Gestione fiscale di agenzie viaggio e T.O.


AGENZIE DI VIAGGI  E TURISMO (E TOUR OPERATORS)


 


La gestione contabile, fiscale delle agenzie di viaggi si presenta molto complessa, la presenza di regimi speciali concorre a rendere astrusa la materia. Necessità una attenta valutazione delle operazioni che si svolgono nell’esercizio di attività al fine di applicare correttamente la norma nel modo più appropriato. Occorre la massima attenzione non soltanto dal personale amministrativo, ma anche da quello operativo (come il personale addetto ad avere i contatti con i clienti presso le varie sedi delle Agenzie di viaggi). Il personale deve essere necessariamente istruito sia per motivazioni tecniche sia per la corretta applicazione delle norme tributarie contabili.


Il presente libro intende essere di ausilio agli operatori del settore ed è pure rivolto all’attenzione dei loro professionisti (consulenti aziendali, Direttori tecnici, responsabili amministrativi, ragionieri, Dottori commercialisti, ecc.), difatti verte essenzialmente sulle seguenti materie:


 


INDICE SOMMARIO


Aspetti generali (disciplina legislativa, profili organizzativi, profili gestionali, profili fiscali e contabili )


Il quadro normativo di riferimento


Apertura di un’agenzia di viaggio: norme e regole: la scelta giuridica (impresa o società)


La normativa IVA per le agenzie di viaggio


La biglietteria aerea


I controlli del fisco nelle agenzie di viaggi


Gli studi di settore


Scritture contabili e bilancio


Imposte dirette


Normativa lavoro e collaboratori


Documentazione


 


 


 


Indice
Aspetti generali (disciplina legislativa, profili organizzativi, profili gestionali, profili fiscali e contabili )


Il quadro normativo di riferimento


La normativa IVA per le agenzie di viaggio


La biglietteria aerea


Scritture contabili e bilancio


Imposte dirette


Apertura di un’agenzia di viaggio: norme e regole: la scelta giuridica (impresa o società)


I controlli del fisco nelle agenzie di viaggi


Gli studi di settore


Lavoro dipendente e collaboratori


Documentazione


 


Premessa


Le agenzie di viaggi sono imprese che svolgono attività di organizzazione di soggiorni, viaggi, crociere per singoli e gruppi (tour-operators) o di vendita e intermediazione di viaggi e soggiorni organizzati da altre agenzie (dettaglianti). Svolgono inoltre attività di organizzazione di escursioni individuali e collettive, prenotazione e vendita biglietti, accoglienza e assistenza dei clienti, prenotazioni di alberghi e ristoranti, ritiro e deposito bagagli per conto del cliente, informazione turistica.


Per l’esercizio dell’attività di agenzia di viaggi occorre l’autorizzazione rilasciata dalla Provincia di competenza e che all’interno dell’azienda vi sia un direttore tecnico (titolare, legale rappresentante o dipendente) abilitato in base a superamento di specifico concorso regionale.


Inquadramento giuridico


AGENZIE DI VIAGGI E TURISMO


Codice attività ai fini fiscali: 63.30.1


Le agenzie di viaggi e turismo sono imprese che esercitano attività di produzione, organizzazione di viaggi e soggiorni, intermediazione nei predetti servizi o anche entrambe le attività, compresi i compiti di assistenza e di accoglienza ai turisti (Legge quadro per il turismo n° 217/1983, art. 9).


L’oggetto particolare del servizio offerto dalle agenzie, che qualifica anche il tipo di prestazione è, in entrambi i casi, il viaggio ceduto ad un “prezzo globale” o “forfettario” stabilito per una molteplicità di servizi.


Gli strumenti giuridici normalmente impiegati per definire tali rapporti sono:


– da una parte il contratto di viaggio i cui elementi costitutivi sono stati definiti da apposita disposizione di legge (L. 27/12/77 N° 1084) e per la cui conclusione è richiesta la forma scritta;


– dall’altra il contratto d’agenzia promosso dall’agente per conto del preponente, regolato dagli artt. 1742 e  segg. del C.C. e che non richiede una forma particolare.


Nel primo caso il corrispettivo è costituito dal prezzo globale, nel secondo caso dalla provvigione.


La legge distingue due figure tipiche professionali che operano mediante tale strumento contrattuale; esse sono “l’organizzatore di viaggio” e “l’intermediario di viaggio”.


il D. LGS. 17/3/95 n° 111 ha dato attuazione alla direttiva N. 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti “tutto compreso”. Detta legge si applica ai pacchetti turistici venduti dagli organizzatori (soggetti autorizzati e associazioni senza scopo di lucro), definiti all’art. 2 come quelli aventi ad oggetto i viaggi, le vacanze ed i circuiti “tutto compreso” e costituiti dalla prefissata combinazione di almeno due degli elementi indicati (trasporto, alloggio, servizi accessori in quanto significativi) di durata superiore alle 24 ore.


Pertanto, sotto la denominazione di AGENZIE DI VIAGGI E TURISMO, si classificano essenzialmente due tipologie:


– una prima, numericamente più vasta, comprendente i soggetti che operano nel mercato turistico a contatto con il pubblico sia come semplici intermediari che come organizzatori di viaggi;


– una seconda, molto più ridotta, comprendente quei soggetti che “producono” servizi in nome proprio ma senza vendita diretta al pubblico (tour operator) e che offrono il servizio tramite gli intermediari.


Tipicità dei servizi


La legge quadro per il turismo n. 217/1983 attribuisce la potestà di regolamentare le agenzie di viaggi e turismo alle Regioni che, fatte salve determinate prerogative, hanno a loro volta delegato alle Province alcuni compiti, tra cui il rilascio delle prescritte autorizzazioni.


 


Queste poche pagine costituiscono una piccola parte – INIZIALE – del libro/e-book (oltre 150 pagine) predisposto dal Dott. Vincenzo D’Andò.


 


Il libro puo’ essere inviato a chi ne fosse interessato, su file – via posta elettronica, ad un prezzo di 25 euro piu’ IVA, per un totale di euro 30,00.


 


 


 


Se sei interessato clicca qui per ordinarlo


aprile 2004


 


 


Partecipa alla discussione sul forum.