IL PROCEDIMENTO DI APPROVAZIONE DEL BILANCIO 2005


 

            Nell’ormai prossima scadenza per la redazione ed il deposito dei bilanci di esercizio, si ritiene utile evidenziare i principali adempimenti connessi, ivi compresi quelli relativi alla successiva presentazione della dichiarazione dei redditi. L’importanza di tale procedura è dimostrata dal fatto che l’osservanza di tali adempimenti è condizione di validità del bilancio stesso.

            Si premette che tale schema tratterà esclusivamente il caso in cui il metodo decisionale dei soci e del consiglio di amministrazione sia quello assembleare, nonché il sistema di amministrazione e di controllo sia quello del tipo tradizionale, escludendo dunque quelli di tipo “monistico” e “dualistico”.

 

La possibilità di proroga è stata ridotta a casi estremamente particolari

            E’ ormai risaputo che non è più possibile addurre ragioni analoghe a quelle che si sono individuate negli esercizi in cui la riforma societaria non era ancora entrata in vigore  per essere legittimati alla proroga dei termini di approvazione del bilancio (da quattro a sei mesi). In base a quanto disposto dall’articolo 2364 del Codice Civile, infatti, premesso che l’assemblea che approva  il bilancio deve essere convocata entro il termine stabilito dallo statuto e comunque non dopo centoventi giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale, lo statuto può prevedere un maggior termine, comunque non superiore a centottanta giorni (che non coincidono con il 30 giugno), nel caso di :

società tenute alla redazione del bilancio consolidato

ovvero

– sussistenza di particolari esigenze relative alla struttura ed all’oggetto della società.

 

Pertanto, la stragrande maggioranza delle società deve giocoforza approvare il bilancio entro il 30 aprile, per cui incentreremo questo schema sinottico solo su tale fattispecie.

 

31 marzo

Norma: “entro i trenta giorni precedenti la data fissata per l’assemblea”

 

Adempimento

1) Redazione del progetto di Bilancio (nelle sue tre parti di Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa) da parte dell’Amministratore Unico o del Consiglio di Amministrazione

2) Redazione della Relazione sulla gestione da parte dell’Amministratore Unico o del Consiglio di Amministrazione

3) Comunicazione del Bilancio e della relazione al Collegio Sindacale

 

15 aprile

Norma: “entro i quindici giorni precedenti la data fissata per l’assemblea e fino a quando il Bilancio non è stato approvato”

 

Adempimento

Deposito presso la sede della Società

1)     del Progetto di Bilancio:

2)     della Relazione sulla gestione;

3)     della Relazione del Collegio Sindacale;

4)     delle copie integrali degli ultimi Bilanci delle Società controllate o, in alternativa, di un prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell’ultimo Bilancio delle Società incluse nel consolidamento;

5)     prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell’ultimo Bilancio delle Società collegate;

6)     della relazione della società di revisione per le Società quotate in Borsa.

 

 

15 aprile(S.p.A. non quotate)

Norma: “Almeno quindici giorni prima di quello fissato per l’adunanza”

31 marzo (S.p.A. quotate)

Norma: “Almeno trenta giorni prima di quello fissato per l’adunanza”

22 aprile (S.R.L.)

Norma: “Almeno otto giorni prima di quello fissato per l’adunanza”

 

Adempimento

Avviso di convocazione dell’assemblea. Esso deve essere comunicato ai Soci :

– delle S.p.A., mediante Pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale

– delle S.R.L., mediante spedizione con raccomandata

 

 

Note sull’assemblea cosiddetta “totalitaria”

            In riferimento all’adempimento della convocazione assemblare, si ricorda che comunque l’Assemblea, (e questa è un’ulteriore modifica introdotta dalla riforma del diritto societario) è validamente costituita (e quindi anche se manca la formalità della convocazione) nel caso in cui :

– per le spa, è rappresentato l’intero capitale sociale e partecipa all’assemblea la maggioranza (almeno) dei componenti degli organi amministrativi e di controllo; tuttavia in tale ipotesi ciascuno dei partecipanti può opporsi alla discussione degli argomenti sui quali non si ritenga sufficientemente informato;

– per le srl, partecipa l’intero capitale sociale e tutti gli amministratori e sindaci sono presenti o informati della riunione e nessuno si oppone alla trattazione dell’argomento.

 

22 aprile

Norma: “entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio”

 

Adempimento

Assemblea di approvazione del Bilancio

 

30 maggio

Norma: “entro trenta giorni dall’approvazione del Bilancio

 

Adempimento

Deposito nel Registro delle Imprese, (telematicamente):

         del Bilancio,

         del verbale dell’Assemblea che lo ha approvato,

         della Relazione sulla gestione,

         dell’elenco dei soci (solo se i soci sono diversi da quelli che hanno approvato il precedente Bilancio) ;

         dei modelli di deposito, con i versamenti dovuti e le relative marche.

Al riguardo, si segnala che

– La firma del collegio sindacale sul Bilancio non è obbligatoria.

– In calce al Bilancio deve essere dichiarata la conformità con le scritture contabili.

– Non è dovuta la tassa di concessione governativa.

 

20 giugno

Norma: “entro il giorno 20 del sesto mese successivo alla chiusura del Bilancio”

 

Adempimento

– Versamento (eventuale) del saldo Ires ed Irap per l’anno 2005 e del primo acconto per l’anno 2006

 

31 Ottobre

Norma: “entro l’ultimo giorno del decimo mese successivo alla chiusura del periodo di imposta

 

Adempimento

Presentazione (telematicamente) della dichiarazione dei redditi

 

31 Gennaio 2007

Norma: “entro tre mesi dal termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi

 

Adempimento

Annotazione e sottoscrizione del Bilancio sul Libro degli Inventari

 

 

Note sui termini di approvazione del bilancio

            Come si è detto sopra, da quest’anno la maggior parte delle società non avrà scelta nell’approvare il bilancio entro il 30 aprile. Per completezza di esposizione, è tuttavia il caso di rilevare come possa comunque verificarsi la circostanza per cui il bilancio venga approvato successivamente.

Si sta parlando del caso in cui l’assemblea del 30 aprile non possa deliberare per mancanza del quorum costitutivo, in quanto, ad esempio, vada deserta. In questo caso, il bilancio verrà discusso ed approvato in seconda convocazione, la cui data per legge può essere fissata nell’avviso di convocazione della prima assemblea o, in mancanza, entro trenta giorni dalla data della prima. Si ritiene che la seconda convocazione, anche se non prevista espressamente neppure dopo la riforma del diritto societario, sia applicabile anche nelle srl, e non solo nelle spa, per le quali invece esiste apposita previsione normativa.

Infine, è appena il caso di rilevare che per configurarsi l’ipotesi esaminata, ossia di mancata approvazione del bilancio in prima convocazione per mancanza del quorum costitutivo, occorre che l’assemblea del 30/4 sia stata convocata con le formalità previste dalla legge.

 

Marzo 2006

Danilo Sciuto

dottore commercialista in Catania

danilosciuto@https://www.commercialistatelematico.com

BILANCIO AL 31/12/2006
vuoi un software che ti aiuti nella predisposizione del bilancio?? Risolto il problema…


Partecipa alla discussione sul forum.