Il contratto di locazione immobiliare ad uso non abitativo


premessa:


apriamo oggi la quarta delle indagini a cui è dedicata questa rubrica de “il commercialista telematico”; se l’argomento che vi propongo è di vostro interesse, inviate i documenti, commenti, pensieri e ricerche al mio indirizzo di posta elettronica (studio.rmazzanti@libero.it).


 


Faremo insieme una ricerca approfondita, al termine della quale l’indagine sarà chiusa e le sue conclusioni saranno pubblicate.


 


Sarà un’occasione per approfondire temi controversi e sentieri poco battuti del diritto.  Lo scopo è di rendere questa rubrica uno spazio di utilità comune a tutti i frequentatori del sito.


 


IL CASO:


In questo lavoro tratteremo la locazione di immobili ad uso non abitativo, facendo una carrellata sulle problematiche poco esplorate, quali:


$ La sua durata ed il rifiuto di rinnovo alla prima scadenza


$ La cessione del contratto


$ L’indennità per la perdita di avviamento in favore del conduttore


$ Il diritto di prelazione


$ Gli oneri a carico di ciascuna delle parti


$ La sub-locazione: problematiche particolari


 


 


L’indagine è aperta.


 


Data 13 gennaio 2006


Roberto Mazzanti (Studio.rmazzanti@libero.it)


Ragioniere Commercialista

Tel.0533-381252 – Fax 0533-382296


Partecipa alla discussione sul forum.