degli studi di settore se nel corso dell’anno emergono significative situazioni di incoerenza rispetto ad “indici di natura economica, finanziaria o patrimoniale”.


In particolare, si prevede che nei confronti degli esercenti attività d’impresa in regime di contabilità ordinaria, anche per effetto di opzione, e degli esercenti arti e professioni, gli accertamenti, sulla base delle risultanze degli studi di settore, possono essere effettuati quando in almeno due periodi d’imposta su tre consecutivi considerati, compreso quello da accertare, l’ammontare dei compensi o dei ricavi determinabili sulla base degli studi di settore risulta superiore all’ammontare dei compensi o ricavi dichiarati con riferimento agli stessi periodi d’imposta.


La norma sugli studi precisa che, in ogni caso, l’accertamento da studi di settore può essere effettuato nei confronti degli esercenti attività d’impresa in regime di contabilità ordinaria, anche per effetto di opzione, quando emergono significative situazioni di incoerenza rispetto ad indici di natura economica, finanziaria o patrimoniale, individuati con apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, sentito il parere della Commissione degli esperti degli studi di settore.


La suddetta disposizione si applica esclusivamente nei confronti dei soggetti in contabilità ordinaria, anche per opzione, che esercitano attività produttiva di reddito d’impresa; per cui i soggetti esercenti arti e professioni non sono interessati dalla novità.


La circolare n. 10/E del 16.3.2005 (e, la circolare n. 32/E del 21.6.2005) ha precisato che in presenza di tali incoerenze, l’Agenzia delle Entrate è legittimata ad effettuare un accertamento nei confronti dei contribuenti in regime di contabilità ordinaria che risultino non congrui, anche per un solo periodo d’imposta, alle risultanze degli studi. I soggetti che risulteranno congrui, anche per effetto dell’adeguamento in dichiarazione, alle risultanze degli studi di settore, ancorché non in linea con detti indici, non potranno essere sottoposti ad accertamento sulla base degli studi di settore. Tuttavia l’accertamento sulla base degli studi di settore, in tale ipotesi, può comunque essere effettuato nel caso in cui l’Ufficio riscontri la non congruità alle risultanze degli studi di settore derivante, ad esempio, dalla non corretta indicazione delle variabili che rilevano ai fini della determinazione del valore


puntuale di riferimento.


Comunque, anche nel caso di incoerenza degli indici di natura economica, finanziaria o patrimoniale, prima della notifica dell’avviso di accertamento, l’Ufficio deve invitare il contribuente a comparire. In tale fase l’ufficio è tenuto a verificare preventivamente la sussistenza della predetta incoerenza degli indici, garantendo la possibilità di fornire le eventuali giustificazioni in merito, prima di procedere, eventualmente, alla valutazione delle risultanze dello studio di settore. Naturalmente non è possibile effettuare accertamenti da studi di settore, nei casi di incoerenza con i citati indici, qualora il contribuente riesce a giustificare e documentare adeguatamente dette incoerenze.


Comunque l’esistenza di significative divergenze tra i dati risultanti dalle scritture contabili e quelli riportati in dichiarazione, compreso l’allegato relativo ai dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, costringe l’ufficio, nelle ipotesi di inapplicabilità degli indici, l’esigenza di valutare l’avvio di più penetranti attività istruttorie ai fini del controllo della posizione fiscale del contribuente.


Gli indici individuati con il citato provvedimento, che denotano significative situazioni di incoerenza di natura economica, finanziaria e patrimoniale, sono i seguenti:


a) Rapporto tra il valore dei beni mobili strumentali (al netto del valore relativo ai beni acquisiti in dipendenza dei contratti di locazione non finanziaria) e gli ammortamenti dei beni mobili strumentali.


Tale indice segnala un’anomalia nel caso in cui il valore degli ammortamenti di beni mobili strumentali, indicato nell’allegato studi di settore del modello UNICO, risulti superiore al valore dei relativi beni strumentali. Infatti, deve ritenersi sintomo di grave anomalia contabile il fatto che il valore delle quote di ammortamento, deducibili fiscalmente, risulti superiore al relativo valore dei beni strumentali indicato nello stesso modello. Tale ultimo valore viene considerato al netto di quello relativo ai beni acquisiti in dipendenza di contratti di locazione non finanziaria.


L’indice è stato previsto:


• per contrastare la mancata (ovvero la “non corretta”) indicazione del valore dei beni strumentali nell’allegato studi di settore (quadro F – Elementi contabili). Tale comportamento (errata indicazione del valore dei beni strumentali), per alcuni studi, comporta, infatti, una non corretta stima dei ricavi potenziali;


• evidenziare situazioni di non regolare tenuta della contabilità.


Una significativa situazione di incoerenza ricorre qualora l’indicatore risulti inferiore ad 1.


Le variabili di riferimento sono quelle risultanti dal modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore.


Tuttavia in talune ipotesi, l’incoerenza può riferirsi comunque a una situazione “corretta” e quindi giustificabile. Ciò può accadere nell’ipotesi in cui il predetto indicatore risulti inferiore a uno perché, ad esempio, nel corso dell’anno sono stati ceduti o dismessi beni strumentali. È il caso, ad esempio, di un contribuente che possiede un solo bene strumentale ceduto nel corso dell’anno. Il valore di quel bene non sarà considerato al numeratore del rapporto, in quanto, nell’allegato relativo ai dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, il valore dei beni strumentali deve essere indicato se esistente alla data di chiusura del periodo d’imposta, mentre il denominatore è influenzato dalle relative quote di ammortamento in quanto le stesse sono deducibili nella determinazione del reddito di impresa anche se il bene viene ceduto in corso d’anno (sulla


possibilità di dedurre le quote di ammortamento di beni ceduti in corso d’esercizio si veda la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 41/E/2002). In tale ipotesi é preclusa la possibilità di effettuare accertamenti da studi di settore in ragione della sola presunta incoerenza dei predetti indici.


b) Differenza tra le esistenze iniziali relative a merci, prodotti finiti, materie prime e sussidiarie, semilavorati e servizi non di durata ultrannuale e le relative rimanenze finali dell’esercizio precedente.


Si tratta di un indicatore che segnala determinate anomalie di tipo contabile ovvero anomalie che riguardano la “non corretta” indicazione dei dati riportati nell’allegato studi di


settore.


Infatti, di solito le rimanenze iniziali di merci di un periodo d’imposta, trattandosi di valori comuni a due esercizi, devono coincidere con il valore indicato, nel periodo d’imposta precedente, alla voce relativa alle rimanenze finali di merce.


Nel caso in cui le rimanenze finali relative a merci, prodotti finiti, materie prime e sussidiarie, semilavorati e ai servizi non di durata ultrannuale di un esercizio differiscano dalle corrispondenti voci delle rimanenze iniziali dell’esercizio successivo indicate nel quadro F – Elementi contabili dell’allegato studi di settore, presentato con la dichiarazione UNICO, si verifica una anomalia che viene segnalata dall’indicatore in esame.


Una significativa situazione di incoerenza ricorre qualora la differenza tra i due valori di riferimento risulti non inferiore all’1% del minore di essi.


Le variabili di riferimento sono quelle risultanti dal modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore; nello specifico, per l’anno d’imposta 2005, sarà preso in considerazione l’importo indicato al rigo F12 relativo al valore delle esistenze iniziali relative a materie prime e sussidiarie, semilavorati, merci, prodotti finiti e servizi non di durata ultrannuale e sarà confrontato con l’importo delle relative rimanenze finali indicate nel corrispondente rigo F05 del modello studi di settore relativo all’anno d’imposta 2004.


Nel caso di situazioni di “incoerenza” di tale indicatore, ai fini della individuazione del periodo d’imposta da accertare, occorrerà fare riferimento anche alle risultanze della contabilità. Ad esempio, se un contribuente ha indicato nel modello per la dichiarazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore 2005 (periodo d’imposta 2004) rimanenze finali


di merci per € 10.000 e nel modello per la dichiarazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore 2006 (anno d’imposta 2005) esistenze iniziali di merci per € 12.000, sarà possibile procedere ad accertamento da studi di settore, sulla base dell’indicatore in esame, solo per il periodo d’imposta 2005, se si appura che il corretto valore fiscale di tali beni per il periodo d’imposta 2004, derivante dalle risultanze della contabilità, è di € 10.000.


Secondo l’Agenzia delle Entrate, nei confronti di un contribuente che nell’anno d’imposta 2004 abbia dichiarato, nel modello dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore 2005, rimanenze finali di merci per € 15.000 e nel modello per la dichiarazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore 2006 (anno d’imposta 2005) esistenze iniziali di merci per € 20.000, sarà possibile, procedere ad accertamento da studi di settore, sulla base dei predetti indici, per entrambi i  periodi d’imposta (2004 e 2005), in caso di non congruità nei citati anni, se l’Ufficio verifica che il valore fiscale delle merci è diverso da quanto indicato nei predetti modelli (ad es. il valore fiscale delle rimanenze derivante dalla contabilità è pari a € 25.000).


Rileva l’Agenzia che comunque è possibile procedere ad accertamento, per entrambi i periodi d’imposta, anche nel caso in cui l’incoerenza sia stata verificata sulla base dei dati indicati nell’allegato dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, ed entrambi i valori indicati corrispondono ai valori fiscali derivanti dalla contabilità, denunciando in tal modo una evidente irregolarità contabile. Come nel caso, ad esempio, di un contribuente che abbia dichiarato nel modello dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore 2005, rimanenze finali di merci per € 15.000 e nel modello per la dichiarazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore 2006 (anno d’imposta 2005) esistenze iniziali di merci per € 20.000 e tali valori corrispondono entrambi al valore fiscale delle rimanenze, finali ed iniziali, derivante dalle scritture contabili.


c) Differenza tra le esistenze iniziali relative ad opere, forniture e servizi di durata ultrannuale e le relative rimanenze finali dell’esercizio precedente.


Le citate considerazioni dell’Agenzia previste per il disallineamento delle rimanenze di merci, valgono anche con riferimento alle differenze tra le Esistenze iniziali relative ad opere, forniture e servizi di durata ultrannuale e le relative Rimanenze finali dell’esercizio precedente.


d) Disponibilità liquide negative (Cassa).


In tale ipotesi l’incoerenza si verifica nel caso in cui il valore relativo alle disponibilità liquide, indicate nel prospetto di bilancio inserito nella dichiarazione dei redditi, risulti di segno negativo. In particolare, ad esempio, per l’anno 2005, il rigo che viene preso in considerazione é il rigo RF63 UNICO Persone Fisiche , il rigo RF64 UNICO Società di persone, il rigo RS13 UNICO Società dei Capitali ed il rigo RF66 UNICO Enti non Commerciali.


La presenza di una cassa “negativa” si può verificare ad es. nell’ipotesi di impresa individuale, da prelevamenti del titolare in misura eccedente il “reale” valore della cassa e, pertanto, potrebbe segnalare una tenuta non regolare della contabilità.


Le differenze fino a € 100 euro non rilevano.


La incoerenza, rilevata dal prospetto di bilancio inserito nella dichiarazione dei redditi, può essere giustificata nel caso in cui dalla contabilità risulti invece, alla fine del periodo d’imposta, un conto “Cassa” con saldo positivo. In tal caso non sarà possibile effettuare accertamenti da studi di settore in ragione dell’incoerenza del predetto indicatore.


Decorrenza della disposizione relativa agli indici di incoerenza economica, patrimoniale e finanziaria.


La nuova possibilità di accertamento, sulla base delle predette incoerenze degli indici di natura economica, finanziaria o patrimoniale, è esperibile, con riferimento agli accertamenti relativi a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31.12.2004, anche nei confronti dei contribuenti in regime di contabilità ordinaria per opzione, esercenti attività d’impresa.


Infine, per altri chiarimenti ed ulteriori approfondimenti si veda la circolare n. 23/2006.


 


 


giugno 2006


 


a cura Vincenzo D’Andò


Partecipa alla discussione sul forum.