Spese sostenute per la frequentazione di master universitari: detraibilita’ fiscale dal modello unico 2005


 


Capita di sovente chiedersi, verosimilmente durante il periodo delle dichiarazioni dei redditi,  se siano detraibili i costi sostenuti per la frequentazione di master universitari. L’occasione è buona per riepilogare la casistica degli oneri deducibili attinenti tale sfera:


Spese per istruzione


In particolare, i costi per la frequentazione di master universitari possono essere detratti, nei limiti del 19%, qualora, per durata e struttura dell’insegnamento, gli stessi siano assimilabili a corsi universitari o di specializzazione, e sempre che siano gestiti da istituti universitari, pubblici o privati (in tal senso si veda la circolare ministeriale  n. 101/2000, punto 8.2).


Relativamente ai master gestiti da università private, la detrazione spetta per un importo non superiore a quello stabilito per tasse e contributi versati per le analoghe prestazioni rese da istituti statali italiani.


Detrazioni e deduzioni sulle spese sostenute per i familiari


Altresì, la normativa prevede che il contribuente può detrarre la medesima percentuale (19%) per alcune spese, tra cui le spese per frequenza di corsi di istruzione secondaria e universitaria sostenute nell’interesse delle persone fiscalmente a carico.


Spese per l’istruzione superiore e universitaria.


La detrazione del 19% sulle imposte che risultano a debito, spetta sia se siano state sostenute spese nel proprio interesse sia siano state effettuate  per persone fiscalmente a carico (coniuge, figli, ecc.).


Spese per istruzione: Modalità di indicazione nel modello Unico 2005


Tali spese vanno indicate nel rigo RP13. In particolare, nel rigo si riporta l’importo delle spese sostenute nell’anno 2004 per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria (compresa l’iscrizione ad anni fuori corso), tenuti presso università o istituti pubblici o privati, italiani o stranieri.


Le spese possono riferirsi anche a più anni, compresa l’iscrizione fuori corso, e per gli istituti o università privati e stranieri non devono essere superiori a quelle delle tasse e contributi degli istituti statali italiani.


L’importo scritto nel rigo RP13 deve comprendere anche le spese indicate con il codice 13 nelle annotazioni del CUD 2005 e/o del CUD 2004.


 


 


 


 






ELENCO DELLE UNIVERSITÀ LIBERE


– Libera Università commerciale Bocconi di Milano


– Università Cattolica Sacro Cuore di Milano (con facoltà staccate a Piacenza, Brescia e Roma)


– Libera Università degli studi di Urbino


– Libera Università internazionale di studi sociali di Roma (L.U.I.S.S.)


– Istituto Universitario di lingue moderne di Milano (I.U.L.M.)


– Istituto di lingue e letterature straniere di Bergamo


– Libero Istituto Universitario di Magistero di Catania


– Libero Istituto Universitario M. SS. Assunta di Roma


– Libero Magistero Suor Orsola Benincasa di Napoli


 


 


 


 


 


TABELLA DI EQUIPARAZIONE TRA ATENEI LIBERI E STATALI


 


(Si rimanda anche alla circolare ministeriale n. 11/1987)


 






















Libera Università commerciale


“Bocconi” di Milano


 


Fanno riferimento le tasse previste per il corso di economia e commercio dell’Università di Pavia, poiché manca, presso l’Università statale di Milano, la relativa facoltà.


Tuttavia, a Milano è stata istituita l’Università statale presso la quale è possibile riferirsi per sapere l’importo massimo si spesa che è possibile detrarre.


Università Cattolica del Sacro


Cuore di Milano


 


Fanno riferimento le tasse previste per i corsi di economia e commercio di Milano, di giurisprudenza, di scienze politiche, di lettere e filosofia del magistero di Milano e del corso di agraria di Bologna, nonché del corso di medicina e chirurgia di Roma.


Libera Università di Urbino


 


Per la sussistenza nelle Marche di 3 atenei statali, con corsi di laurea diversamente distribuiti, fa riferimento l’unica facoltà statale esistente.


Qualora vi siano più corsi di laurea corrispondenti, esistenti presso le Università statali, fa riferimento il corso per il quale è previsto l’importo dei contributi più elevato.


Luiss di Roma


 


Fanno riferimento i corrispondenti corsi tenuti presso l’Ateneo romano de “La Sapienza”.


Istituti Universitari di Magistero:


– “M.SS. Assunta” di Roma;


– “Suor Orsola Benincasa” di Napoli;


– “Istituto Universitario di Magistero”


di Catania


 


Fanno riferimento i corrispondenti  corsi della facoltà di magistero dell’Università “La Sapienza” di Roma e con quelli corrispondenti delle facoltà di lettere e filosofia degli atenei statali di Napoli e di Catania.


Istituti Superiori a indirizzo linguistico


di Milano e di Bergamo


 


Fa riferimento il corso di laurea in lingue e letteratura moderna esistente presso un ateneo statale della Lombardia o, in mancanza,  il corso di laurea in lettere dell’ateneo milanese.


 


Nota


La segreteria dell’università fornisce appositi prospetti per l’equiparazione


con gli atenei pubblici


 


 


 

giugno 2005


Partecipa alla discussione sul forum.