Elenco delle notizie Fiscali 2010

Filtro notizie
Titolo
Testo


 
|< < > >|     Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 

UNICO 2011: alcune novità del modello 2011

Sono pronte le prime bozze del modello Unico 2011. Sono presenti delle novità rispetto al modello scorso, sia nella grafica sia nei contenuti. Tra queste si segnala: la cedolare secca sugli affitti (imposta forfettaria del 20%), anche se limitata alla provincia dell'Aquila; l'introduzione di un credito d'imposta per il reintegro delle somme anticipate sui fondi pensione; l'introduzione di un credito d'imposta relativo alle mediazioni per la conciliazione di controversie civili e commerciali; il nuovo quadro QR che interessa i lavoratori dipendenti per chiedere il rimborso delle maggiori imposte pagate sulle somme percepite negli anni 2008 e 2009 per il conseguimento di elementi di produttività e redditività, o straordinario assoggettabili a imposta sostitutiva. Vengono confermate le proroghe: per lo sconto Irpef sulle somme percepite per incremento della produttività, con l'applicazione di una imposta forfetaria del 10%, sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali, nel limite di 6mila euro lordi; la detrazione per il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso, determinata dal sostituto d'imposta entro il limite di 149,50 euro; lo sconto Irpef del 36% per ristrutturazioni edilizie; lo sconto Irpef del 55% per le spese relative agli interventi di risparmio energetico degli edifici esistenti. Nel quadro RS vengono inserite due nuove sezioni dedicate alla Tremonti-tessile. ...altri approfondimenti ...
Giovedì, 30 Dicembre 2010

INPS: le istruzioni per il conguaglio di fine anno

L'Inps, nella circolare 162 del 27 dicembre, fornisce chiarimenti e precisazioni sulle operazioni di conguaglio di fine anno relative ai contributi previdenziali e assistenziali. Con precisione si legge: i datori di lavoro operanti con il flusso UniEmens potranno effettuare i conguagli, oltre che con la denuncia di competenza del mese di dicembre 2010 (con scadenza 17/1/2011), anche con quella di competenza del mese di gennaio (scadenza 16/2/2011), e con quella di febbraio 2011 (con scadenza 16 marzo 2011), considerando che tali operazioni riguardano anche il TFR al Fondo di tesoreria e le misure compensative, senza aggravio di oneri accessori. Approfondimento: i conguagli di fine anno 2010...
Mercoledì, 29 Dicembre 2010

TERRITORIALITA’ IVA: dal 1° gennaio 2011 cambiano le regole

Dal 1° gennaio prossimo cambio di regole per la territorialità Iva. Sono interessati professionisti e imprese con riferimento a partecipazioni a fiere ed expo, ed alle prestazioni di carattere scientifico. Fino a tutto il 2010 queste prestazioni (individuate dall’art. 7-quinquies del Dpr n. 633/72) sono regolate in base al criterio del luogo d'esecuzione a prescindere dalla qualifica del committente. Dal 2011, invece, saranno disciplinate in base alla natura del servizio e alla soggettività passiva del destinatario della prestazione, in altre parole rileveranno nello stato in cui è stabilito il committente che sia soggetto passivo ai fini dell'imposta, in applicazione della regola generale per i rapporti cosiddetti business to business. Continueranno, invece, ad essere soggetti ad imposta nello Stato di esecuzione della prestazione, i servizi nei confronti di committenti privati. Gli adempimenti di fine anno: tutto ciò a cui occorre fare attenzione
Mercoledì, 29 Dicembre 2010

770 MENSILE: ancora tre mesi per la sperimentazione

Il "770 mensile" slitta, per ora, di tre mesi. Il decreto milleproroghe approvato il 22 dicembre e in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, allunga la scadenza al 31 marzo 2011. E' possibile che detta scadenza sia ulteriormente prorogata al 31 dicembre 2011. La mensilizzazione è stata introdotta dalla finanziaria 2008 (legge 244/07) e prevede una semplificazione per i sostituti d'imposta: i datori di lavoro devono comunicare mensilmente i dati retributivi e le informazioni necessarie per il calcolo delle ritenute fiscali e conguagli, nonchè dei contributi.
Mercoledì, 29 Dicembre 2010

ACCERTAMENTO: le indagini bancarie

Con l’ordinanza n. 23428/10 la Cassazione chiarisce che il fisco può esaminare i movimenti bancari del contribuente a condizione di discernere tra le operazioni effettivamente riferibili all'attività di impresa e quelle, invece, riconducibili alla vita familiare. La vicenda trae spunto da un accertamento Irpef con contributi da versare al servizio sanitario nazionale per maggiori somme derivanti da indagini bancarie presso una società di cui il contribuente era socio e consigliere delegato. Le somme imputate al soggetto (contribuente), secondo la ricostruzione dei giudici d’appello, erano state, parte depositate dalla moglie dell’imprenditore, e, quindi, non potevano incidere nell’accertamento nei confronti del marito, parte derivavano dalla vendita di un suolo ricevuto in donazione, parte provenivano da fatture emesse regolarmente dichiarate. La Corte ha ritenuto esatto l'iter logico-giuridico che riconduceva i movimenti bancari presi in considerazione all'ambito familiare, anzichè all'attività professionale, dando torto all’Ufficio sulle motivazioni che avevano fatto scattare l’accertamento. ... alcuni approfondimenti ... - Enciclopedia fiscale
Martedì, 28 Dicembre 2010

ACCERTAMENTO: le indagini bancarie

Con l’ordinanza n. 23428/10 la Cassazione chiarisce che il fisco può esaminare i movimenti bancari del contribuente a condizione di discernere tra le operazioni effettivamente riferibili all'attività di impresa e quelle, invece, riconducibili alla vita familiare. La vicenda trae spunto da un accertamento Irpef con contributi da versare al servizio sanitario nazionale per maggiori somme derivanti da indagini bancarie presso una società di cui il contribuente era socio e consigliere delegato. Le somme imputate al soggetto (contribuente), secondo la ricostruzione dei giudici d’appello, erano state, parte depositate dalla moglie dell’imprenditore, e, quindi, non potevano incidere nell’accertamento nei confronti del marito, parte derivavano dalla vendita di un suolo ricevuto in donazione, parte provenivano da fatture emesse regolarmente dichiarate. La Corte ha ritenuto esatto l'iter logico-giuridico che riconduceva i movimenti bancari presi in considerazione all'ambito familiare, anzichè all'attività professionale, dando torto all’Ufficio sulle motivazioni che avevano fatto scattare l’accertamento. ... alcuni approfondimenti ...
Martedì, 28 Dicembre 2010

Contributo Integrativo Ingegneri ed Architetti

A partire dal 1° gennaio 2011, per gli iscritti agli Albi degli Ingegneri e degli Architetti, per le Società di Professionisti e per le Società di Ingegneria, l’aliquota del contributo integrativo è elevata dal 2% al 4%. Dal 1° gennaio 2011 su tutte le fatture emesse per prestazioni di natura professionale dovrà essere applicata la maggiorazione del 4% a titolo di contributo integrativo.
Martedì, 28 Dicembre 2010

STRUMENTI DI ACCERTAMENTO: spesometro e redditometro

Lo scopo principale del nuovo strumento (spesometro) è contrastare l’evasione Iva, nonché di individuare spese e consumi di particolare rilevanza ai fini della ricostruzione della capacità contributiva ai fini dell'accertamento sintetico. Dal 1° maggio 2011 gli acquirenti che effettueranno acquisti pari o superiore a 3.600 euro dovranno fornire il proprio codice fiscale al venditore; pertanto, questi ultimi, dovranno integrare la documentazione emessa (scontrino o ricevuta fiscale). Rilevare la capacità contributiva tramite le spese sostenute è il presupposto dell’accertamento sintetico. L’ammontare delle spese sostenute dal contribuente potrebbe anche essere sommato con quelle derivanti dal nuovo redditometro. Per quest'ultimo, si è in attesa dell'emanazione del provvedimento attuativo. I risultati delle indagini dei due strumenti si basano su metodi diversi: entrambi misurano la spesa, ma il redditometro esprime, attraverso coefficienti, la sostenibilità di detta spesa nel tempo, cioè la capacità di mantenimento nell'anno di un certo bene. tutti i dettagli sullo spesometro...
Lunedì, 27 Dicembre 2010

SPESOMETRO: il calendario parte il 1° maggio 2011

E’ pronto il calendario delle comunicazioni relative allo spesometro. Con provvedimento del direttore delle Entrate, pubblicato sul sito internet dell'Agenzia, si individuano soggetti, termini e modalità di trasmissione delle operazioni. Le comunicazioni Iva su clienti e fornitori avranno una partenza scaglionata, riguarderanno anche i non residenti e dovranno essere fatte anche in caso di operazioni collegate. Tutti i soggetti passivi Iva dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate le cessioni di beni e prestazioni di servizi rese e ricevute di importo pari o superiore a 3.000 euro al netto dell'Iva. Per le operazioni senza obbligo di emissione della fattura, il limite viene fissato a 3.600 euro al lordo dell'Iva. Per il 2010 il limite è fissato a 25.000 euro e riguarda solo le operazioni soggette a obbligo di fattura. Le operazioni non soggette a fattura dovranno essere comunicate solo con riferimento a quelle effettuate dal 1° maggio 2011. Le comunicazioni andranno inviate entro il 31 ottobre 2011, relativamente alle operazioni del 2010 e poi entro il 30 aprile di ogni anno.
Giovedì, 23 Dicembre 2010

LAVORO DOMESTICO: per la Cassazione è lavoro subordinato

Secondo la Cassazione, chiamata in causa dal ricorso di un’immigrata per il riconoscimento del Tfr e di altre indennità economiche derivanti da un rapporto di lavoro subordinato presso una famiglia, lo scambio di prestazioni domestiche fornite da una straniera estranea alla famiglia, in cambio di vitto alloggio e una seppur modesta retribuzione, configura un rapporto di lavoro subordinato con tutti i diritti che ne conseguono. La sentenza, depositata il 20 dicembre 2010 dalla sezione lavoro, contraddice quanto asserito in precedenza dal Tribunale e dalla Corte d’appello che avevano respinto l'istanza della colf accogliendo invece la posizione dei datori di lavoro, che sostenevano di aver preso la donna in famiglia per motivi umanitari e di averle offerto ospitalità e un contributo di 400mila lire al mese in cambio di un aiuto in casa. Il rapporto non è configurabile come “rapporto alla pari” come regolato dalla legge 304 del 1973. Secondo il Supremo collegio le prestazioni fornite dall'immigrata erano quelle tipiche del lavoro domestico.
Mercoledì, 22 Dicembre 2010

TERRITORIO: da gennaio i rilievi sulle case fantasma

Da gennaio 2011 l’Agenzia del territorio attribuirà le rendite catastali alle case che sinora non sono state denunciate spontaneamente. In base al DL 78/2010, entro il 31 dicembre i proprietari di immobili che non risultavano sulle mappe catastali o con variazioni non accatastate, devono denunciarle agli uffici dell'agenzia del Territorio. Ci sono ancora pochi giorni per mettersi in regola rivolgendosi a un tecnico professionista iscritto a un albo (ingegneri, architetti, geometri, dottori agronomi, periti industriali edili, periti agrari, agrotecnici). L'accatastamento di un edificio richiede due operazioni: l'aggiornamento della mappa catastale e la denuncia al catasto dei fabbricati con la proposta di rendita. Entro lo stesso termine devono essere regolarizzate tutte le unità immobiliari, iscritte al catasto fabbricati, che abbiano subito modificazioni della consistenza o della destinazione d'uso, tali da comportare la modifica della rendita. Con la circolare 2/2010 l’Agenzia del territorio ha precisato che lo spostamento di una porta interna o di un tramezzo non influiscono sulla consistenza e non richiedono l'aggiornamento catastale.
Mercoledì, 22 Dicembre 2010

LEGGE DI STABILITA’ 2011: l’accertamento parziale

L’articolo 1, comma 17, della legge di stabilità 2011 allarga il campo di azione dell'accertamento parziale sia per le imposte sui redditi sia per l'Iva. L'accertamento parziale, nella sua formulazione storica, scatta qualora da segnalazioni, accessi, ispezioni o verifiche siano stati acquisiti elementi probatori sufficienti per stabilire l'esistenza di un reddito non dichiarato o il maggior ammontare di un reddito parzialmente dichiarato; in riferimento all'Iva, al contribuente può essere contestato un maggior importo di corrispettivi, o deduzioni completamente o parzialmente non spettanti. Le integrazioni apportate ampliano la portata dell’accertamento parziale alle seguenti attività: inviti a comparire rivolti ai contribuenti con la richiesta di dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti anche a seguito delle indagini finanziarie; inviti per l’esibizione o trasmissione di atti e documenti rilevanti ai fini dell'accertamento; questionari inviati ai contribuenti per ottenere dati e notizie di carattere specifico rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti o anche nei confronti di altri soggetti passivi d'imposta con i quali abbiano intrattenuto rapporti. .. vedi anche .. - la sezione dedicata alla Legge Finanziaria 2011...
Martedì, 21 Dicembre 2010

LEGGE DI STABILITA’ 2011: l’accertamento parziale

L’articolo 1, comma 17, della legge di stabilità 2011 allarga il campo di azione dell'accertamento parziale sia per le imposte sui redditi sia per l'Iva. L'accertamento parziale, nella sua formulazione storica, scatta qualora da segnalazioni, accessi, ispezioni o verifiche siano stati acquisiti elementi probatori sufficienti per stabilire l'esistenza di un reddito non dichiarato o il maggior ammontare di un reddito parzialmente dichiarato; in riferimento all'Iva, al contribuente può essere contestato un maggior importo di corrispettivi, o deduzioni completamente o parzialmente non spettanti. Le integrazioni apportate ampliano la portata dell’accertamento parziale alle seguenti attività: inviti a comparire rivolti ai contribuenti con la richiesta di dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti anche a seguito delle indagini finanziarie; inviti per l’esibizione o trasmissione di atti e documenti rilevanti ai fini dell'accertamento; questionari inviati ai contribuenti per ottenere dati e notizie di carattere specifico rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti o anche nei confronti di altri soggetti passivi d'imposta con i quali abbiano intrattenuto rapporti. .. vedi anche ..
Martedì, 21 Dicembre 2010

INAIL: pubblicata la guida all’autoliquidazione 2011

Sul proprio sito internet, www.inail.it, l’istituto ha pubblicato la guida all'autoliquidazione 2011. Da quest'anno è esclusivamente in formato elettronico. Le novità di rilievo sono: nel modulo 1031 (la dichiarazione delle retribuzioni) è stata inserita la casella SI (certifico essere in possesso dei requisiti ex lege 296/2006, art. 1, commi 780 e 781); la casella deve essere barrata dalle imprese artigiane per l’ammissione al beneficio della riduzione contributiva in occasione dell’autoliquidazione 2011/2012; nel paragrafo “casi particolari” presente alla sezione informazioni generali, è stato previsto l'obbligo per le aziende artigiane senza dipendenti di presentare la dichiarazione delle retribuzioni, al fine di usufruire della riduzione contributiva; infine, è stato inserito il nuovo paragrafo pagamenti dei premi INAIL modello F24 – Enti Pubblici (EP).
Martedì, 21 Dicembre 2010

INTERESSI LEGALI: fissato il limite per il 2011

Con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 7 dicembre 2010 è fissato il nuovo limite degli interessi legali per il 2011. Con decorrenza 1° gennaio la percentuale applicabile è 1,5% su base annua, con un aumento dello 0,5% rispetto al 2010 vedi tabella... - semplicissimo software per il calcolo degli interessi legali...
Lunedì, 20 Dicembre 2010

TRANSFER PRICING: la presentazione entro il 28 dicembre della comunicazione mette al riparo dalle sanzioni

Secondo la circolare 58/E – Agenzia delle entrate - la presentazione della comunicazione relativa alla documentazione sui prezzi di trasferimento entro il 28 dicembre prossimo mette al riparo dalle sanzioni. Il principio applicabile è quello del favor rei, in base al quale il regime di disapplicazione delle sanzioni può valere anche per le violazioni commesse prima della disposizione più favorevole. Per gli accertamenti definitivi, la circolare chiarisce che se il pagamento è già avvenuto non è ammessa la restituzione di quanto pagato. In caso di attività di verifica in corso o ultimate, ma non ancora perfezionate in atti di accertamento, è necessario trasmettere la comunicazione entro il 28 dicembre per accedere al regime premiale; l'ufficio valuterà la documentazione già prodotta nel corso della verifica e la sua idoneità rispetto a quanto previsto dal provvedimento. Il termine del 28 dicembre rappresenta pertanto una scadenza non superabile per l'invio della comunicazione. vedi importante approfondimento...
Lunedì, 20 Dicembre 2010

INTERESSI LEGALI: fissato il limite per il 2011

Con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 7 dicembre 2010 è fissato il nuovo limite degli interessi legali per il 2011. Con decorrenza 1° gennaio la percentuale applicabile è 1,5% su base annua, con un aumento dello 0,5% rispetto al 2010 vedi tabella...
Lunedì, 20 Dicembre 2010

CHIARIMENTI: la circolare delle Entrate 57/E sulla Tremonti tessile

Con la circolare 57/E l'Agenzia aggiorna le istruzioni sulla detassazione dei campionari delle imprese tessili fornite con la circolare 22/E/2010. Il limite di 500.000 euro di risparmio fiscale, previsto dalla Tremonti tessile, vale anche per calcolare la percentuale di riparto dell'incentivo complessivo. Il chiarimento si è reso necessario vista l’imminente scadenza, 31 dicembre, per l'invio del modello di prenotazione. L'agevolazione interessa anche i soggetti che svolgono le attività di ricerca per conto di altre imprese, purché queste siano localizzate nella Ue o nello spazio economico europeo. Per la verifica della soglia, occorre moltiplicare i costi detassabili per l'aliquota di imposta del contribuente (comprendendo le addizionali) tenendo conto anche di altri aiuti di cui al Dpcm 3/6/09 e in regime de minimis conseguiti nel triennio 2008-2010. vedi approfondimento...
Venerdì, 17 Dicembre 2010

SPESOMETRO: le operazioni “business to business” alzano la soglia

Il nuovo spesometro (elenco clienti e fornitori rivisitato) alza la soglia di ingresso per gli operatori economici titolari di partita Iva: 25 mila euro. Per evitare intoppi burocratici, vista l’introduzione di quest’onere nel corso dell’anno, e grazie alle indicazioni delle associazioni di categoria, le Entrate hanno alzato la soglia minima per il 2010 originariamente fissata a 3.500 euro. Le comunicazioni delle operazioni B2B 2010 dovrebbero essere fatte cumulativamente entro ottobre 2011; quelle del 2011, invece, dovrebbero vedere fissata la scadenza tra maggio e giugno 2012
Giovedì, 16 Dicembre 2010

DECRETO FLUSSI 2010: sono tre gli appuntamenti per l’assunzione telematica degli immigrati

Tre click day per l’assunzione telematica degli immigrati. Al via saranno i lavoratori provenienti dai paesi legati dagli accordi di cooperazione (Egitto, Albania, Marocco, Tunisia, Filippine, Sri Lanka); la seconda tornata vedrà protagonisti colf e badanti delle altre nazionalità; l’ultima tutti i lavoratori provenienti dagli altri paesi e per gli altri settori. Il decreto prevede quattromila ingressi per lavoratori che hanno partecipato a programmi di formazione nei paesi di provenienza; cinquecento per discendenti di italiani in Argentina, Uruguay, Venezuela, Brasile inseriti negli elenchi dei Consolati. Le domande online saranno presentate dai datori di lavoro. Il calendario sarà reso noto con la pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale.
Giovedì, 16 Dicembre 2010

CHIARIMENTI: risoluzione dell’Agenzia delle entrate sulla detassazione degli straordinari

La risoluzione 130/E dell’Agenzia delle entrate chiarisce che non sono dovute prove aggiunte documentali agli organi ispettivi quando, in relazione alla detassazione degli straordinari, lavoro notturno o a turni, il datore attesta nel CUD il requisito della rilevanza produttiva o efficienza organizzativa delle somme corrisposte. La corretta applicazione dell’imposta sostitutiva sulle somme aggiuntive è stata oggetto di numerosi chiarimenti da parte delle Entrate. Al fine di fornire un’interpretazione corretta della locuzione “incrementi produttivi – efficienza organizzativa” l’Agenzia in accordo con il Ministero ha chiarito che “gli incrementi non devono necessariamente consistere in risultati, dal punto di vista quantitativo, superiori a quelli ottenuti in precedenti gestioni, basta che rappresentino un risultato ritenuto positivo per l’impresa”. ... il diario fiscale ...
Mercoledì, 15 Dicembre 2010

NOVITA’: dal 2011 un nuovo strumento di comunicazione – lo spesometro

Dall’autunno 2011 un nuovo strumento di comunicazione entrerà a far parte della già nutrita schiera di adempimenti dei cittadini contribuenti: lo spesometro. Per gli operatori economici rappresenterà, infatti, una versione semplificata dell’elenco clienti-fornitori soppresso nel 2008. Interesserà tutti i contribuenti che effettueranno acquisti superiori a 3.500 euro. Secondo quanto ipotizzato dai tecnici dell'Agenzia delle entrate, il debutto del nuovo strumento avverrà entro la fine di ottobre 2011; il primo monitoraggio sugli acquisti effettuati dai consumatori finali dovrebbe invece scattare a maggio 2012, e riguardare le operazioni effettuate nel 2011, escludendo quindi gli acquisti di queste ultime settimane dell'anno. Si tratterà di una comunicazione unica telematica su tutte le operazioni rilevanti avvenute nel corso dell'anno precedente Le date così distanti non devono ingannare, la raccolta di informazioni comincerà prima: per le attività tra imprese l'avvio sarà praticamente immediato (il provvedimento del direttore dell'agenzia dovrebbe arrivare in settimana), per quelle che riguardano i consumatori l'avvio sarà a metà 2011 (anche se è possibile un periodo-finestra di qualche mese).
Martedì, 14 Dicembre 2010

LAVORO AGRICOLO: l’indennità di disoccupazione in caso di dimissioni

Con il messaggio n. 31253 del 10 dicembre 2010, l’INPS porta a conoscenza degli interessati che per il lavoro agricolo, qualora il lavoratore abbia concluso, prima della sua naturale scadenza, il suo unico rapporto di lavoro dando le proprie dimissioni per accedere al pensionamento di vecchiaia o anzianità, anche senza soluzione di continuità tra la cessazione del rapporto di lavoro e il pensionamento, non ha titolo all'indennità di disoccupazione agricola. Invece, se le dimissioni sono date per accedere alla pensione di inabilità, ha diritto alla disoccupazione agricola.
Martedì, 14 Dicembre 2010

LA CASSAZIONE SANCISCE LA DEDUCIBILITA’ DEI COMPENSI AI MANAGER

La sentenza n. 24957 del 10 dicembre 2010 della Corte di Cassazione sancisce la piena deducibilità dei compensi ai manager. L’amministrazione finanziaria non può neanche mettere in discussione i loro importi, riportandoli a “valore normale”. La sentenza è un passo importante al disbrigo della confusione sulla materia. La stessa Cassazione, la scorsa estate, con un'ordinanza, aveva negato la possibilità di dedurre i compensi per gli amministratori delle società di capitali, in quanto assimilati a imprenditori (ordinanza 18702 del 13 agosto 2010). Le due pronunce sono in contrapposizione. A settembre il governo nel rispondere a un'interrogazione parlamentare, che chiedeva come si intendesse rimediare alla situazione che si era creata dopo quella pronuncia, aveva semplicemente richiamato le norme che apertamente consentono la deducibilità dei compensi, senza accennare a possibili interventi che apparivano inutili, data la chiarezza delle regole. Quest’ultima sentenza, ignorando l’ordinanza di agosto, indica come spesso i giudici cambino parere, anche se in questo caso si recupera un “errore” a favore del contribuente. vedi specifico approfondimento...
Lunedì, 13 Dicembre 2010

CASSAZIONE: la Corte conferma la linea di esenzione dall’Irap per i medici di base

Secondo la Corte di Cassazione (ordinanza n. 24953/2010) il medico di base convenzionato non paga l’Irap, sempre che l’organizzazione dello studio rispetti quanto previsto dalla convenzione del servizio sanitario nazionale. La Corte ritiene che per il medico di medicina generale convenzionato SSN la prova dell’autonoma organizzazione non è fornita dall’utilizzo di quelle attrezzature obbligatorie previste dalla convenzione (sono beni strumentali indispensabili, e come tali rispondono al requisito della minimalità), è necessario verificare caso per caso la sussistenza dell’autonoma organizzazione. In assenza di questo elemento, il medico è esentato dall’imposizione. .. la sezione IRAP ..
Venerdì, 10 Dicembre 2010

INAIL: oscillazione del tasso per l’autoliquidazione 2011 e nuovo mod. OT/24

Entro il 31 dicembre di ogni anno le aziende ricevono dall’INAIL i dati utili per effettuare l'autoliquidazione 2011, in particolare per quanto riguarda l'eventuale oscillazione del tasso di premio legata agli eventi infortunistici. Entro il prossimo 31 gennaio le aziende che hanno messo a norma i luoghi di lavoro ed hanno effettuato interventi volti al miglioramento delle condizioni di sicurezza possono presentare o spedire istanza di riduzione del tasso medio di tariffa. All’uopo è disponibile il nuovo modello OT/24, che contiene alcune novità orientate ad una più chiara definizione delle tipologie aziendali ammissibili al beneficio.
Venerdì, 10 Dicembre 2010

NUOVA “488”: fermento per l’invio delle richieste

Ecco il calendario per l’invio delle richieste telematiche della nuova “488”: dalle ore 11 di oggi si potranno inviare le istanze, comprensive degli allegati obbligatori, delle imprese con programmi di investimento concernenti il raggiungimento di specifici obiettivi di innovazione, miglioramento competitivo e tutela ambientale, da domani le richieste delle imprese con progetti nel settore energetico, da sabato le richieste delle imprese che propongono progetti di industrializzazione di precedenti programmi qualificati di ricerca. Prima dell’invio è bene fare alcune verifiche: i soggetti beneficiari devono essere imprese già costituite all'atto della presentazione della domanda ed essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti civili, non essere in liquidazione volontaria e non sottoposte a procedure concorsuali. Le grandi imprese devono dimostrare l'effetto incentivante. Occorre inquadrare nel modo giusto il programma di spesa proposto, per evitare spiacevoli sorprese in corso di istruttoria. E’ necessaria una approfondita analisi del mercato di riferimento, del trend e delle prospettive future, anche con riguardo alla concorrenza. Questa analisi, insieme alla rappresentazione tecnica e alle elaborazioni economico-finanziarie previsionali legate all'investimento, saranno gli elementi fondamentali su cui si baserà l'istruttoria discrezionale del soggetto gestore. La documentazione richiesta va spedita anche in cartaceo. ..il Forum del commercialista telematico ...
Giovedì, 09 Dicembre 2010

CASSAZIONE: il litisconsorzio si applica anche alle associazioni di professionisti

L’ordinanza di Cassazione (n. 24674 depositata ieri) stabilisce che regole sul litisconsorzio necessario si applicano anche alle associazioni tra professionisti; l’immediata conseguenza è che un procedimento instauratosi nei confronti di un associato, per maggior reddito contestato all'associazione, deve essere esteso a tutti gli altri interessati (associati e associazione). Il caso parte dal ricorso di un socio di uno studio associato contro il maggior reddito addebitatogli in conseguenza di una rettifica eseguita all'associazione. Secondo l’amministrazione l'accertamento relativo al reddito di associazione tra professionisti interessava necessariamente tutti gli altri soci e la stessa associazione. E la Corte ha condiviso la tesi della sussistenza del litisconsorzio necessario: in particolare, nel caso esaminato, trova applicazione il principio espresso dalle Sezioni unite della Cassazione (sentenza 14815/2008) in tema di litisconsorzio necessario tra soci e società di persone, applicabile, per identità di situazioni, anche alle associazioni tra professionisti.
Martedì, 07 Dicembre 2010

GLI OMAGGI NATALIZI

Come ogni anno in questo periodo si presentano in deduzione le piccole spese per omaggi natalizi. La normativa di riferimento vuole che le spese di modico importo, fino a 50 euro comprese di Iva indetraibile e degli eventuali oneri accessori (spese di trasporto per esempio), siano completamente deducibili, quelle superiori, unitamente alle altre spese di rappresentanza, possono essere dedotte solo se superano il test di congruità con un limite parametrato ai ricavi tipici dell’impresa. Per le liberalità in natura ai dipendenti, il limite annuale è di 258,23 euro a lavoratore. Se il dono è complesso, cioè composto da più beni, al fine del valore unitario si considera il valore complessivo dei beni e non quello del singolo bene (per esempio i cesti natalizi).
Lunedì, 06 Dicembre 2010

CASSAZIONE: licenziamento per giusta causa

La Cassazione (sentenza n. 22170/2010) si esprime sul caso di licenziamento per giusta causa e sulla proporzionalità fra infrazione e sanzione. In particolare, il giudizio sul licenziamento, ai fini della proporzionalità fra fatto addebitato e recesso, è influenzato da ogni comportamento che, per la sua gravità, faccia venir meno la fiducia del datore di lavoro al punto da fargli ritenere che la continuazione del rapporto possa recare un pregiudizio per gli scopi aziendali, essendo determinante l'influenza che sul rapporto di lavoro sia in grado di esercitare il comportamento del lavoratore quando appaia suscettibile di condizionamento alla correttezza dell'adempimento, e denoti una scarsa inclinazione ad attuare diligentemente gli obblighi assunti. Il giudice di merito deve valutare la congruità della sanzione espulsiva tenendo conto di ogni aspetto concreto della vicenda processuale, dando un apprezzamento unitario e sistematico della sua gravità rispetto ad un'utile prosecuzione del rapporto di lavoro, assegnandosi a tal fine preminente rilievo alla configurazione che delle mancanze addebitate faccia la contrattazione collettiva, ma pure all'intensità dell'elemento intenzionale, al grado di affidamento richiesto dalle mansioni svolte dal dipendente, alle precedenti modalità di attuazione del rapporto, alla sua particolare natura e tipologia.
Lunedì, 06 Dicembre 2010

DICHIARAZIONI 2011: è in linea sul sito delle Finanze la bozza di Iva 2011

Sul sito dell’Agenzia delle entrate sono state diffuse le bozze dei modelli dichiarativi Iva 2011. Tra le novità, quella più di rilievo è la scomparsa del quadro VR in forma cartacea per chiedere il rimborso Iva. Il nuovo quadro, anch’esso denominato VR, sarà da allegare al modello Iva 2011 (ordinario o semplificato) e spedito in via telematica. Come per lo scorso anno la dichiarazione potrà staccarsi da Unico e spedirsi in via autonoma a partire dal prossimo 1° febbraio; e ciò per consentire la compensazione dei crediti Iva superiori a 10 mila euro. Il modello mantiene la sua struttura modulare composta da un frontespizio e vari moduli. ... la sezione IVA ...
Venerdì, 03 Dicembre 2010

SICUREZZA DEL LAVORO: anche il privato è responsabile degli infortuni dei prestatori di manodopera

La Corte di cassazione, con la sentenza n.42465/2010, conferma la responsabilità del privato cittadino che si avvale di manodopera per lavori nella propria abitazione, in caso di infortunio dell’operaio. Il personale occupato nelle civili abitazioni per effettuare lavori di manutenzione, deve essere supportato da tutte le misure di sicurezza previste dal decreto sicurezza sul lavoro. Il caso parte dalla morte di un operaio in un appartamento: la caduta da una scala causava l’incidente. Secondo i giudici, il committente che si assume il rischio dell'organizzazione, deve sempre verificare l'idoneità del lavoratore ingaggiato, la sua regolarità con iscrizione all’albo artigiani, alla Camera di commercio, i sistemi di sicurezza che adotta. Il Supremo collegio individua nel DL 626, del 1994, il sistema più esteso di tutela a garanzia della salute dei lavoratori e specifica il raggio d'azione di una norma che, seppure tarata su diversi modelli di lavoro subordinato, esplica la sua funzione anche al di là del lavoro dipendente, come chiaramente indicato dall'articolo 7. .. la sezione lavoro ...
Giovedì, 02 Dicembre 2010

CASSAZIONE: l’indebita compensazione non è “protetta” dal condono tombale

Secondo la Cassazione penale (sentenza n. 42462, della III sezione depositata il 30 novembre 2010), l’indebita compensazione resta reato anche in caso sia stato effettuato un condono tombale e pure nel caso di compensazioni verticali. La pronuncia ha respinto il ricorso di una società a cui veniva contestata la compensazione di un credito Iva inesistente, che aveva prodotto un importante risparmio d'imposta. In particolare, la corte ha fornito importanti indicazioni sull'applicazione dell'articolo 10 quater del DL 74/2000 che ha per oggetto i casi di indebita compensazione. La sentenza osserva che non è d'ostacolo all'accertamento della violazione e all'esercizio dell'azione penale l’adesione al condono tombale previsto dalla Finanziaria per il 2003; si legge: “l'adesione del contribuente alla definizione automatica delle annualità pregresse, se comporta che non possono essere apportate modifiche agli importi dichiarati a seguito della definizione automatica, non sottrae all'ufficio il potere di contestare il credito”.
Giovedì, 02 Dicembre 2010

ENPALS: la mora sulle sanzioni civili

La circolare n. 17 del 30 novembre 2010 dell’Ente di previdenza porta a conoscenza che, a decorrere dal 1° ottobre 2010, la misura dell'interesse di mora applicabile sull'importo del solo debito contributivo, dopo il raggiungimento del tetto massimo delle sanzioni civili relative alle ipotesi di omissione ed evasione contributiva, è pari al 5,7567% in ragione d'anno, in virtù del provvedimento dell'Agenzia delle entrate del 7 settembre 2010.
Giovedì, 02 Dicembre 2010

SCADENZE FISCALI: Ici alla cassa entro il 16 dicembre

Il saldo dell’Ici 2010 è in scadenza. I contribuenti proprietari o titolari di diritti reali di godimento su fabbricati, aree edificabili, terreni agricoli sono tenuti al versamento del saldo dell’imposta entro il 16 di questo mese di dicembre, a meno che si era già versata un’unica rata a giugno conoscendo la delibera comunale relativa alle aliquote 2010. L’imposta è dovuta per anno solare e in proporzione della quota posseduta. Obbligati al pagamento sono oltre il proprietario dell’immobile, anche i titolari del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, il superficiario, l’enfiteuta, il locatario finanziario, il concessionario di aree demaniali. Tra i diritti reali si annovera il diritto di abitazione che spetta al coniuge superstite. Non è soggetto all’imposizione il nudo proprietario, il locatario, l’affittuario, il comodatario, in quanto non sono titolari di diritto reale ma utilizzano l’immobile in base ad un contratto specifico.
Mercoledì, 01 Dicembre 2010

SCADENZE FISCALI: il 10 dicembre la dichiarazione dei produttori di vino

Entro il prossimo 10 dicembre i produttori di vino ed i produttori di uve da mensa devono presentare la dichiarazione di produzione e raccolta uve dell’ultima campagna vendemmiale al 30 novembre 2010. L’adempimento riguarda anche i produttori che hanno acquistato o trasformato prodotti a monte del vino e li hanno ceduti entro il 30 novembre, e chi, sempre entro la stessa data, detiene prodotti diversi dal vino con altra destinazione. Sono esonerati: i produttori che cedono la totalità dell’uva ad un organismo associativo; i produttori con vigneti di superficie inferiore a 1.000 mq destinati interamente all’autoconsumo. Dalla dichiarazione di produzione sono esonerati coloro che, in proprio o tramite l’organismo associativo, producono una quantità di vino inferiore a 10 Hl non oggetto di commercializzazione. La dichiarazione deve essere trasmessa in via telematica all’AGEA, tranne che per Lombardia, Toscana, Piemonte, Veneto. ... le altre novità del giorno ...
Martedì, 30 Novembre 2010

LAVORO: il procedimento disciplinare a carico del lavoratore

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza n. 21760 del 22 ottobre 2010) il lavoratore non può subire, per uno stesso fatto, due volte il procedimento disciplinare. In particolare, il datore di lavoro, una volta esercitato validamente il potere disciplinare nei confronti del lavoratore per fatti costituenti infrazioni, non può ripetere una seconda volta, per quegli stessi fatti, il detto potere, essendogli consentito soltanto di tener conto delle sanzioni eventualmente applicate, entro il biennio, ai fini della recidiva, nonché dei fatti non tempestivamente contestati o contestati ma non sanzionati.
Martedì, 30 Novembre 2010

SCADENZE FISCALI: il 28 dicembre l’invio della comunicazione Transfer Pricing

Entro il prossimo 28 dicembre va inoltrata, per la prima volta, la comunicazione Transfer Pricing. Si tratta della predisposizione di documentazione delle transazioni intercompany sugli anni pregressi in base a quanto previsto dal provvedimento licenziato il 29 settembre 2010. Il documento deve contenere indicazioni precise e oggettive sulle operazioni; ogni pagina deve essere siglata dal legale rappresentante; non vanno indicate le transazioni tra società correlate italiane, se non in modo sommario; è possibile raggruppare le transazioni con caratteristiche uguali in termini di comparabilità e di metodo di transfer pricing adottato. La comunicazione può anche essere trasmessa dopo la data indicata, purché prima dell’inizio di accessi, ispezioni, verifiche, altri accertamenti dei quali il soggetto abbia avuto comunicazione.
Lunedì, 29 Novembre 2010

SCADENZE FISCALI: il 1° dicembre l’invio delle domande per il settore tessile/abbigliamento

Dal 1° dicembre sarà possibile inviare telematicamente le domande per ottenere il bonus fiscale del settore tessile/abbigliamento. Il modello CRT contiene tutti i dati sugli investimenti fatti nel 2010 in attività di ricerca industriale e sviluppo dalle imprese del settore tessile comprese nella divisione 13 o 14 della tabella Ateco 2007. L’agevolazione, prevista dal DL 40/2010, consiste nell’esclusione dall’imposizione sul reddito d’impresa delle spese di ricerca e sviluppo finalizzate alla realizzazione dei campionari sostenute nell’anno in corso. Il bonus si fruisce solo in occasione del versamento del saldo delle imposte sul reddito; gli acconti di imposta del periodo successivo saranno calcolati tenendo conto dell’imposta piena che si sarebbe dovuta versare senza l’utilizzo del bonus.
Lunedì, 29 Novembre 2010

IMPOSTE: le riduzioni degli acconti per chi entra nel regime di minimi nel 2010

Il contribuente che entra nel regime dei minimi nel 2010, perché il fatturato 2009 è sceso sotto i 30.000 euro rispetto a quello 2008, non può ridurre l’acconto Irpef 2010 determinandolo con il metodo previsionale, in quanto vietato per chi accede al nuovo regime senza Iva. Per determinare l'acconto Irpef dovuto per l'anno in cui avviene il passaggio non si tiene conto dell'adesione al nuovo regime lo si calcola con il metodo storico (circolare 13/E/2008). Non si evita, quindi, il pagamento dell'acconto Irpef 2010, neanche considerando che, applicando il regime dei minimi, si verserà, sul reddito d'impresa o professionale 2010, solo l'imposta sostitutiva del 20 per cento. L'agenzia delle Entrate ha confermato che l'omesso o insufficiente versamento di tale acconto espone il contribuente alla sanzione del 30%, anche in difetto di conguaglio in sede di dichiarazione, cioè neanche se in Unico residua un credito Irpef. L'obbligo di applicare il metodo storico è previsto solo per l'acconto Irpef e non per quello Irap, vale, invece, per l'acconto Iva 2010, in scadenza il 27 dicembre. Non vi sono norme particolari nel caso inverso, cioè se un contribuente minimo passi al regime ordinario nell'anno o nell'anno successivo: si possono applicare sia il metodo storico, sia quello previsionale. vedi approfondimento in materia...
Venerdì, 26 Novembre 2010

RATEAZIONI: l’istanza di rateazione per il Durc positivo ha la priorità

L’INPS, con la circolare 148/2010 ad integrazione della circolare 106/2010, ribadisce che l’istanza di rateazione presentata a Equitalia a fronte del rilascio del Durc positivo ha priorità rispetto alle istanze di rateazione diverse. Se l’azienda risulta debitrice nei confronti dell’Istituto, quindi soggetta ad emissione di Durc negativo, lo stesso Istituto deve darne comunicazione al contribuente al fine di permettergli di sanare il debito entro 15 giorni. Secondo la nuova disciplina, entrata in vigore il 3 agosto 2010, il contribuente ha la possibilità di presentare una nuova istanza per debiti maturati nel corso della vecchia rateazione, purché in regola con i versamenti già scaduti
Giovedì, 25 Novembre 2010

ABRUZZO: da gennaio riprendono gli adempimenti contributivi e fiscali

Il 20 dicembre scade il periodo di sospensione per il versamento di imposte e contributi a favore dei terremotati abruzzesi. Da gennaio si riprende l’iter dei versamenti. I contribuenti con sede legale o residenza nei comuni all’interno della zona colpita dal sisma inizieranno i versamenti che potranno essere dilazionati fino ad un massimo di 120 rate mensili senza sanzioni e senza interessi.
Giovedì, 25 Novembre 2010

LAVORO: la certificazione di malattia dopo il collegato

In materia di malattia e certificati medici il collegato al lavoro estende le regole del pubblico impiego al privato. E’ l’art. 25 della Legge 183/2010 a prevederlo. Necessita però di chiarimenti la sua applicazione. Atteso che i medici sia per il pubblico sia per il privato sono già obbligati a trasmettere telematicamente i certificati di malattia all’Inps, il lavoratore è esentato dalla trasmissione dello stesso all’istituto. Il problema nasce per la consegna del certificato al datore di lavoro; nel settore pubblico è previsto che sia l’Istituto a darne comunicazione all’ente, nel privato l’art. 1 della Legge 311/04 prevede che entro due giorni dal rilascio il lavoratore trasmetta a mezzo raccomandata al datore il certificato di malattia. E’ qui che si crea confusione: se la norma del pubblico impiego è estesa al privato diventerebbe l’Inps obbligato a trasmettere la certificazione anche al datore di lavoro, ma non è ben intesa l’intenzione del legislatore. Sarebbe necessario un intervento chiarificatore. consulta la sezione LAVORO ....
Mercoledì, 24 Novembre 2010

NOVITA’: il nuovo ravvedimento operoso e Unico 2010

Chi ha omesso di presentare la dichiarazione 2010 ha tempo fino al 29 dicembre per inviarla con ritardo. Le dichiarazioni presentate entro 90 gg. dalla scadenza (30 settembre 2010) si intendono regolarmente inviate. Le nuove misure sulle riduzioni da ravvedimento operoso, entrando in vigore per le violazioni commesse dal prossimo 1° febbraio, non intaccano la possibilità di regolarizzare questa omissione con le vecchie sanzioni. La norma sul ravvedimento operoso dispone che, nel caso di dichiarazione omessa, la stessa può essere regolarizzata nei 90 giorni successivi con le sanzioni ridotte a un dodicesimo del minimo, per l’esattezza 21 euro, pari a un dodicesimo di 258 euro. L’imposta a debito scaturente dalla dichiarazione può essere versata aumentata della sanzione del 3%, pari a un decimo della sanzione edittale del 30%, se avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva. vedi approfondimento...
Martedì, 23 Novembre 2010

SICUREZZA DEL LAVORO: dal 1° gennaio 2011 sarà operativo l’obbligo valutazione rischi da stress

Dal 1° gennaio prossimo la valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato diventa operativa, i datori pubblici e privati dovranno esaminare le fonti di rischio da stress e inserirle nel documento aziendale. La commissione consultiva permanente per la salute nei luoghi di lavoro, istituita presso il ministero del Welfare, ha approvato nella riunione del 17 novembre le linee guida che serviranno per gli adempimenti previsti dagli articoli 6, comma 8, lettera m-quater, e 28, comma 1-bis, del testo unico sulla sicurezza (DL n. 81/08). Le imprese hanno più tempo per adeguarsi, ma è consigliabile programmare per tempo le operazioni per non correre il rischio di trovarsi impreparate all’avvio dell’adempimento. approfondimento ...
Lunedì, 22 Novembre 2010

LOTTA ALL’EVASIONE: il redditometro colpirà i richiedenti il modello ISEE

Il direttore dell’Agenzia delle entrate ha annunciato l’applicazione del redditometro per chi chiede i benefici di prestazioni agevolate attraverso l’uso del modello ISEE. In particolare, il nuovo redditometro, una volta messo a punto, sarà la modalità di controllo più adatta per effettuare le verifiche su chi beneficia di agevolazioni utilizzando il modello ISEE, come prevede il Dl 78 del 2010. Bisognerà quindi fare molta attenzione da parte di chi chiede il modello per usufruire di prestazioni agevolate (per esempio la retta dell’asilo): il rischio non è che questa venga negata, ma che scatti l’accertamento; si vuole così punire chi evade le tasse, ma anche chi sottrae risorse destinate ai più bisognosi. tutto sul redditometro...
Lunedì, 22 Novembre 2010

FINANZIARIA 2011: approvato il bonus energetico

Via libera alla proroga dell'ecobonus del 55%. Così si è chiuso ieri il dibattito e l'esame di Montecitorio sulla nuova finanziaria che attende oggi il via libera della Camera. La proroga è stata sostenuta da tutti i gruppi e promessa fin da subito dal governo; ora è spendibile in dieci anni anziché nei cinque anni come avviene attualmente. la pagina dedicata alla Finanziaria 2011
Venerdì, 19 Novembre 2010

LOTTA ALL’EVASIONE: le comunicazioni delle operazioni rilevanti ai fini Iva

La manovra estiva (DL 78/2010) ha introdotto l’obbligo di comunicare in via telematica le operazioni rilevanti ai fini Iva di importo superiore a 3.000 euro. Nel forum Lavoro del 17 novembre, il direttore delle Entrate Attilio Befera ha anticipato che le comunicazioni non dovranno essere effettuate per ogni operazione superiore al limite indicato, ma saranno cumulative. Il calendario di attuazione non è ancora chiarito, come pure le modalità attuative: sarà un provvedimento dello stesso direttore a renderlo noto. I professionisti del settore sono in fermento, il ritardo potrebbe portare disagi alle case software per la predisposizione degli applicativi, agli stessi professionisti che dovranno studiare, evidenziare i dubbi e le soluzioni, alle Entrate di rispondere con le circolari interpretative. Considerando i vari adempimenti di cui ormai si è oberati, si rischia un accavallamento.
Venerdì, 19 Novembre 2010

AGENZIA ENTRATE: comunicato stampa su collaborazione con Inps

Con un comunicato stampa congiunto Agenzia delle entrate e Inps annunciano una collaborazione antievasione: in primo luogo sono previste scambio di informazioni e verifiche mirate. Si tratta di un accordo bilaterale di durata quinquennale che rinnova la collaborazione istituzionale tra i due enti, rendendo sempre più rapida ed efficace l’azione di recupero dell’evasione fiscale e contributiva grazie allo scambio sistematico di informazioni online e al potenziamento della rete dei controlli. In particolare, l’Agenzia sfrutterà le informazioni messe a disposizione dall’Inps per passare al setaccio la posizione delle imprese nei confronti del Fisco, mettendola eventualmente a confronto con i risultati degli studi di settore. L’Inps accederà all’Anagrafe tributaria per verificare la situazione economica e reddituale dei contribuenti (persone fisiche, aziende, datori di lavoro) riscontrando, per esempio, il diritto di godere effettivamente di prestazioni sociali agevolate.
Venerdì, 19 Novembre 2010

COLLEGATO AL LAVORO: la sperimentazione per il 770 mensile nel 2011

Al Forum sul Collegato al Lavoro il direttore dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera ha spiegato che la sperimentazione sulla mensilizzazione del 770 avrà inizio nel 2011. L'elaborazione del nuovo modello richiede tempo: verrà ma solo nel medio lungo periodo. Sul tema della lotta all’evasione Befera ha confermato l’impegno prioritario dell’Agenzia, le parole d’ordine sono: prevenzione e meno contenziosi. Sul tema si lavora al nuovo redditometro finalizzato alle persone fisiche; sarà messo a punto un software per aiutare il contribuente a capire se le sue spese sono in linea o meno con gli studi. In campo previdenziale il presidente dell'Inps Antonio Mastrapasqua ha assicurato che gli archivi dell’istituto sono stati “puliti”, non capiterà più di ricevere le cd. cartelle pazze. La manovra estiva ha semplificato la procedura della riscossione. Vanno in questa direzione la rateazione in 72 rate senza fidejussione, e la collaborazione con Entrate ed Equitalia. ... le altre novità fiscali ...
Giovedì, 18 Novembre 2010
|< < > >|     Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 
Email            Password